Danilo Maestosi
All'Accademia di Belle Arti e al Vittoriano

Archetipo Mariani

Con due mostre, Roma rende omaggio a Marcello Mariani, uno degli ultimi maestri dell'arte astratta, scomparso un anno fa. Nelle sue tele dedicata alla tragedia del terremoto dell'Aquila il tentativo estremo di tornare all'essenza dell'uomo

A un anno dalla scomparsa, Roma rende omaggio a Marcello Mariani (1938-2017), uno dei più singolari interpreti europei della pittura astratta, con due mostre in sequenza: la prima già in corso e in cartellone fino al 29 settembre in una sala dell’Accademia di Belle Arti, la seconda che si inaugura il 2 ottobre e si […]

continua »
Danilo Maestosi
Al Festivaletteratura di Mantova

La resistenza dei libri

Il bilancio della kermesse dei libri è sicuramente positivo, in termini di numeri; ma i sintomi dell'inciviltà, dell'imbarbarimento delle attese sociali sono arrivati anche qui. E non è un bel segno

Centoventimila spettatori in cinque giorni di programmazione. Per oltre metà paganti. Più o meno, gli stessi delle ultime edizioni. Quasi tre volte gli abitanti di questa città: si conferma che il richiamo del festival della Letteratura di Mantova è fenomeno nazionale che continua a superare i confini della Regione. Il responso dei numeri è che […]

continua »
Danilo Maestosi
Al Festivaletteratura di Mantova

Frontiera Chagall

Accanto a scrittori e poeti, il festival rende omaggio a Marc Chagall, genio visionario e cantastorie: l'unico che nel pieno dei tormenti del Novecento abbia continuato a difendere la necessità di un "ritorno al disordine"

Marc Chagall. Che straordinario padrino ha scelto Mantova per battezzare e accompagnare la nuova edizione del suo festival della letteratura e insieme sigillare la parziale riapertura di palazzo della Ragione dopo un interminabile restauro ancora in corso, con una mostra che inaugura un ciclo a puntate di rivisitazione dei grandi maestri promosso in collaborazione con […]

continua »
Danilo Maestosi
Una meraviglia archeologica da non perdere

La Domus Positano

Scoperta da Karl Weber nel 1758, torna visitabile la magnifica residenza romana di Positano, nel 79 d.C. ricoperta dalla stessa cenere che uccise Pompei. Un luogo unico e affascinante, tra architetture e affreschi

Sopra, l’allestimento d’autore che ha completato il restauro del sito ha ritagliato due file di seggi scavati in una pietra bianca come la pomice: per secoli, dal medioevo fino all’Ottocento, contro quegli gli alti schienali, incassati tra quei braccioli consunti, sopra quei sedili forati per disperdere i liquami, i monaci dell’abazia benedettina sui cui resti […]

continua »
Danilo Maestosi
La politica culturale della capitale

Allarme Macro Roma

Il nuovo Macro (targato De Finis) per l'incontro puro tra artisti e pubblico; il nuovo Palaexpo (targato Pietroiusti) aperto solo alla scienza. La Roma grillina gioca d'azzardo. Come andrà a finire?

Che cosa diventerà il padiglione comunale d’arte moderna di via Alessandria, che con il nome di Macro Asilo riaprirà il 1 ottobre con una gestione sperimentale affidata per 15 mesi a Giorgio De Finis, antropologo e artista consacrato dalla creazione di uno straordinario scrigno d’arte, il museo dell’Altrove (Maam) fondato in una ex fabbrica occupata […]

continua »
Danilo Maestosi
Visto alla GNAM di Roma

È la globalizzazione, bellezza!

“BRIC-à-brac | The Jumble of Growth”: in piena globalizzazione, lo stato dell’arte nei paesi dall’economia emergente, la mostra curata da Gerardo Mosquera e Huang Du

L’aspetto più riuscito è il doppio titolo che battezza la mostra. BRIC-à-brac | The Jumble of Growth è allestita in collaborazione con il Today Art Museum di Pechino ed è ospitata fino al 10 novembre nel grande salone alle spalle dell’atrio della Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma. In testa un gioco di parole che […]

continua »
Danilo Maestosi
A Roma una sentenza che suscita polemiche

L’arte e il giudice

Il tribunale ha intimato al ministero dell'Interno di pagare 28 milioni di euro per risarcire il mancato sgombero dell'ex fabbrica Fiorucci dove è nato il Museo dell’Altro e dell’Altrove. Una scelta sbagliata: vediamo perché

Ventotto milioni di euro. È la cifra di risarcimento che un giudice del Tribunale Civile ha addebitato al ministero dell’Interno per il mancato sgombero dell’ex fabbrica Fiorucci, sulla Prenestina, a Roma, occupato da duecento famiglie di senzatetto e poi trasformato in un gigantesco contenitore di opere d’arte, il Museo dell’Altro e dell’Altrove. Difficile che la […]

continua »
Danilo Maestosi
Al Maxxi di Roma

Assaggi d’Africa

Qual è l’immaginario africano, ossia di quella terra di povertà e contraddizioni che i nuovi razzismi additano come l’ultimo nemico della nostra “pace”? Roma, tra luci e ombre, prova a raccontarlo

Il Maxxi apre le porte all’Africa. E ai temi sempre più incalzanti e attuali che il presente e il futuro di questo continente in perenne fibrillazione pongono ai paesi del benessere che per secoli lo hanno invaso e colonizzato. Lo fa con due mostre che terranno cartellone fino all’autunno, affiancate da un corposo programma di […]

continua »
Danilo Maestosi
All'Accademia di Belle Arti di Roma

Le vibrazioni di Wang

Alla scoperta di Wang Yancheng, artista cinese trapiantato a Parigi che mette in relazione Monet e la tradizione orientale, sempre trovando una misura spirituale del tutto personale

Vale davvero doppio la mostra appena inaugurata nella sede dell’Accademia di Belle Arti di Roma in via Ripetta. Perché sigilla con un timbro di qualità l’avvio di un nuovo filone dedicato all’attività espositiva e riservato ad autori del panorama internazionale e italiano che l’Accademia, sotto la direzione di Tiziana D’Acchille, ha deciso di affiancare alla […]

continua »
Danilo Maestosi
Alla Galleria Nazionale di Roma

Lorenzetti e Conte, arte dall’isolamento

Il museo di Valle Giulia rende omaggio in parallelo a Bruno Conte e Carlo Lorenzetti: due artisti che da sessant'anni sperimentano nuovi linguaggi fuori dai vincoli delle mode e del mercato

C’è un purgatorio anche per gli artisti che non si sono adeguati alle regole del gioco e delle mode. Una terra di mezzo dove precipitano autori di assoluto valore ma fuori sistema che la critica e il mercato per calcolo o per pigrizia non sono riusciti a incasellare in quelle formule, in quegli schemi che […]

continua »