Alessandra Pratesi
Al Salone Internazionale del Libro di Torino

L’imperatore di Atlantide

All’interno del programma del Salone OFF, presso il Centro Sociale Comunità Ebraica di Torino, lunedì 6 maggio alle 21:00 si presenta “L’imperatore di Atlantide”, saggio del critico teatrale Enrico Pastore con un contributo della musicologa Marida Rizzuti edito da Miraggi. Una lucida e al tempo stesso toccante guida all’interno di una delle pagine più buie della storia, del teatro, della musica e dell’Europa

Enrico Pastore, classe 1974, critico teatrale, regista e direttore della Compagnia D.A.F., per la collana Janus-Giano di Miraggi Edizioni è l’autore del saggio L’imperatore di Atlantide dedicato all’omonima opera composta da Viktor Ullmann (musicista) e Peter Kien (librettista) tra il 1943 e il 1944 nel ghetto di Terezín. «Mi era apparso evidente fin dal primo […]

continua »
Alessandra Pratesi
Visto all’Off Off Theatre di Roma

Impotenza in atto (unico)

Gianluigi Fogacci è attore e regista di “The Prudes”, la pièce di Anthony Neilson che parla di istinti e ambizioni, di paure e aspirazioni di una coppia che da avventurosa si avvia al tramonto. O forse no

James e Jessica sono i Prudes (The Prudes nel titolo, letteralmente ‘i puritani’), o forse no dice lei perché non sono sposati: Jimmy e Jess sono semplicemente una coppia. Da nove anni insieme, da sei sotto lo stesso tetto. Hanno sperimentato in questi anni. Eccome se hanno sperimentato. Lui definisce avventurosa la loro vita sessuale. Così è stato […]

continua »
Alessandra Pratesi, Luca Zipoli
Visto al Teatro Argentina di Roma

Mozart si è fatto in quattro

Doppio appuntamento con Mozart e la Filarmonica Romana. Passione e perizia, chiarezza espositiva e pulizia esecutiva: guida il pubblico la voce esperta di critico e divulgatore di Sandro Cappelletto, accompagna il viaggio nella produzione da camera dell’enfant prodige il Quartetto Guadagnini

Esatti e divertenti, di composta eleganza neoclassica e di travagliate sonorità già romantiche. Sin dai primi quartetti giovanili, Mozart dimostra una profonda maestria nel maneggiare questa forma di scrittura cameristica ancora in fase di definizione a livello europeo. Sin dalla primissima prova di scrittura per quattro archi, Mozart dimostra di possedere, quindicenne, «gravità di riflessione […]

continua »
Alessandra Pratesi
Visto al Teatro dell’Opera di Roma

La vedova allegra in pista

Damiano Michieletto offre al pubblico romano una “Vedova allegra” anni Cinquanta dove si balla il boogie woogie e dove l’invito continuo alla danza diventa un invito alla vita. L’artista veneto firma la regia dell’operetta di Franz Lehár conferendo, dietro le tonalità pastello, brio travolgente e leggerezza irresistibile

L’ha fatto di nuovo. Apparentemente si è limitato ad uno slittamento temporale di appena mezzo secolo, dai valzer belle époque al boogie-woogie anni Cinquanta. In realtà l’intervento del regista veneto sulla Vedova allegra andata in scena all’Opera di Roma dal 14 al 20 aprile, ma già nel cartellone della Fenice 2017-2018, non coinvolge solo l’ambientazione. Anche […]

continua »
Alessandra Pratesi
Visto al Teatro Argentina di Roma

Violoncello Superstar

Può un violoncello solo riempire un teatro? È successo il 14 febbraio a Roma, con il concerto “Ba-Rock” di Giovanni Sollima. La Filarmonica Romana registra il tutto esaurito presentando un virtuoso del violoncello nonché un’eccellenza italiana nel mondo capace di unire giovani e meno giovani, il barocco della Scuola bolognese e il metal degli Slayer, Bach e i Nirvana

«Il violoncello è uno strumento che sussurra, che canta, che urla. Sopra questa soglia è una chitarra elettrica». Così si pronuncia Giovanni Sollima prima della sua esibizione. Ba-Rock, spiega Sollima, «è un progetto quasi di sopravvivenza». Il virtuoso del violoncello ha abituato il suo pubblico agli sconfinamenti di genere, alle acrobazie spericolate e avveniristiche, alle […]

continua »
Alessandra Pratesi
Visto al Teatro dell'Opera di Roma

Il cuore di Carmen

Prima mondiale il 2 febbraio per il balletto “Carmen” del coreografo Jiří Bubeníček. Riadattamento della novella di Mérimée e della partitura di Bizet per andare al cuore dei sentimenti della ribelle e indomita gitana (Susanna Salvi) e del suo geloso e focoso José (Amar Ramasar). Il 21 marzo trasmissione televisiva in differita su Rai5

«Era una bellezza strana e selvaggia, una figura che a prima vista sorprendeva, ma che non si poteva dimenticare. Soprattutto gli occhi, con un’espressione a un tempo voluttuosa e ferina, quale non ho mai più ritrovato in nessun altro sguardo umano». Qui sta l’essenza della Carmen di Prosper Mérimée. La tempra indomabile e il carattere […]

continua »
Alessandra Pratesi
A proposito di San Valentino

Cara Giulietta

In occasione della festa degli innamorati, una riflessione per tutti coloro che sono innamorati dell’amore, del teatro e del cinema. Due finali a confronto di due trasposizioni cinematografiche del classico dei classici di Shakespeare: “Giulietta e Romeo” di Renato Castellani (1954) e “Romeo+Juliet” di Baz Luhrmann 1996

«Ah, cara Giulietta, perché sei ancora così bella?». È il fatale quesito pronunciato da Romeo sulla tomba dell’amata. Poco importa, poi, se a pronunciarlo sia Laurence Harvey o Leonardo Di Caprio, o se a prestare i tratti alla dolce Giulietta sia Susan Shentall o Claire Danes. Secondario pure che l’ultima dimora della giovane sia un […]

continua »
Alessandra Pratesi
Visto al Teatro Argentina di Roma

Violoncello in tutte le lingue del mondo

Chiude trionfante la stagione della Filarmonica Romana il violoncello di Mario Brunello affiancato dal Coro del Friuli Venezia Giulia. Spaziano dal repertorio classico alle composizioni novecentesche e contemporanee offrendo una serata raccolta e intensa, vibrante e coinvolgente

Chioma canuta e barba bianca, fa il suo ingresso sulla scena con l’andatura posata e serena del saggio: Mario Brunello, classe 1960, è un guru del violoncello. Un eremita e un penitente, interamente votato alla dea Musica. È un mistico e un visionario, oltre che un virtuoso dello strumento. Insieme al Coro del Friuli Venezia […]

continua »
Alessandra Pratesi
Visto al Teatro Eliseo di Roma

I 25 anni di Novecento

A 25 anni dal debutto al Festival di Asti, torna a teatro il monologo di Alessandro Baricco dedicato al pianista sull'oceano che non era mai sceso a terra: "Novecento". Regista e interprete storici, Gabriele Vacis e Eugenio Allegri, ridanno vita alla storia di Danny Boodman T.D. Lemon Novecento

«Non sei fregato veramente finché hai da parte una buona storia, e qualcuno a cui raccontarla». Alessandro Baricco, Gabriele Vacis ed Eugenio Allegri sono tra coloro che una buona storia da raccontare ce l’hanno. E pure un pubblico, numeroso e caloroso, cui raccontarla. Per i suoi venticinque anni dal debutto nazionale, Novecento, il monologo teatrale scritto […]

continua »
Alessandra Pratesi
Visto al Teatro Eliseo di Roma

Quando il Diavolo ci mette le corna

Prodotto dal Teatro Stabile dell’Umbria, presentato in prima nazionale al Teatro Cucinelli di Solomeo, ora è al Teatro Eliseo di Roma: “Il Maestro e Margherita” di Bulgakov nell’adattamento firmato Letizia Russo (testo) e Andrea Baracco (regia). Un Michele Riondino in uno stato di grazia è Satana

Il Maestro e Margherita dà le vertigini. Il testo di Bulgakov è un classico della letteratura russa e mondiale, un monumento dell’ingegneria letteraria per la densità dei riferimenti storici, culturali e satirici, per la sovrapposizione di filoni narrativi e di intonazioni, per l’alternanza di alto e basso, tragico e comico, bene e male, ragione e […]

continua »