Luca Fortis
In Siria, dopo l'aggressione turca/3

Il puzzle di Aleppo

Aleppo è stata al centro della terribile guerra civile con le forze governative chiuse nella Cittadella assediata dagli islamisti. Ora, mentre la Turchia vuole spaccare con la forza la comunità curda, qui la vita torna alla normalità. Con infrastrutture e palazzi pronti a essere ricostruiti

L’autostrada per Aleppo non è sicura perché troppo vicina alla zona di Idlib, ancora controllata dai ribelli e dalle forze turche. Per arrivare in città bisogna prendere la strada che costeggia il deserto a est. A sentire solo le televisioni italiane (e non solo loro) sembra che tutto il paese sia ancora in guerra, ma […]

continua »
Roberto Mussapi
Every beat of my life

Il canto della natura

Un giorno passato a «guardare la luminosa aperta faccia del cielo», nell’«erba ondulata, a leggere un lieto, un gentile racconto di amore e languore». Il colloquio di John Keats con le nuvole, il vento, l’origine…

John Keats, dei romantici inglesi che cambiano la poesia, è quello in cui si attua la massima fusione tra l’uomo e la natura, uniti in una realtà originariamente consustanziale. Riscopre le voci dell’erba, del vento, della nuvola, non con la possente invocazione delle odi di Shelley, ma con una magica scoperta di affinità elettive. Non […]

continua »
Loretto Rafanelli
“Transazione eseguita” di Emilio Zucchi

A tutti i resistenti

È un urlo, un richiamo la nuova raccolta del poeta parmense sul male e le sue terribili conseguenze che ci minacciano. Una poesia senza alcuna retorica, che supera la fase intimistica per rivolgersi a quanti sono disposti a seguire il lume di un nuovo umanesimo

Certamente non mancano gli scrittori che hanno descritto la situazione a cui la società mondiale è giunta, sul versante ecologico ricordo ad esempio i libri recenti della norvegese Maja Lunde, che attraverso le storie sulle api e sull’acqua ci dice come il nostro mondo declini, oppure Jonathan Safran Foer col suo Possiamo salvare il mondo, […]

continua »
Lidia Lombardi
Itinerari per un giorno di festa

Lucca tra Bellotto e Ragghianti

Nel Complesso di San Micheletto, sede della Fondazione intitolata al critico d’arte lucchese, “laboratorio di studio e centro di esperienze culturali”, una mostra testimonia il viaggio in Toscana del grande vedutista veneziano nipote del Canaletto. Mentre rinasce la celebre rivista “Critica d’arte”

La sala conferenze era il refettorio delle Clarisse, nei due chiostri spiccano sul prato sculture contemporanee, nella biblioteca si impongono una archetipica figura femminile in legno di Giuliano Vangi e un nudo di Vittorio Tavernari. L’archivio e la fototeca hanno il soffitto a capriate e affacciano sui tetti di Lucca. Sono gli spazi suggestivi della […]

continua »
Tina Pane
Al Museo Archeologico Nazionale di Napoli

Progetto Terra

Salvare il Pianeta dall'autodistruzione è ancora possibile: ma occorre cambiare radicalmente la cultura dei consumi e della convivenza. Lo testimonia una mostra (molto coinvolgente) sull'effetto dei cambiamenti climatici

C’era una volta la terra, quella che Dio (o chi per lui) consegnò ad Adamo ed Eva dopo averla appositamente creata: un paradiso. E poi c’è l’uomo, che questa terra ha abitato e sfruttato, e che comincia a mettere in atto buone pratiche per cambiare il futuro. È questa, in estrema sintesi, la storia raccontata […]

continua »
Danilo Maestosi
Al museo Maxxi di Roma

I figli di Kandinskij

Una mostra (da un'idea di Lea Mattarella) fa il punto del rapporto tra arte contemporanea e "spirituale" (anche in versione new age). Una fotografia attendibile - piena di luci e ombre, dunque - della ricerca di oggi

Lo spirituale nell’arte. Nasce da un proposta incompiuta che Lea Mattarella, critica e storica da sempre avversa alle mode che pilotano il sistema dell’arte, si è lasciata alle spalle con la sua morte, il copione della mostra, appena inaugurata al Maxxi, che rispolvera questo titolo, preso in prestito da un celebre saggio di Kandinskij del […]

continua »
Giuseppe Grattacaso
A proposito di "O caro pensiero”

Poesia del pensiero

La nuova raccolta poetica di Renato Minore da un lato segue il filo conduttore dell'ispirazione leopardiana (serve sempre un pensiero che la sostenga) e dall'altra si mostra come una variante lirica del raccontare in prosa

Il titolo del nuovo libro di poesie di Renato Minore, O caro pensiero (Aragno editore), rimanda senza che se ne possa dubitare a Leopardi, per quel vocativo che risulta così singolarmente ottocentesco, per il “caro”, che è aggettivo caro appunto al recanatese, e soprattutto per il riferimento al pensiero, modalità e strumento letterario associabile all’intera […]

continua »
Anna Camaiti Hostert
Cartolina dall'America

Compagna Warren

La senatrice democratica del Massachusetts che corre per le presidenziali del 2020 è l’unica tra i candidati che ha già stilato il suo programma di governo. Dove si batte per il “Medicare for All”, per l’istruzione per tutti, per l’accoglienza dei migranti, per i diritti degli omosessuali, per l’ambiente e per una più equa distribuzione della ricchezza

Settantenne, eletta al Senato nello stato del Massachusetts per la prima volta nel 2012, Elizabeth Warren è, insieme a Joe Biden, ex vice presidente degli Stati Uniti con Barack Obama, e a Bernie Sanders, noto senatore del Vermont, rivale agguerrito di Hillary Clinton alle ultime elezioni del 2016, una delle candidate favorite per il turno […]

continua »
Pier Mario Fasanotti
A proposito di “La mafia non lascia tempo”

La mafia esiste

Gaspare Mutolo, storico collaboratore di giustizia, dice la sua su Cosa Nostra: Riina, Provenzano, Messina Denaro. Poi gli intrecci con lo Stato e la politica. Ne viene fuori un'Italia spaventosa. Più vera del vero

Ora vive a Roma, ma non si può dire in quale zona. E stato mafioso per 19 anni, ha compiuto 22 omicidi, è entrato in Cosa Nostra nel’73 e si è dissociato nel ’92. È uno dei più importanti pentiti. A spingerlo a capovolgere ufficialmente la sua biografia criminale furono le domande serrate del giudice […]

continua »
Sabino Caronia
“Antica limba” di Antonio Maria Masia

Ritorno al conosciuto

Una nuova raccolta del poeta sardo che ritorna sulle tematiche della nostalgia e della memoria nell’antica lingua della sua terra. Un recupero dell’identità nella patria del “su connottu” che esalta, in una varietà di metri, il nesso tra poesia e canto

Di autentico sangue sardo, erede di una consolidata tradizione familiare di poesia orale, il poeta Antonio Maria Masia ripropone in Antica limba. Poesia e melodos peri sas àndalas de sa vida (Antica lingua, poesie e riflessioni lungo i sentieri della vita, Edizioni Nemapress), le tematiche della nostalgia e della memoria che erano proprie della precedente […]

continua »