Paola Benadusi Marzocca
La trilogia fantasy di Francesco Gungui

Il male Europa

Una nazione-città immaginaria, dove a dettar legge è un'Autorità crudele e ingiusta, che privilegia i ricchi, umilia i poveri e confina i dissidenti all'Inferno. È il plot di “I Canti delle Terre Divise”, una narrazione metaforicamente “dantesca” con evidenti allusioni alla realtà...

L’inesorabile discesa fra la “perduta gente”, che è poi la nostra gente nella metafora dantesca di Francesco Gungui, narrata in tre volumi con il titolo I Canti delle Terre Divise: Inferno (430 pagine, 5,00 euro), Purgatorio (392 pagine, 14,90 euro),  (318 pagine,14,90 euro), pubblicati da Fabbri, è una dura denuncia contro il Potere. La dimensione […]

continua »
Domenico Cacopardo
Racconti del peccato/24

Lussuria

Il tipo s’adombrò. Gli occhi lampeggiarono. Poi, seccamente, aggiunse: «Sono mastro dipintore e cavaliere del santissimo ordine di San Giovanni di Gerusalemme, ch’ora governa l’isola di Malta. Realizzo tele per chiese e nobili signori

Non erano le tre, quando due viaggiatori con un servo si presentarono alla Locanda dei Paladini di Francia. Donna Teodora li squadrò sospettosa, come sempre coi forestieri: il più anziano era sopra i quaranta, occhi lampeggianti e neri; piglio da padrone, statura media e una barba scura, irsuta e riccia. Capelli lunghi, raccolti in una […]

continua »
Gabriele Trama
L'anno nero dell'ambiente globale

Solo la Cina inquina?

Il summit ambientale di New York è stato un fallimento. Perché la Cina, che produce il 25% del CO2, lo ha di fatto boicottato. E perché gli Usa, malgrado Obama, di pulire i consumi non ne vogliono sapere

Domenica scorsa 21 settembre si sono tenute manifestazioni contro il riscaldamento del pianeta nelle più importanti città del mondo, in vista del summit indetto dal Segretario delle Nazioni Unite Ban Ki -moon per martedi 23.  A New York, sede del summit, hanno manifestato 300.000 persone e nel resto del mondo circa 700.000 per un totale […]

continua »
Nicola Fano
Marco Ferrari e Arrigo Petacco

Sparate a Garibaldi!

Un (bel) libro racconta la storia di Luigi Ferrari, il bersagliere che nel 1862 sull'Aspromonte sparò a Garibaldi. Un antieroe che vive di contraddizioni. Proprio come l'Italia

Cominciamo col dire che Garibaldi non fu ferito ad una gamba. O, meglio, nella sua lunga carriera di generale guerrigliero fu ferito dappertutto, alle cosce, al torace, alle braccia, ma la ferita per antonomasia, quella che gli rovinò il corpo e l’anima, fu al piede. Al malleolo, per l’esattezza. Avvenne in Aspromonte, il 29 agosto del […]

continua »
Valentina Fortichiari
“Tutte le donne di” di Caterina Bonvicini

Aspettando Vittorio

Una corte femminile si interroga sulla scomparsa dell’uomo a cui ruota intorno. Svelando molto della nostra vita. Bello, appassionante, lirico, il romanzo della Bonvicini, autrice di storie emblematiche e convincenti

Un uomo che sia stato al contempo figlio, due volte marito, due volte padre, amante, fratello, è possibile che – scomparendo – generi un inatteso scompiglio fra le donne che lo hanno amato? Si, è possibile qualora le esistenze di tutte le sue donne, troppe donne, siano state totalmente convergenti sulla sua. Senza preamboli, Caterina […]

continua »
Ella Baffoni
Al museo Bilotti di Roma

Fenomeno street art

Viva sulle facciate dei palazzi per le quali è nata, morta nei musei oppure raccontata dalla fotografia? La street art discute del suo futuro. Accettando tutti i rischi

Nata nelle zone occupate, poi esplosa anche fuori, la street art viene considerata oggi un vivificante elemento del panorama artistico italiano, romano in modo particolare. Di questo stanno discutendo in questi giorni (ultimo incontro sabato scorso, ma altri ne seguiranno nei prossimi fine settimana) al Museo Bilotti (Aranciera di villa Borghese) alcuni curatori e critici, […]

continua »
Alberto Fraccacreta
L'elzeviro secco

La luce di Beckett

Hamm, Clov e la luce che muore; la tenebra della speranza e la quantità della vita secondo Adorno: in «Finale di partita» di Beckett c'è una guida alla commedia quotidiana

«Clov: Ti lascio, ho da fare. Mamm: Nella tua cucina? Clov: Sì. Hamm: A far che, vorrei proprio saperlo. Clov: A guardare il muro. Hamm: Il muro! E che cosa ci vedi, sul tuo muro? Mane, tekel, fares? Dei corpi nudi? Clov: Vedo la mia luce che muore». Quattro personaggi: Hamm, padrone di casa cieco […]

continua »
Paolo Petroni
In scena all'Eliseo

Barbareschi all’asta

Luca Barbareschi racconta in scena l'avventura della sua vita: lo fa con ironia, disincanto e grande forza teatrale. Una prova da vero mattatore che inchioda il pubblico per due ore

«Siccome non mi piacevo per nulla decisi di fare l’attore per poter essere tante altre persone diverse di ogni genere» racconta Luca Barbareschi, ma paradossalmente lo fa portando in scena proprio se stesso, rivisitando la sua vita nel monologo con musiche, l’one man show di cui è anche autore Cercando segnali d’amore nell’universo che ha […]

continua »
Pier Mario Fasanotti
A proposito de “Il bel tempo di Tripoli”

Grottesco italico

Il giornalista Angelo Angelastro ha raccolto le memorie di Filippo Salerno che negli anni Trenta partecipò alla farsa imperiale del fascismo in Africa. Un documento impietoso sul carattere degli italiani

Spietata, autentica e grottesca fotografia dell’Italia negli anni in cui, dal 1935 al ’36, s’impadronisce dell’Africa orientale allargando il suo impero coloniale. Partiamo subito dal settembre ’35: si fanno vedere le fioche luci di Massaua, in Abissinia. Faceva molto caldo. Il Battaglione Lucano s’accosta al litorale. Silenzio cupo, a parte certe frasi urlate: “Battaglioni della […]

continua »
Tina Pane
Una mostra post-Expo

Mangiare è un’arte?

Nelle sale del Convento di San Domenico Maggiore, una mostra fatta di immagini come di odori, ripercorre il rapporto tra cibo e cultura, nei secoli, a Napoli

Si chiama Magna, e non è inteso come grande, ma come voce del napoletano magnare, mangiare. Se poi ci mettiamo l’accento diventa ‘o mmagnà, l’atto del mangiare e quindi per estensione il cibo, parola che in dialetto è espressa con un verbo e non con un sostantivo. Magna è una mostra interattiva dedicata al tema […]

continua »