Lidia Lombardi
Itinerari per un giorno di festa

Aria di Respighi

In via della Camiluccia a Roma, Villa I Pini, l’amata dimora del celebre autore della Trilogia Romana, progettata dall’amico Marcello Piacentini, si può solo immaginare. Tracce perdute di un’epoca, di una intelligenza e di un gusto che solo una targa toponomastica oggi pallidamente evoca

Questo è un itinerario alla ricerca di un luogo perduto. Da ricostruire con l’immaginazione e per indizi. Per leggere in filigrana, dietro quello che ora esiste, quello che c’era una volta, un po’ meno di cento anni fa. Parliamo di un posto fortemente simbolico e identitario per Roma, la villa “I Pini”, in via della […]






continua »
Pier Mario Fasanotti
Consigli per gli acquisti

Il Fellini segreto

Le confessioni sui miti e sul sesso di Federico Fellini, le parole continuamente interrotte di Yasmina Reza e un nuovo giallo ateniese di Marcos Chicot

Miti. “Amarcord”, si potrebbe dire leggendo un testo, poco conosciuto ai più, di Federico Fellini (L’Olimpo) recuperato da Sem Editore (161 pagine, 15 euro, introduzione di Sergio Zavoli, romagnolo come l’autore). Chi conosce il regista e il suo profilo psicologico, ricorderà quel che scrisse nel Libro dei sogni: «Adesso voglio proprio dirlo: mi rimproverano di trattare il […]






continua »
Laura Novelli
La rassegna che inizia sabato

Memorie di teatro

"Le vie dei festival", tradizionale appuntamento con il teatro d'autunno, quest'anno non ha avuto fondi dall'amministrazione romana. «Vorrei capire quali siano le politiche culturali della nostra città», dice la direttrice Natalia Di Iorio

Ricordo ancora con vivida energia alcuni straordinari spettacoli che, in oltre vent’anni di direzione artistica, Natalia Di Iorio ha portato a Roma all’interno della rassegna Le vie dei Festival. Li ricordo – e posso citare nomi come Alain Platel, Lars Norèn, Eimuntas Nekrošius – perché la memoria è, a teatro, il solo canale che permetta […]






continua »
Danilo Maestosi
Il razzismo (non solo) del linguaggio

Contro la parola degrado

Degrado: ecco un termine ipocrita da mettere al bando: battezziamo in questo modo quella che dovremo riconoscere come povertà, così scacciamo il pensiero. Come è successo oggi tra le colonne del Bernini a San Pietro

Degrado. Ecco una parola – irritante e dannosa – che vorrei far finire in archivio. Cancellarla no. Nello stupidario nazionale un suo posto d’onore se l’è conquistato. Penso piuttosto a una sospensione a termine, come si fa a pallanuoto con i giocatori scorretti, spediti fuori vasca per una punizione a tempo. Accantonata in attesa di […]






continua »
Vincenzo Nuzzo
Una nuova frontiera del pensiero

Rifondazione teologica

Nelle opere di Kevin Hart (filosofo, teologo e poeta australiano) e del francese Jean Luc Marion c'è un nuovo azzardo del pensiero: ricostruire dopo la “de-costruzone” di Jacques Derrida

A quanto pare nel mondo filosofico non si è affatto spento l’interesse per la religione. Un recente numero monografico della rivista statunitense Sophia [56 (1) 2017] è stato infatti dedicato interamente al pensiero di Kevin Hart (filosofo, teologo e poeta australiano), il quale, ponendosi sulla scia del filosofo francese Jean Luc Marion, ha dedicato tutta […]






continua »
Mario Di Calo
Visto al Globe di Roma

Un Macbeth in nero

Fuoco, cuoio, lattex, bandiere, grand guignol, Daniele Salvo porta in scena Macbeth e punta tutto sul carosello delle tre streghe: di ogni strage l’uomo ne dimentica la crudeltà, è ancora pronto ad affrontarne un'altra e poi un'altra ancora

Ultimo spettacolo in programma al Globe Theatre – prodotto dalla Politeama di Gigi Proietti – è il Macbeth con la regia di Daniele Salvo, che punta sulla tragedia shakespeariana nota per la sua tipica ispirazione o vocazione funesta e malefica. Vi si narra delle gesta insane o sane – this is the question – di […]






continua »
Marco Fiorletta
A cinquant'anni dalla morte

I 25 Che Guevara

Nadia Angelucci e Gianni Tarquini ripercorrono le tracce del mito di Che Guevara attraverso le testimonianze di chi, negli angoli più diversi della società, ne ha subito il fascino. E per ognuno c'è un eroe diverso...

Cinquanta anni, il prossimo 9 ottobre, senza il Che. Fu ucciso in Bolivia il 9 ottobre 1967, dalle forze armate boliviane con la fattiva e mai immancabile partecipazione della Cia. Era stato catturato il giorno prima e ferito alle gambe, reso inoffensivo: ma dovevano comunque distruggere l’uomo e il mito e allora lo freddarono con […]






continua »
Alberto Fraccacreta
A proposito di “Cieli celesti”

La poesia ancestrale

I versi di Claudio Damiani segnano il ritorno all’ancestrale (inteso come mito del buon selvaggio): un percorso tramite il quale è possibile recuperare la risonanza del primo vagito dell’universo

«Beppe Salvia è morto a Roma, a trent’anni, gettandosi dalla finestra di casa sua sabato 6 aprile, a via del Fontanile Arenato. Ho sempre avuto l’impressione che abitasse in quella via perché il nome gli piaceva. Un nome liricamente simbolico». È il drammatico inizio dell’articolo Morte d’un giovane poeta di Marco Lodoli, pubblicato il 18 […]






continua »
Roberto Mussapi
Every beat of my heart, la poesia

L’estrema conoscenza

Torna il “battito” di Roberto Mussapi che porta sulla scena la parola poetica con tutta l’energia espressiva che possiede. Lo fa con un nuovo libro da cui è tratto il monologo di Amleto che pubblichiamo. Un Amleto sopraffatto dal troppo amore…

Nel mese di luglio annunciavo ai nostri lettori un mio libro in uscita, anticipandone un monologo, Cassandra. Dopo questa “sospensione”, (non “pausa”), di Agosto, ritorno con quel libro ora in libreria. E riprendo i criteri di fondo che lo ispirano. Nel Novecento Thomas Stearns Eliot riformula i tre generi di poesia: lirica, epica e drammatica. […]






continua »
Pier Mario Fasanotti
Consigli per gli acquisti

Eroi e cravatte

Le parole strane di Teresa Buongiorno, la matematica di Germano Pettarin e la mafia secondo Davide Morosinotto: tre libri utili per ragazzi che crescono

Cravatta. Già, da dove viene questo termine? Ce lo spiega, anche bene, la giornalista e scrittrice Teresa Buongiorno in Storie di parole curiose (Einaudi Ragazzi, 109 pag., 11,90 euro). L’origine non è italiana, bensì croata (hrvati). Al tempo del re Sole, i francesi furono incantati da una delegazione di croati che indossavano dalla giacca rossa […]






continua »