Gianni Cerasuolo
Maledetti campioni. L'altro mondiale/5

Il perdente fortunato

La nostra galleria di eroi irregolari del calcio, in vista del torneo brasiliano, si chiude con la storia mitica di Garrincha, l'ala destra che dopo la coppa del 1958, per premio, chiese di liberare un passero

Quando venne in Italia per seguire Elza e per dimenticare gli ultimi guai, Mané finì con il giocare in squadrette di dilettanti. Voleva fare un po’ di soldi, non gli bastavano mai, aveva preso sempre ingaggi bassi, lui nemmeno ci badava. Figurarsi allora, fine anni Sessanta inizio Settanta, che il sipario agonistico si stava chiudendo […]

continua »
Claudio Conti
Storia di un patrimonio perduto/2

Riaprire i Navigli

Riportare le vie d'acqua a Milano o, più semplicemente, ricordarle con dei segni urbanistici? L'interrogativo è diventato di sorprendente attualità grazie ai progetti nati con l'Expo

Nell’articolo precedente ho ricordato il ruolo del sistema dei Navigli nella storia di quella che tra poco si chiamerà la città metropolitana di Milano. La quasi totalità dei canali e degli specchi d’acqua che caratterizzavano il capoluogo è stata interrata e ricoperta in varie riprese tra il 1929 e il 1970; oggi si parla (vedremo […]

continua »
Paolo Bonari
Una polemica su ironia e debolezza

Montaigne ci consola

A proposito della lezione del grande pensatore, contestata - senza troppa efficacia? - da Anna Maria Carpi sul ”Foglio“. E a proposito del rispetto delle fragilità, in letteratura

Io non me la sento di concordare con Anna Maria Carpi, e queste sono le mie ragioni: inizialmente, è stato il plurale a rendermi antipatico il titolo del suo articolo («Montaigne non ci consola»), pubblicato sul Foglio di mercoledì 7 maggio, ma può darsi che la contrarietà alle generalizzazioni indebite sia una mia personale ossessione […]

continua »
Nicola Fano
«Quando tutto questo sarà finito»

Famiglia Dix

Gioele Dix racconta un frammento della storia dei suoi: l'educazione alla solidarietà di un bambino (ebreo) nell'Italia fascista. Un libro sul futuro, più che sul passato

Gioele Dix è un mio amico caro: dovete saperlo prima di leggere queste mie riflessioni sul suo nuovo libro (Quando tutto questo sarà finito, Mondadori, 300 pagine, 16.50 euro). Ma arrivate fino alla fine, per favore, poi magari godetevi questo (bel) libro e giudicatemi. Io mi limito a qualche consiglio interpretativo, anche se Quando tutto […]

continua »
Alessandro Boschi
Visioni contromano

Canto al perdente

Con "A proposito di Davis" i fratelli Coen virano dall'ironia nera alla malinconia venata di surrealismo. Grazie alla storia di un cantautore irresoluto. E al suo inseparabile gatto rosso

A proposito di Davis, nuovo film di Joel ed Ethan Coen, è ispirato alla vita del cantante folk Dave Van Ronk e alla sua autobiografia intitolata The Major of MacDougal Street. La cosa più sorprendente della filmografia dei fratelli di St. Louis Park è la continua evoluzione. Che pur incappando in qualche complicato snodo fisiologico, […]

continua »
Iscrizioni fino al 15 gennaio

Cercasi critici teatrali

L'università La Sapienza di Roma lancia un master di primo livello per la critica teatrale in rete. Naturalmente, ci siamo anche noi di Succedeoggi

Critici teatrali (in pectore) di tutto il mondo, unitevi! Finalmente c’è un corso universitario dedicato a voi. Si tratta del Master di primo livello in Critica teatrale in rete, web writer e web editor presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università degli Studi di Roma La Sapienza che si avvale del patrocinio dell’Associazione Nazionale Critici di […]

continua »
Loretto Rafanelli
Un'iniziativa da tutelare

Missione Poesia

L'editore Raffaelli raccoglie il testimone abbandonato dalla Mondadori e dà vita a un nuovo Almanacco poetico, una mappa delle voci contemporanee italiane e internazionali. Sfidando così, con coraggio, i venti di crisi che sembrano voler cancellare quell'indispensabile «luce fioca e lontana»

Perso un almanacco di poesia, lo storico mondadoriano Almanacco dello Specchio, ecco nascerne uno nuovo, l’Almanacco dei poeti e della poesia contemporanea, edito da un editore appassionato e coraggioso come Raffaelli (260 pagine, 35 euro). Si passa quindi dal più grande editore italiano a un piccolo editore, ma il risultato addirittura cambia in meglio, perché […]

continua »
Marco Fiorletta
Riletture interessate

Il futuro banale

"La seconda mezzanotte" di Antonio Scurati è un libro sospeso tra fantascienza e fantapolitica: troppo semplice perché sia una premonizione e troppo serio perché sia una divagazione

Leggendo “La seconda mezzanotte” di Antonio Scurati, Bompiani 2011 diverse edizioni e prezzi, si ha chiara e netta l’impressione di rileggere un libro, un fumetto o la sceneggiatura di un film già visto. D’altronde lo ammette lo stesso autore che la sua opera è piena di citazioni e di rimandi. E’ un gioco già fatto […]

continua »
Valentina Mezzacappa
Dopo la tragedia

Enigma Lampedusa

Davvero sappiamo tutto quello che succede intorno al fenomeno della migrazione? Davvero conosciamo le leggi e le convenzioni? Forse il primo passo per evitare questo tremendo conflitto tra gli ultimi è la consapevolezza. Proviamoci!

Lo sconcerto, il disgusto, la tristezza sono state reazioni immediate e condivise, probabilmente, di fronte alla tragedia di Lampedusa. Tutti abbiamo letto, abbiamo cercato di informarci, abbiamo visto e rivisto le foto pubblicate, ma non ci basta. Non mi basta: perché da troppo tempo ormai ho l’impressione che affidarsi ai mezzi di comunicazione del nostro […]

continua »
Andrea Carraro
Non basta la parola/11

L’educazione letteraria

Ricercare il realismo nella narrativa significa non avere preconcetti "morali" nei confronti dei personaggi. Anche quando sono dei mediocri. Proprio come il grande Frédéric Moreau di Flaubert

Prima di parlarvi della forma-romanzo da un punto di vista storico-teorico vi parlerò di un romanzo che a me ha cambiato la vita facendomi decidere di scrivere. E cioè L’educazione sentimentale di Flaubert. Ho letto L’educazione sentimentale, prima da giovane e poi, nuovamente, soltanto adesso, a distanza di trent’anni, e proverò a raccontarvi  le mie […]

continua »