Giuseppe Grattacaso
Ultimo banco

Smemorata maturità

Senza riti collettivi e senza brindisi a decretare riscatto e liberazione, senza prova d'italiano e con l'incertezza che avvolge il colloquio in mascherina: arriva il più anomalo degli esami di maturità. Ci sarà qualcosa da ricordare?

Ricordo piuttosto nitidamente la sera del 30 giugno del 1976. Cominciava infatti, sarebbe dovuta cominciare, la mia notte prima degli esami. Allora, in verità, non si chiamava così, o meglio non era entrata con questo titolo nell’immaginario di tutti. Era una notte prima degli esami senza la ben nota canzone di Antonello Venditti, che sarebbe […]

continua »
Raoul Precht
Periscopio (globale)

Frontiera Forster

Una rilettura di Edward Morgan Forster, a cinquant'anni dalla morte. Nelle sue opere c'è tutto il senso del passaggio dalla letteratura dell'Ottocento a quella del Novecento. Dal realismo al dubbio

Qualche anno fa, uno dei migliori scrittori britannici in circolazione, Julian Barnes, si è lasciato andare, sul Guardian, a una palinodia piuttosto inusuale. Ha cioè confessato come, dopo aver detestato un certo autore per tutta la vita, con sua grande sorpresa gli sia capitato negli ultimi tempi di rileggerlo e di gradirlo, rovesciando in pratica […]

continua »
Luigi Saitta
“Colpi di scena” di Matteo Renzoni

Tennis spettacolo

Partite memorabili, emozioni irripetibili per appassionati e non, vissute accanto ai campioni di tutti i tempi: dal nostro Panatta ai mitici Borg, Federer e Djokovic. In un libro firmato da uno che se ne intende (e che ha palleggiato con Ljubicic)

Sport e letteratura. Un binomio non sempre felice, spesso ondivago e altalenante, almeno in Italia. Non sono molti infatti, nel nostro Paese, i libri dedicati ai vari sport nazionali. A parte il calcio, che come sempre la fa da padrone, sono poche le pubblicazioni (romanzi o saggi) che trattano dell’atletica leggera, del ciclismo, del basket, […]

continua »
Domenico Calcaterra
Sulla linea di Sciascia e Consolo

Per Nino De Vita

Encomio di Nino De Vita per i suoi settant'anni. Il poeta di “Cutusiu” che ha inventato (o meglio reinventato) una lingua per esprimere un mondo; un “Tiatru” dove le parole diventano le cose

Il primo da cui ebbi notizia di un sì appartato e singolare poeta fu Vincenzo Consolo, prima che egli stesso ne scrivesse, come augurale viatico, la prefazione all’edizione “non clandestina”, per i tipi della editrice messinese Mesogea, della sua seconda e più celebre raccolta, Cutusiu (2001). Ecco, dunque, il tramite di una frequentazione, per me, […]

continua »
Anna Camaiti Hostert
Cartolina dall'America

Piovono statue

Dopo l'omicidio razzista di George Floyd, negli Usa cadono le prime teste. Ma sono teste di piombo, come quella del generale Robert E. Lee, schiavista e razzista che perse la guerra civile ma per molti resta un mito. Da abbattere, appunto

Negli stati dell’Alabama, della Virginia, della North e South Carolina, del Mississippi, del Tennessee, del Kentucky e perfino della Pennsylvania e dell’Indiana si succede ormai da giorni, dopo l’uccisione di George Floyd, una furia iconoclasta contro i monumenti e le statue dei generali dell’esercito confederato. In particolare contro quella del generale Robert E. Lee comandante […]

continua »
Lidia Lombardi
Lo scaffale degli editori

In diretta da Wuhan

I post della poetessa e scrittrice Fang Fang raccolti in un libro maltollerato in Cina e non sostenuto, nella forza della sua dissidenza politica verso il regime di Pechino, nemmeno dall’Occidente

Per una volta questa rubrica si occupa soltanto di un titolo. Perché Wuhan – Diari da una città chiusa firmato da Fang Fang, poetessa e scrittrice che vive appunto nella metropoli-martire dell’Hubei, è lo specchio di come funziona di striscio la censura, e non soltanto in Cina ma tra gli editori dell’Occidente. Il libro uscito in […]

continua »
Gianni Cerasuolo
Italia-Germania 4-3/La partita

Quelli dell’Azteca

Un golletto di Boninsegna al 10', poi ottantadue minuti di assedio fino al pareggio assurdo di Schnellinger. Fu a quel punto che cominciò la “partita del secolo”. Con colpi di scena, drammi e braccia al cielo. Nella seconda puntata della nostra inchiesta, la cronaca di un evento che ha fatto la storia dello sport

«Ascoltatori italiani buonasera in diretta via satellite dal Messico. La nazionale italiana con le belle e precedenti prove, specialmente con la partita contro il Messico nei quarti di finale, ha conquistato il diritto di disputare allo stadio Azteca la semifinale per il campionato del mondo…». Cinquant’anni fa, Nando Martellini cominciava così nel suo stile asciutto […]

continua »
Giuliana Bonanni
Finestra sul mondo

Salvate i bouquiniste

A Parigi hanno riaperto i bouquiniste, le librerie di rarità e volumi usati (ma anche souvenir) lungo la Senna. Hanno chiesto protezione all'Unesco per non sparire. E sognano di tornare a essere "antiquari popolari"

Dopo la chiusura per il lockdown, liberati dal malefico sortilegio che li aveva fatti sparire, dall’11 maggio i bouquiniste parigini sono tornati sui lungosenna con le loro bancarelle, grandi “scatole” di metallo verde piene di vecchi libri, fumetti, cartoline e, talvolta, semplici souvenir. Dei 227 titolari della concessione gratuita del comune di Parigi, sono stati […]

continua »
Delia Morea
A proposito di “Non c’ero mai stato”

Sconosciuti napoletani

Il nuovo romanzo di Vladimiro Bottone scandaglia una Napoli contemporanea fatta di eccessi e indifferenza. Una storia di passioni tra generazioni diverse, nel segno della quantità della vita (e della sua "pericolosità")

Non c’ero mai stato (Neri Pozza, pagg. 399, € 20,00), nuovo romanzo di Vladimiro Bottone, si configura come una storia di rara potenza, una vera e propria discesa agli inferi. Vladimiro Bottone, scrittore di chiara fama, nei suoi romanzi di solito s’inoltra in territori storici raccontando, sempre con una grande fascinazione, vicende di tempi andati […]

continua »
Asia Vitullo
Cinema dalla poltrona

Sconosciuta bellezza

Nel tempo della bruttezza, come non fare ricorso a “American Beauty” e al suo ambiguo elogio della bellezza? Il film di Sam Mendes con Kevin Spacey fa ancora riflettere su una società che crolla dietro alle apparenze patinate

Di questi tempi parlare di bellezza è difficile. Abbiamo vissuto gli ultimi mesi catapultati in una realtà che ci voleva diversi, non più liberi, non più pienamente noi stessi. Il 2020 ha dichiarato guerra all’umano e a tutti i valori che sentivamo radicati nel profondo della nostra società. La bellezza, assieme a tutte le sue […]

continua »