Andrea Carraro
Ceccamea e Qualmann chiudono Testi a fronte

Racconti del Duemila

Oggi si conclude la nostra rassegna di racconti inediti illustrati da pittori. Nel corso dei mesi, abbiamo tracciato un ritratto della narrativa e dell'arte del nuovo Millennio. E dal 2 marzo, opere e testi saranno in mostra alla Galleria Porta Latina di Roma

Eccoci dunque giunti all’ultimo appuntamento della nostra rassegna Testo a fronte, nella quale – rifacendoci a una tradizione che rimonta alle avanguardie storiche (futurismo, dadaismo, surrealismo), passando attraverso le esperienze della pop art e del gruppo 63 – abbiamo pensato di mettere insieme testo e disegno, l’uno a complemento (o a contrasto) dell’altro. A ben […]






continua »
Andrea Carraro
Un poemetto inedito

Back office

«Un intero paese che stupra/ Pagando in contanti un orco ottuso/ Mezzo Lucifero e mezzo Caronte/ Piantato davanti alla baracca/ Che regola l’ingresso/ A quel sancta sanctorum dell’orrore/ Che doveva restare inviolato/ All’occhio del lettore»: sullo scrivere e morire in banca

Devi pur dirlo a qualcuno Ch’eri a metà della storia Cioè per te era finita Prima che ti venisse l’idea Quell’idea lì ch’era una svolta Accidenti ma vai con ordine Un passo alla volta C’era una riunione sindacale Quella mattina – che avevi disertato Tanto per cambiare E creavi in grazia di Dio Nel tuo […]






continua »
Andrea Carraro
Dialoghetto sull'amicizia

La poetessa rumena

«Ciao! Anche io scrivo poesie. Non sono in Italia, vivo a Bucarest. Mi piacerebbe incontrarti. Se mi aiuti a venire in Italia...»

“Ciao e grazie dell’amicizia” “Ciao, grazie a te.” “Come stai?” “Bene”. “Questo non è il mio profilo” “Ah” “Io mi chiamo Pincopallina.” “Piacere Pincopallina.” “Non sono italiana.” “E come mai hai due profili?” “Chissà…” “Beh, se non lo sai tu…” “Forse per fare conoscenze… Tutte per me…” “E non ne basta uno?” “Vedo che non […]






continua »
Andrea Carraro
Dialoghetto sul (mal)costume

Moravia o Bolaño?

Comincia oggi una nuova rubrica: Andrea Carraro racconta in forma di dialogo semiserio il mondo della letteratura e dell'editoria. Fatto più di vizi che di virtù

“Volevi parlarmi…” “Beh, sì… Giusto per conoscersi… Ho letto qualche pagina del tuo romanzo…  Accomodati, troppo sole?, spostati pure… Ti ordino un caffè?” “Ah, ti è piaciuto?” “Poi ne parliamo… adesso dimmi un po’ di te… Chi sei, che cosa fai, immagino che sei studente…” “Sì, Filosofia, un po’ fuori corso…” “Ah, bene, e quando […]






continua »
Andrea Carraro
A proposito di "Bosseide"

Dopo Gomorra

Con il suo nuovo romanzo Nando Vitali compie una sorta di viaggio antropologico (e letterario) nel cuore delle contraddizioni napoletane. Che hanno sempre a che fare con amore e morte

Nando Vitali è uno dei romanzieri italiani più interessanti in circolazione e lo conferma questo suo nuovo, bellissimo romanzo Bosseide (Gaffi, 238 pagine, 14,90 Euro) su un boss camorristico feroce ma anche misteriosamente tenero. Il romanzo precedente dello scrittore napoletano – sulle foibe, ma non solo, I morti non serbano rancore  (Gaffi) – era prima […]






continua »
Andrea Carraro
Un romanzo in uscita per Gaffi

Un alpino a Roma

Ne «La strategia del tango», Paolo Restuccia racconta la storia di un uomo che incrocia un intrico di corruzione e criminalità politica. Ne anticipiamo l'introduzione di Andrea Carraro

Non è facile imbattersi in romanzi italiani che raccontino il mondo dei militari, basta una rapida ricerca su Google per rendersene conto. Questo potente esordio narrativo di Paolo Restuccia, La strategia del tango, è proprio  un giallo atipico di ambientazione militare nel quale un colonnello degli Alpini, Ettore, si trova a ficcare il naso, inizialmente quasi controvoglia e […]






continua »
Marco Fiorletta
Un romanzo da recuperare

Trappole per topi

«Il Sorcio» di Andrea Carraro è un libro che fotografa alla perfezione il dolore legato a una formazione umana continuamente interrotta. Dai furbi, dagli arrivisti, dai competitivi...

Se non avete voglia di guardarvi dentro, di confrontarvi con la vostra vita lavorativa, con la famiglia – quella da cui si proviene e quella che vi siete o vi state costruendo – se non avete voglia di confrontarvi, insomma, con la vita, allora non leggete questo libro anche se forse, appunto per quella voglia […]






continua »
Andrea Carraro
Ancora su "Passaggio in Sardegna"

Ritratto di Sardegna

Il nuovo libro di Massimo Onofri è il suo migliore: l'autore racconta come un romanziere una terra mitica fatta di cose belle e cose brutte e perfino orride

Forse questo Passaggio in Sardegna (Giunti, pp.279, 12 euro), nuovo libro di Massimo Onofri ospitato nella bella collana Italiani di Benedetta Centovalli, è il migliore che ha scritto il critico-saggista viterbese (da molti anni professore all’università di Sassari) nella sua ormai lunga carriera di critico e saggista, comunque quello che a noi è piaciuto di […]






continua »
Andrea Carraro
Da Joe Louis a Cassius Clay

Lo sport del dolore

In due libri di Joyce Carole Oates e Gianni Minà rivive l'agonizzante mito della boxe e quell’«infanzia omicida della razza» che lo «spazio mitico» del ring evoca senza ambiguità

«Non mi va tanto di dirlo, ma è così: mi piace molto di più quando arriva il dolore» – confessò una volta il peso medio Frank «the animal» Fletcher in un’intervista. Ecco, in tale spontanea ed estemporanea dichiarazione di un pugile mediamente famoso c’è forse distillato il più profondo senso della boxe, che la rende diversa […]






continua »
Andrea Carraro
L'Italia di Berlinguer/2

L’isola comunista

Gli anni Settanta sono stati così pieni di contraddizioni e di illusioni che la stessa realtà sfuggiva alla nostra comprensione. Come la "rivoluzione" tentata dal leader del Pci

Non sono un politologo, eviterò quindi di osservare la figura di Berlinguer da questo punto di vista. Cercherò invece di raccontare a voi e a me stesso che cosa ha significato, soprattutto a livello simbolico, Berlinguer nella mia vita. La prima volta che sentii pronunciare la parola Berlinguer potevo avere 11 o 12 anni, ed […]






continua »