Lidia Lombardi
Verso il premio letterario

Strega per sei

Sarà una sfida tra Veronesi, Carofiglio e Parrella il prossimo Premio Strega? Annunciata la cinquina che però, per garantire le piccole case editrici, è diventata una sestina. Aspettando il Ninfeo di Valle Giulia

Un anno strano, un Premio Strega strano. Intanto per la prima volta, causa coronavirus, ha lasciato l’attico di via Fratelli Ruspoli, la casa di Maria Bellonci, fondatrice del maggiore alloro letterario italiano, per traslocare al Tempio di Adriano. Altra novità, un voto esclusivamente on line, con le schede da consegnare entro le ore 13 di […]

continua »
Alberto Fraccacreta
A proposito di "La diga ombra"

Poesia di ombre

La nuova raccolta poetica di Antonio Bux propone una sorta di discesa negli inferi per trovare il significato delle cose (e delle persone): un viaggio oltre il confine delle sicurezze consuete

La discesa agli inferi è forse uno dei topos più frequentati nella poesia contemporanea. Il «varco» montaliano è quel punto del visibile in cui il poeta riesce a scorgere un legame, un’orlatura, una scorciatoia con il mondo dei morti, e ne dà conto nei suoi versi, quasi fossero una cronaca non troppo nascosta della catabasi […]

continua »
Luca Fortis
Storie e memorie da un mondo lontano

Teheran all’asta

Incontro con Aisling Sareh Haghshenas, artista e ambientalista iraniana: «L'attenzione per le creazioni mediorientali è iniziata quando Christie's ha aperto un negozio a Dubai. Da allora è cambiato tutto. E non sempre in meglio»

Teheran, la capitale iraniana, è una città in eterno movimento, muta sempre pelle. È diventata la capitale del paese solamente nell’800 e purtroppo ad ogni cambio politico, il nuovo potere ha sempre tentato di plasmare la città a sua propria immagine e somiglianza. Se spesso i monumenti lasciati dal regno o governo precedente, venivano per […]

continua »
Anna Camaiti Hostert
Cartolina dall'America

Internazionale razzista

Lo sdegno per l'omicidio di George Floyd, ormai, dilaga nel mondo. Ma anche il cancro del razzismo travalica i confini. E non da oggi. Negli Usa, forse, è più evidente in questo momento a causa dell'assenza di leadership della Casa Bianca

Per qualunque americano l’immagine dell’uccisione di George Floyd non è un’eccezione. Purtroppo è divenuta qualcosa che si ripete ormai da troppo tempo e troppo di frequente. A parte il dolore dei tanti che sentono nella carne viva del proprio corpo bruciare la ferita di un dolore cosi grande come quello di vedere di continuo il proprio […]

continua »
Giuseppe Grattacaso
Ultimo banco

Gli scomparsi

Radiografia degli scomparsi, anime in pena del mondo. Vaganti per contratto fin dal giorno dell’iscrizione, guadagnano metri e posizioni, fino ritrovarsi in un banco isolato a un palmo dalla cattedra. Ma con la testa continuano a vagare

I primi a sparire sono stati gli studenti cinesi. Si chiamano Alessandro Cristina Andrea Stella Stefano, ma il cognome ne rende evidente l’origine prima ancora che il prof, il primo giorno di scuola all’appello, alzi gli occhi dal registro e ne scopra la timidezza e gli occhi a mandorla. Sono scomparsi appena pochi giorni dopo […]

continua »
Danilo Maestosi
Visita alla Galleria Nazionale di Roma

Ritorno all’arte

Dopo mesi di clausura forzata, riaprono i musei. Con quali prospettive? La tendenza alla spettacolarità è ancora fortissima. E c'è il rischio che lo sforzo tecnologico fatto durante il lockdown possa creare il presupposto per un volo verso l'arte virtuale

OPEN: Dice la scritta composta con moduli di legno ai piedi della scalinata di valle Giulia. È l’annuncio con cui la Galleria nazionale d’arte moderna ha sigillato la sua riapertura al pubblico dopo il lungo embargo dell’epidemia, battendo sul tempo tutti gli altri musei romani che in ordine sparsi si sono poi accodati o si […]

continua »
Gianni Cerasuolo
Italia-Germania 4-3/ Il Paese

Bombe e pallone

Cinquant'anni fa la partita del secolo a Messico '70. Che Italia era, quella che scese in piazza per la prima volta per il calcio? Era appena passato il Sessantotto, la politica era incerta, Piazza Fontana era insanguinata mentre si cantava Lucio Battisti. La prima parte di un'inchiesta in tre puntate

Quel giorno un bel po’ di famiglie erano preoccupate per i loro ragazzi. Come succede oggi a causa del Covid 19, i genitori non sapevano quando e come sarebbe ripresa la scuola, c’erano di mezzo scrutini ed esami, ma allora fu per via di uno sciopero infinito di docenti e personale delle sigle sindacali autonome. […]

continua »
Roberto Mussapi
Every beat of my life

Il mistero dell’essere

«Il respiro della ricerca spirituale incessante» nella poesia qui presentata del venezuelano Santos Lopez. Che rivolge alla madre la domanda fondamentale di senso della vita e della morte. Come Ulisse nell’Ade

Cenote è un termine che indica, nel mondo mesoamericano, una pozza d’acqua dolce affiorante, in certe zone dello Yutacan, da un fiume sotterraneo. Quindi un’acqua che dal profondo giunge in superficie, chiamando l’uomo che vi si sofferma forse come la pozza in cui si specchiò Narciso: come scrisse Melville, cercando il mistero della realtà umana […]

continua »
Flavio Fusi
Cronache infedeli

Philip Roth e Trump

Per capire che cosa sta succedendo negli Usa dopo l'assassinio di George Floyd, occorre rileggere "La macchia umana" di Philip Roth. Una premonizione su un Paese che non riesce a superare la macchia interiore del razzismo

«Noi lasciamo una macchia, lasciamo una traccia, lasciamo la nostra impronta. Impurità, crudeltà, abuso, errore, escremento, seme: non c’è altro mezzo per essere qui». Nell’ora più buia e più rabbiosa del grande Paese americano, lasciamo parlare Philip Roth nel suo libro più buio e più rabbioso: La macchia umana, (“The human stain”).  Il romanzo – […]

continua »
Giuliana Bonanni
Finestra sul mondo

La guerra di twitter

La sfida fra Trump e twitter è una piccola cosa, forse, rispetto alla rabbia che brucia l'America dopo l'omicidio di George Floyd. Eppure è un conflitto che può cambiare radicalmente il mondo dei social media

«È stata una delle più grandi storie d’amore della politica americana e adesso rischia di naufragare». Esordisce così David Smith, corrispondente da Washington del Guardian, nell’articolo che descrive il rapporto simbiotico di Donald Trump e Twitter, arrivati ad un passo dal divorzio, dopo che Twitter ha segnalato come imprecisi e fuorvianti alcuni tweet presidenziali. La […]

continua »