Danilo Maestosi
Su “La Battaglia del Leone di Venezia”

Il ‘600 postmoderno

Giulio Castelli entra nei segreti della storia veneziana del Seicento per raccontare il mondo dietro le quinte della guerra per il possesso dell’isola di Creta tra la Repubblica Veneta e l’impero Ottomano. Mescolando Storia e invenzione, Dumas e i pirati di Cromwell

Il vento. Inutile cercare tra i titoli di coda, nell’elenco dei tanti personaggi veri o di fantasia che popolano questo racconto, o nel prezioso glossario che lo precede. Eppure il vento, con i tanti nomi che lo battezzano e le metafore cui si presta, è il vero protagonista del romanzo La Battaglia del Leone di […]

continua »
Danilo Maestosi
A Palazzo Altemps di Roma

I giocattoli di Savinio

Una grande mostra curata da Ester Coen mette le opere di Alberto Savinio a confronto con l'estetica classica. Ne risalta un grande artista votato alla "commedia", in grado di giocare con i miti del passato e con gli incanti del presente

Chissà con che stati d’animo Alberto Savinio avrebbe attraversato la prima grande sala della mostra che palazzo Altemps, a Roma, dedica al suo inafferrabile talento di affabulatore, incorniciando questa ricca rivisitazione con un titolo che accoppia al suo nome d’arte i due enigmi, incanto e mito, che hanno popolato di guizzi la sua vita e […]

continua »
Danilo Maestosi
Al Maxxi di Roma

Una Maxxi festa

Il Museo del contemporaneo festeggia i suoi dieci anni di vita con una mostra che racconta il suo recente passato: da Yannis Kounellis a Claudio Parmeggiani, aspettando un autunno pieno di novità con Balla e Salgado

Un martedì grasso da incorniciare per il Maxxi, il museo nazionale d’arte contemporanea di via Guido Reni a Roma. Che nello stesso giorno celebra i suoi dieci anni di vita e la riapertura al pubblico dopo il lungo embargo Anticovid. E approfitta dell’occasione per presentare i suoi programmi per l’anno in corso. Il rito dell’anniversario […]

continua »
Danilo Maestosi
Ai Mercati di Traiano di Roma

Cesare e Napoleone

Una mostra piena di luci e ombre ripercorre il sogno romano di Napoleone che inseguì il mito dell'impero e della città eterna senza realmente riuscire a comprenderlo. Identificandosi in Giulio Cesare, immaginò un nuovo disegno dell'Urbe

Napoleone e il mito di Roma. Il titolo può generare aspettative da kolossal. E invece no, non è una grande mostra quella che si è appena inaugurata e terrà scena fino al trenta maggio ai Mercati di Traiano. Un centinaio di cimeli distribuiti su due piani con un po’ di pignoleria didascalica e non tutti […]

continua »
Danilo Maestosi
Al Museo dell'Ara Pacis di Roma

Labirinto Koudelka

Una mostra dedicata al grande fotografo Iosef Koudelka ci immerge nelle "radici" della nostra civiltà. Ma le sue immagini in bianco e nero hanno il potere di trasformare il Mediterraneo in un labirinto della conoscenza

Nell’Italia ridipinta di giallo, anche a Roma riaprono i musei. Ancora a mezzo servizio: embargo nei fine settimana, obbligo di prenotazione, ingressi col contagocce. Era ora. Continuo a pensare che sia stato un errore, in una città, culturalmente e socialmente allo sbando, disertata dal turismo, trattare i musei peggio di ristoranti o esercizi commerciali e […]

continua »
Danilo Maestosi
Vivere al tempo del Covid

L’inferno e no

La pandemia ci ha reso tutti un po' più uguali. Anche costringendoci a entrane nel mondo variopinto delle serie televisive. Ma lì, nei meandri di Netflix, si scoprono strane verità e comunissime dipendenze...

Confesso. Mi sto trasformando in un peccatore seriale. Non so esattamente che peccato sia trovarmi ogni giorno sintonizzato su una serie tv, seguendola fino ad esaurimento, o a saltellare qua e la sulle schermate di Sky o di Netflix per scoprirne e sperimentarne una nuova. Forse la lussuria perché ha in qualche modo a che […]

continua »
Danilo Maestosi
Le città tra arte e marginalità

I muri di Geco

La sindaca Raggi ha "smascherato" Geco, uno dei writer più presenti a Roma: ma davvero la street art è solo una questione di decoro urbano? E se invece fosse una risorsa? O la nuova testimonianza della disperazione metropolitana?

Il gesto più cattivo, per la sindaca Raggi, è stato svelare il suo nome, Lorenzo Perris, e il suo indirizzo a Largo Preneste. Ora questo Fantomas dei graffitari perde gran parte dell’alone di mistero legato a quel nomignolo, Geco, con cui firmava le sue spericolate apparizioni sui muri di Roma e altre città europee. E […]

continua »
Danilo Maestosi
Al Palazzo delle Esposizioni di Roma

L’arte distratta

Malgrado il titolo («Fuori») suggerisca un contatto con la realtà, la Quadriennale di Roma pecca proprio di assenza di rapporti con la vita vera. Una rappresentazione dell’Italia contemporanea da salotto borghese politicamente corretto e attento alle mode

Fuori. Proclama il titolo che battezza la diciassettesima edizione della Quadriennale inaugurata a Roma al Palazzo delle Esposizioni dove resterà in cartellone fino al 17 gennaio. Fuori. Si proietta all’esterno l’istallazione di un’artista esordiente, Norma Jeane, nome d’arte che ambiziosamente scimmiotta quello di Marylin Monroe: una modifica dell’impianto d’illuminazione dell’arcata d’ingresso su via Nazionale che […]

continua »
Danilo Maestosi
Al Casino dei Principi di villa Torlonia di Roma

Tutti a casa Attolico

Una bella mostra ricostruisce una parte della magnifica collezione di Bianca Attolico, protagonista della vita artistica e culturale della capitale, appena scomparsa. Da Fausto Pirandello a Mario Schifano, da Jannis Kounellis a William Kentridge, c'è il diario di una passione

«Quello che cerco è l’impronta di una riflessione sul senso stesso dell’arte… Forse cerco ancora il quadro della mia vita, non cerco il possesso. È un processo infinito, quasi una rincorsa verso l’impossibile». Così Bianca Attolico (1931-2020), esperta d’arte, gallerista, protagonista della vita culturale e mondana della capitale, recentemente scomparsa a 89 anni d’età, spiegava […]

continua »
Danilo Maestosi
In margine alla mostra romana

L’affaire Torlonia

I Marmi Torlonia finalmente visibili a Roma raccontano anche una storia di ambigua gestione dei beni artistici in questo Paese. Le opere, abbandonate a se stesse dai loro proprietari privati, tornano in mostra totalmente a spese dello Stato. Ma una parte dei ricavi andrà ai Torlonia

Tra le tante impressioni, l’ultima è forse la più forte. Sicuramente la più stridente. È l’immagine di una statua di Ercole giovane, collocata a fine percorso della grande mostra con cui in Campidoglio si celebra, nelle sale appena restaurate di villa Caffarelli, la restituzione alla vista dei tesori della collezione Torlonia, la più ricca raccolta […]

continua »