Anna Camaiti Hostert
Cartolina dall'America

Il thriller di Clinton

Un gruppo di cyberterroristi minaccia gli Usa e il presidente sparisce, in circostanze poco chiare. Succede in un romanzo che farà scalpore per come tratta i temi (delicatissimi) della sicurezza americana. L'autore? Bill Clinton. Con James Patterson

Che Bill Clinton fosse un avido e appassionato lettore di thriller non è una novità come ha testimoniato anche Joe Klein editorialista di Time Magazine e autore del libro Primary Colors proprio su Bill e Hillary Clinton da cui fu tratto il famoso film dall’omonimo titolo. “Clinton è stato sempre un devoto e proteiforme lettore […]






continua »
Roberto Mussapi
Every beat of my heart

Platone e lo Zen

Secondo Roberto Mussapi, tra gli autori “sopravvalutati” a Hermann Hesse va riconosciuto un posto speciale. Ci ha insegnato ad attingere all’Oriente con sguardo occidentale, senza impassibilità ma anzi realizzando uno scambio, un dono all’altro di sé e a se stessi dell’altro

Esistono poeti e scrittori sopravvalutati in certe epoche, per ragioni di sentimento del tempo: negli anni Sessanta Pablo Neruda, poeta dell’amore e della donna, nonché fiero Premio Stalin, indubbiamente poeta, ma appunto sopravvalutato rispetto ai contemporanei Ungaretti, Montale, Benn, Bonnefoy. Negli stessi anni il sopravvalutato per antonomasia, il truce e “peso”- con l’intraducibile e inarrivabile […]






continua »
Nicola Bottiglieri
Viaggio in Patagonia/2

Magellano e i ribelli

A San Julián, piena Patagonia, nell'aria c'è ancora l'eco dell'ammutinamento che nel 1520 poteva cambiare il corso della storia. Perché la storia, specie quella dei navigatori, può prendere una strada o un'altra per un nonnulla

Nella storia della “scoperta” del nuovo mondo vi sono state delle giornate nelle quali il destino del Continente è stato determinato da eventi casuali, senza i quali la storia dell’America sarebbe stata diversa. Tale fu la decisione di Cristoforo Colombo di seguire uno stormo di uccelli il 9 ottobre del 1492 e di abbandonare la […]






continua »
Velia Majo
All'Arsenale di Venezia

Architettura Italia

Mario Cucinella, il curatore del Padiglione Italia della Biennale Architettura, porta il visitatore lungo un percorso "minore" nel nostro paese: piccoli centri lontani dalle arterie principali; da Orgosolo a Gibellina

Un viaggio attraverso i territori interni dell’Italia per ritrovare le radici di un sapere stratificato lungo la storia millenaria del paese; si parte da Venezia e si attraversano le Alpi, l’Appennino, le Isole: è il viaggio compiuto dall’architetto Mario Cucinella, curatore del Padiglione Italia per la sedicesima edizione della Mostra Internazionale di Architettura della Biennale […]






continua »
Raoul Precht
Periscopio (globale)

Rileggere Cohen

Un romanzo torrenziale, bulimico e tentacolare che va dall’umorismo ebraico all’artificio che regola le relazioni sociali fra dominatori e dominati: ecco perché “Belle du Seigneur“ di Albert Cohen è da rileggere

Nella vita di ogni organizzazione aziendale c’è un momento topico, ricorrente a volte a intervalli regolari, durante il quale uomini e donne di carriera si esaltano e da cui invece gli altri (la stragrande maggioranza) rifuggirebbero, se solo potessero, inventandosi un pretesto qualunque. È l’impietosa occasione in cui, nel quadro di una cosiddetta convention, o […]






continua »
Chiara D’Andrea
Alla Bibliothèque Nationale de France

Maggio o miraggio?

Una grande mostra a Parigi ripercorre il Sessantotto visto come spazio sociale nel quale, per la prima volta, l'immagine divenne messaggio. Dalle foto agli slogan, le icone di un'utopia

Il preludio fu l’occupazione della facoltà di Lettere all’Università di Nanterre nel marzo 1968, poi, nel maggio di quello stesso anno, la rivolta studentesca arrivò a Parigi e nel resto della Francia. Cinquant’anni fa per le strade della Ville Lumière imperversavano le manifestazioni studentesche a cui presero parte anche gli operai e i movimenti femministi. […]






continua »
Leopoldo Carlesimo
La seconda parte di “Pat e il pirata"

L’elicottero di Pat

«Quello di Pat era l’unico elicottero a volare in Papua New Guinea, una novità assoluta. Le compagnie minerarie australiane che iniziarono a operare nel Paese videro in quel mezzo una soluzione impensata, quasi miracolosa, a molti dei loro problemi...»

Riassunto della prima puntata: Nell’isola della Nuova Guinea, dove la scoperta e lo sfruttamento di importanti giacimenti di gas sta rapidamente trasformando il Paese, sottoponendolo ad un accelerato e dirompente sviluppo economico, un avventuriero australiano, Malcom Kelly, cerca di combinare un lucroso affare, convincendo una Compagnia italiana a costruire nel cuore della jungla una grande […]






continua »
Andrea Carraro
A proposito di “Bambole e schiavi”

Gli schiavi di Paris

Il nuovo romanzo di Renzo Paris racconta di uno scrittore di bugie e una donna di tragedie vere: l'epopea di un intellettuale stanco che incontra una migrante degli amori fallimentari

“Non ci si mette mai l’anima in pace, per vecchio che uno sia” (Philip Roth): in esergo al nuovo libro di Renzo Paris troviamo varie citazioni, fra cui questa, che ne illumina magnificamente sia il contenuto sia la cifra morale. Bambole e schiavi (Elliot) è uno degli esempi più riusciti di Autofiction – una tendenza […]






continua »
Nicola Bottiglieri
Viaggio in Patagonia/1

Cercando Magellano

Da Rio de la Plata (dove Magellano scoprì che il passaggio doveva essere molto più a Sud) a Puerto Deseado, terra di pinguini e leoni marini: viaggio lungo una grande cicatrice della storia

Vi è molta Italia in Patagonia, più di quanta ne abbia vista Bruce Chatwin nel suo famoso libro In Patagonia… Vi è l’Italia di Antonio Pigafetta, vicentino, che insieme ad altri 35 italiani accompagnò Magellano nel suo giro intorno mondo (1519/1522). Vi è poi l’Italia dei salesiani di don Bosco presenti in tutte le città […]






continua »
Sergio Mattarella
In difesa dell'Italia

Difendere gli italiani

Il “popolo italiano”, il 4 marzo, non ha votato per l'uscita dell'Italia dall'Euro, né per una coalizione Lega-Cinque stelle: ecco come ha spiegato la sua giusta posizione il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella

Il cosiddetto “popolo italiano”, lo scorso 4 marzo, non ha votato per l’uscita dell’Italia dall’Euro, né ha votato per una coalizione composta dal Lega e Cinque stelle, che invece erano acerrimi nemici, in campagna elettorale, né ha votato un certo Giuseppe Conte che pure è stato incaricato di formare un governo. A valle di tutto […]






continua »