Nicola Bottiglieri
L'avventura di una papera alla deriva

Papere e cavallette

L'earth overshoot day, il giorno in cui finiscono le riserve naturali della terra, si avvicina sempre di più a inizio anno: che cosa si può fare per evitare di consumare la natura in modo irreparabile?

A partire dal 1970 il calendario registra un giorno nefasto, invisibile alla maggioranza degli uomini ma perfido e devastante, perché nascosto nelle pieghe della terra. È il giorno nel quale si svegliano tutte le cavallette del mondo e cominciano a mangiare quello che vedono: piante, animali, uomini, pietre,aria, acqua, terra, ecc. ecc. Nel 2015 fu […]

continua »
Gabriele Trama
Lo stato d'emergenza di Santa Barbara

Il petrolio di Obama

La Casa Bianca punta a incrementare le fonti energetiche pulite e a non dipendere dalle forniture straniere di materie prime. Ma cercare petrolio a ogni costo è pericoloso, come dimostra il nuovo disastro in California

Pochi giorni fa in California è stato dichiarato lo stato di emergenza per disastro ambientale: nella contea di Santa Barbara, alcuni chilometri a Nord di Los Angeles, una marea nera di petrolio ha investito le spiagge della costa. Il combustibile è fuoriuscito da un oleodotto che collega una piattaforma per l’estrazione del greggio da giacimenti […]

continua »
Gabriele Trama
Lettura de «I segreti di Gray Mountain»

Grisham ambientalista

Nel suo nuovo romanzo John Grisham affronta il tema dell'inquinamento (impunito) operato dalle major del carbone. Una tema scottante che l'autore di best seller affronta con imprevedibile realismo

«Estrarre carbone è una faccenda sporca, lo è sempre stata». Questa frase, pronunciata da uno dei personaggi dell’ultimo libro di John Grisham, I segreti di Gray Mountain, mi sarebbe piaciuta di più come titolo di questo avvincente romanzo. L’autore americano di best sellers, noto come il maestro del genere “legal thriller”, affronta per la prima volta […]

continua »
Gabriele Trama
L'anno nero dell'ambiente globale

Solo la Cina inquina?

Il summit ambientale di New York è stato un fallimento. Perché la Cina, che produce il 25% del CO2, lo ha di fatto boicottato. E perché gli Usa, malgrado Obama, di pulire i consumi non ne vogliono sapere

Domenica scorsa 21 settembre si sono tenute manifestazioni contro il riscaldamento del pianeta nelle più importanti città del mondo, in vista del summit indetto dal Segretario delle Nazioni Unite Ban Ki -moon per martedi 23.  A New York, sede del summit, hanno manifestato 300.000 persone e nel resto del mondo circa 700.000 per un totale […]

continua »
Gabriele Trama
La Terra calpestata

Il «negazionismo»

Il caso clamoroso di Wei-Hock Soon, astrofisico che nega il riscaldamento della terra ma è profumatamente pagato dalle multinazionali petrolifere, riapre il conflitto tra industria e ambiente

È di questi giorni la notizia che alcune nuove ricerche di Greenpeace e del Climate Investigation Center hanno rivelato chi siano i finanziatori occulti dell’ingegnere aerospaziale Wei-Hock Soon del centro per l’Astrofisica di Harvard. L’ingegnere, noto per i suoi studi e rapporti, alcuni presentati anche al Congresso degli Stati Uniti, volti a dimostrare la poca […]

continua »
Roberto Gramiccia
Allo Studio “Arte fuori centro” di Roma

Elogio dell’acqua

Anche l'arte può ricordare l'inviolabilità dell'ambiente. Lo fa Silvia Stucky con un'installazione dedicata alla purezza nel segno dell'«Acqua senza io»

Il 22 aprile del 2015 si è inaugurata, presso lo Studio “Arte fuori centro” di Roma (via Ercole Bombelli, 22), la terza mostra della rassegna Acque, a cura di Laura Turco Liveri. Ad essere presentata è stata un’installazione di Silvia Stucky, dal titolo L’acqua è senza io, realizzata appositamente per gli spazi della galleria. Silvia […]

continua »
Gabriele Trama
L'industria e l'ambiente

Biocombustibili addio?

La produzione di biocombustibili “ruba“ terra alle coltivazioni alimentari. Il problema - forse - si potrebbe risolvere con gli Ogm: ma che ne diranno gli ambientalisti radicali?

L’idea di produrre combustibili estraendoli da piante coltivate allo scopo o dai residui organici di alcuni raccolti dell’agricoltura e degli allevamenti animali ha cominciato a diffondersi con le prime crisi petrolifere e con la crescita del prezzo del petrolio. Si cominciò a pensare di estrarre dallo zucchero l’etanolo da miscelare alla benzina, come da sempre […]

continua »
Gabriele Trama
Dopo il summit di Berlino

I Grandi Inquinatori

I paesi del G7 hanno firmato un accordo sul controllo del riscaldamento globale che hanno chiamato «ambizioso e realistico». Ecco perché è solo un libro dei sogni

I paesi del G7, riuniti in Germania, nei giorni scorsi hanno raggiunto un nuovo accordo sulla riduzione dei gas serra, responsabili dell’innalzamento della temperatura media della Terra. In vista della conferenza mondiale sul clima, che si terrà a Parigi nel dicembre prossimo e alla quale parteciperanno anche gli altri grandi paesi inquinatori, come Cina e […]

continua »
Gabriele Trama
La rivoluzione sulle strade

Auto (quasi) pulite

Toyota e Honda annunciano la produzione di due auto a idrogeno. Ma davvero è questo il futuro delle auto a emissione zero? O il motore ibrido resta il top per l'ambiente

La notizia di questi giorni è che le due maggiori case automobilistiche giapponesi, Toyota e Honda, hanno rispolverato l’auto a idrogeno presentando due modelli a celle di combustibile (è un sistema che trasforma l’idrogeno in acqua e energia elettrica, con la quale alimenta il motore elettrico che muove l’auto). Il modello della Toyota si chiama […]

continua »
Gabriele Trama
Energia e competizione economica

Made in Fracking

L'economia Usa è ripartita grazie al fracking, un sistema di estrazione di gas mediante la frantumazione delle rocce. Si tratta di un metodo costoso e dannoso. Che l'Europa non può permettersi

L’economa americana sta rimettendo le ali e ancora una volta il carburante di questa ripresa è il petrolio, che insieme al gas, viene estratto dalle rocce scistose. Lo shale oil e lo shale gas, estratti da rocce argillose con la tecnica del fracking, stanno portando (forse) rapidamente gli Stati Uniti all’indipendenza energetica. Negli ultimi sei […]

continua »