Roberto Mussapi
Every beat of my heart

Epifania di lei

Byron comprese la donna e il prodigio del suo farsi immagine assoluta. Fusione di notte e giorno, puro incanto, come un sogno capace di donarsi e mutare il nostro essere. Radiosa apparizione che passa e il poeta coglie l’inafferrabile...

Radiosa. Apparizione. She Walks in Beauty, nel titolo. Tradurlo significa non cadere nell’inganno di una donna che cammina, ma comprendere il senso del verbo inglese che indica passaggio. Origine, cammino, meta. Oscura, la meta, agli occhi di chi contempla questa donna apparsa immagine con la sua bellezza. Completa perché non da afferrare come la Lesbia […]

continua »
Roberto Mussapi
Every beat of my heart, la poesia

Quando Amore parla

William Shakespeare, il suo Byron innamorato di “Pene d’amor perdute” e tre parole decisive che iniziano con “A” per gli auguri di un Buon 2017! A cui se ne aggiunge una quarta che sveleremo: Avventura. Che il suo spirito sia con noi!

Byron ci è cascato, confessa d’essere innamorato. Non è il grande poeta e nuotatore e non meno grande amatore. È un personaggio di una delle meravigliose commedie di Shakespeare. Commedia sull’amore, sull’impossibilità e innaturalità di non amare. Ma, come sempre in Shakespeare, l’opera è anche una messa in scena della natura intrinsecamente teatrale della vita. […]

continua »
Roberto Mussapi
Every beat of my heart, la poesia

L’Italia di Shelley

Così nei versi del poeta che ha come biglietti da visita l’Allodola e il Vento Occidentale quello che all’occhio sembra un paesaggio si tramuta in un mondo…

Shelley scrisse forse una delle più originali opere poetiche d’Occidente, in relazione al cielo, un vero e proprio poema in forma di trilogia del volo. Se prendessimo sue composizioni come elementi di un trittico (che poi era quanto intendeva l’autore) Alla nuvola, A un’allodola e Ode al vento occidentale costituiscono un composito poema del volo, […]

continua »