Paolo Petroni
A Palazzo Braschi di Roma

L’arte del costume

«I vestiti dei sogni» è una mostra su «La scuola dei costumisti italiani in un secolo di cinema» che mette in ordine la moda e l'immaginario nel punto in cui coincidono

C’è un costume, quello bianco ideato da Piero Tosi e realizzato dalla sartoria Tirelli per il gran ballo di Claudia cardinale/Angelica, nato per uno dei capolavori del nostro cinema, Il gattopardo di Luchino Visconti, che ha girato mostre expo di tutto il mondo e ha aiutato sicuramente, nel suo piccolo, la fortuna della moda italiana […]

continua »
Valentina Mezzacappa
Storie ritrovate

Elegia per Gus

Provate a rivedere “L’amore che resta“ di Gus Van Sant: un inno poetico alla vita e alla libertà di scelta. Soprattutto quando si entra in contatto con la morte

Era un uomo d’altri tempi. Dal salgariano spirito d’avventura e vinciano eclettismo. Era un ossimoro. Nobile decaduto di antiche origini austroungariche e profetico cantautore folk. Appassionato estimatore di Paperino come del grande melodramma italiano ottocentesco.  Amava e odiava visceralmente la terra dove era nato e cresciuto come gli uomini e le donne di Revelli, quell’autore […]

continua »
Orio Caldiron
A «Primo Piano sull’Autore»

Scandalosa Cavani

Da “Francesco d'Assisi” a “La Pelle“, il cinema italiano rende omaggio a un'autrice scomoda, mai accomodante. Sempre pronta a raccontare il lato oscuro della vita e della storia

Chi ha paura di Liliana Cavani? Se si mettono in fila i numerosi interventi della censura, le interpellanze parlamentari, la mancata circolazione di questo o di quel film, non c’è dubbio che, nel corso della sua attività, qualcuno a torto o a ragione ha avuto paura della sua carica polemica e della sua audacia sessuale, […]

continua »
Alessandro Boschi
Il nostro inviato al Lido

Picnic sull’Everest

«Everest» di Baltasar Kormakur apre (tra l'ostentata indifferenza del pubblico) la Mostra di Venezia. Più convincente l'odissea moderna di Rodrigo Plà, «Un monstruo de mil cabezas»

I pochi pregi (la prove di molti attori, molti, non tutti) e i molti difetti (retorica, che sembra un unico difetto ma che ne rappresenta molti) di cui Everest è infarcito, vanno filtrati attraverso la considerazione che questa pellicola diretta dall’islandese Baltasar Kormakur è il film di apertura della 72^ edizione della Mostra Internazionale d’Arte […]

continua »
Andrea Carraro
Uno spettatore a zonzo

Cinema da ritrovare

Da Visconti a Pasolini, da Branagh a Von Trier a Wim Wenders: il bello e il brutto dei vecchi film ritrovati un po' per caso. Per capire come è cambiato il nostro immaginario

Mi sarebbe piaciuto tanto fare il critico cinematografico, un tempo, all’epoca di Diario, una ventina d’anni fa, quand’ero giovane e non vedevo limiti alle mie ambizioni scrittorie. Lo proposi calorosamente anche a Nicola Fano e a Enrico Deaglio che dirigevano la rivista, alla quale collaboravo, ma per quell’incarico era già stato scelto Marco Lodoli, e, […]

continua »
Lidia Lombardi
“Magic in The Moonlight” di Woody Allen

La magia ci salverà

Questa la morale del nuovo film del regista americano che piace agli europei, non a caso ambientato in Provenza. Con l'eccellente interpretazione di Colin Firth e Emma Stone, ci convince che anche se il mondo sembra non aver scopo ci riserva qualche sorpresa...

Arriva nelle sale come sempre in questo periodo il nuovo film di Woody Allen (dal 4 dicembre, distribuito da Warner Bros, dopo l’anteprima nazionale al Festival di Torino). Ma che distanza siderale da quel Blue Jasmine uscito nel 2013 e che ha fruttato l’Oscar alla protagonista, Cate Blanchett. Magic in The Moonlight è una commedia […]

continua »
Alessandro Boschi
Visioni contromano

Il Pasolini dimezzato

A Venezia il film di Abel Ferrara su Pasolini ci aveva lasciato molti, troppi dubbi. La visione della versione doppiata ce li ha confermati: un'opera confusa, non all'altezza del modello cui vorrebbe rendere omaggio

La più importante emanazione di un film sembra essere talvolta la capacità di innescare dibattiti, di dividere, di dilatare il terreno, in questo caso piuttosto esiguo, di discussione. Ci riferiamo a Pasolini di Abel Ferrara, del quale abbiamo già parlato nelle nostre corrispondenze veneziane. In maniera, a dire il vero, alquanto sbrigativa. Il film non […]

continua »
Simona Negrelli
“Mediterranea” di Jonas Carpignano

Con gli occhi di Ayiva

Il Premio Mario Gallo al docufilm su Rosarno che il giovane regista italo-afroamericano ha scritto insieme agli immigrati clandestini. Acquistato in tutto il mondo (dopo Cannes e Venezia), è un gioiello realista finora ignorato dalla distribuzione italiana

Pare che la madre di tutte le nostalgie sia il mal d’Africa, la saudade che ti stringe il cuore dopo aver visto la natura selvaggia del più antico continente e che ti fa ritornare, sempre, come un assassino sul luogo del delitto. Ma esiste un altro languore, altrettanto potente, il mal di Calabria. Almeno stando […]

continua »
Alessandro Boschi
Visioni contromano

Guerra di classe

Non perdetevi "Class enemy” dello sloveno Rob Biĉek, un piccolo film esemplare sulla contrapposizione fra padri e figli. Dove tutti, alla fine, escono sconfitti

Class Enemy di Rob Biĉek è un film piccolo ma esemplare. Primo lungometraggio del giovane autore sloveno, Class Enemy affronta un argomento arduo, l’elaborazione di un suicidio in una classe di adolescenti. Di chi è la colpa se la giovane studentessa si è tolta la vita? Del professore nuovo, ovvio, che con i suoi metodi […]

continua »
Alessandro Boschi
La discussione sul film di Iñárritu

La critica renziazionaria

Come previsto, Birdman ha sbaragliato tutti nella notte degli Oscar. Forse è merito della sua capacità di "prevedere" i gusti del pubblico. Tra populismo e paternalismo

Come avevamo previsto, Birdman ha fatto il pieno. Miglior film, migliore regia e migliore sceneggiatura originale testimoniano ampiamente il successo di Alejandro González Iñárritu. Che il film non ci avesse convinto lo avevamo scritto in tempi non sospetti (clicca qui per leggere la recensione), quando già si prefigurava l’avvenuta apoteosi. Eravamo sicuri dell’Oscar perché nutrivamo […]

continua »