Danilo Maestosi
Al Museo Bilotti di Roma

Arte della crudeltà

Renata Rampazzi torna su uno dei temi principali delle sue ricerche giovanili: il rapporto tra sangue e dolore, nel segno della denuncia contro la violenza sulle donne. E così la mostra “Cruor" è al tempo stesso un colpo allo stomaco e un campanello d'allarme

Il colore del sangue per attraversare la tragedia senza fine del femminicidio e il tragitto della sua stessa vita ed esperienza di donna. È la doppia chiave con cui Renata Rampazzi – artista torinese over 70 trasmigrata a Roma, una  carriera di caratura internazionale alle spalle, credito che le nuove mode del Contemporaneo hanno ingiustamente […]

continua »
Danilo Maestosi
Vista al Macro di Roma

Arte usa e getta

Luca Lo Pinto apre la sua stagione al museo capitolino con una mostra che ripercorre in modo orizzontale (rimanendo sempre sulla superficie delle cose) l'arte romana dell'inizio degli anni Settanta. Come se il tempo (e le due problematiche) si fosse fermato allora

Ad accogliere chi entra e chi esce, una risata. O meglio la registrazione di una risata. Metallica, fastidiosa, stridente. Due volte finta. Come può essere il fantasma di una citazione ripescata nelle nebbie del tempo. Cinquanta anni fa per l’esattezza. Una risata storica, quella con cui nel 1970 Gino De Dominicis si fece beffa dei […]

continua »
Danilo Maestosi
Pubblicato l'epistolario tra l'artista e il critico

Caro Morandi… Caro Piccioni…

Nelle lettere tra Giorgio Morandi e Leone Piccioni c'è quasi il romanzo di una passione comune per la creazione artistica e la sua possibilità di trasfigurare la realtà. Un grimaldello per entrare nel laboratorio del Maestro e del suo giovane ammiratore

Caro Morandi… Caro Piccioni… Che bello tornare a sfogliare questo epistolario di mezzo secolo fa, riportato in un prezioso libello, appena pubblicato dalla casa editrice toscana gli Ori (64 pagine, 20 euro) che rischia di scivolar via sommerso dall’eccesso di uscite, costrette in lista d’attesa dalla prima fase della pandemia. Che bello rivivere quel curioso […]

continua »
Danilo Maestosi
Una mostra che sta girando l'Italia

Fotografare l’invisibile

Le fotografie che hanno vinto l'edizione 2020 del prestigioso World Press Photo esprimono una tendenza molto importante: quella di usare l'immagine - senza manipolarla - come uno strumento per spazzare l'oblio dalla realtà

Si è appena chiusa al PalaExpo di Roma la mostra che portava in passerella le foto premiate dalla fondazione World Press photo per il 2020. Una delle tante rassegne di qualità sabotate e scivolate via senza troppo risalto per le restrizioni e i rinvii imposti dalla pandemia. Ha senso parlarne ora a sipario calato? Sicuramente […]

continua »
Danilo Maestosi
I fuochi d'artificio della capitale

Roma senza estate

L'amministrazione grillina di Roma manda in pensione lo storico logo "Estate romana” che per quattro decenni ha segnato l'identità della città nel mondo. Davvero era necessario? E, perché, ancora una volta, provocare una tempesta in un bicchier d'acqua (senza un vero progetto)?

L’amministrazione grillina di Roma manda in pensione lo storico logo “Estate romana” che per quattro decenni ha segnato l’identità della città nel mondo. Davvero era necessario?

continua »
Danilo Maestosi
Visita alla Galleria Nazionale di Roma

Ritorno all’arte

Dopo mesi di clausura forzata, riaprono i musei. Con quali prospettive? La tendenza alla spettacolarità è ancora fortissima. E c'è il rischio che lo sforzo tecnologico fatto durante il lockdown possa creare il presupposto per un volo verso l'arte virtuale

OPEN: Dice la scritta composta con moduli di legno ai piedi della scalinata di valle Giulia. È l’annuncio con cui la Galleria nazionale d’arte moderna ha sigillato la sua riapertura al pubblico dopo il lungo embargo dell’epidemia, battendo sul tempo tutti gli altri musei romani che in ordine sparsi si sono poi accodati o si […]

continua »
Danilo Maestosi
Visite guidate

Abitare Kandinsky

Nelle opere di Kandinsky si percepisce fortissimo il rapporto tra “dentro e fuori” nel quale entrano in gioco la musica e la gestione dello spazio. Nel suo “Impressione III” c'è il tratto iniziale, dirompente della sua rivoluzione

Dentro… Fuori. Sembra un viaggio impossibile quello che ci impone questa quarantena forzata. Difficile trovare il fuori che era e sarà in questa città inverosimile e svuotata. Difficile rifugiarsi dentro con il corpo che scalpita adesso e i desideri che s’ingolfano in pensieri di fuga o sbiadiscono in sogni. Forse potremmo prendere esempio da chi […]

continua »
Danilo Maestosi
Vivere in quarantena

Penelope e il virus

Due dipinti ispirati a questi giorni di cattività. Giorni nei quali ciascuno di noi può solo aspettare, tessere e disfare continuamente la tela della sua vita, come Penelope aspettando Ulisse

Da tempo penso che il mestiere di vivere, come ogni attività d’incertezza e creazione, si risolva in un incessante, prezioso ma quasi sempre rimosso, lavoro di costruzione, demolizione, ricostruzione. In un interminabile fabbricare, disfare, tornare a fabbricare il guscio delle nostre prigioni. Interrotto da cadute, agnizioni, balzi in avanti, pause, regressioni, ripensamenti, pause, evasioni. Un […]

continua »
Danilo Maestosi
Alle Scuderie del Quirinale di Roma

La luce di Raffaello

La mostra appena aperta in occasione dei cinquecento anni dalla morte di Raffaello è da non perdere assolutamente. Per cogliere il percorso umano e creativo di un grandissimo che riscoprì la luce nelle ombre della Roma corrotta del primo Cinquecento

Sarà il clima cupo e contagioso di quest’Italia minacciata e imprigionata dal timore dell’epidemia, che imprime, come un velo, dazio allo sguardo: all’anteprima per la stampa una signora sviene per un malore e per oltre un’ora il primo piano delle Scuderie del Quirinale viene evacuato e sbarrato al pubblico; nei prossimi giorni l’afflusso dei visitatori […]

continua »
Danilo Maestosi
Al Palazzo delle Esposizioni di Roma

Jim Dine, oggetti e pittura

Una grande retrospettiva rende omaggio a Jim Dine, l'artista americano considerato uno dei protagonisti della stagione della Pop Art. Un'avventura creativa piena di intuizioni geniali, sconfitte e naufragi

Raro che un artista, a 85 anni compiuti e una fama internazionale nella quale trovar cuccia, sia disposto a ripercorrere la tappe della sua lunga carriera, a raccontarsi e persino a smentirsi con tanta partecipazione e tanta sincerità come ha fatto Jim Dine, collaborando alla grande retrospettiva in scena fino al 20 giugno al Palazzo […]

continua »