Loretto Rafanelli
I pittogrammi di Marco Nereo Rotelli

Il giardino delle idee

Piccoli quadri ispirati alla remota civiltà di Rapa Nui, prove di conoscenza in cui novità e tradizione si fondono in un dialogo aperto al futuro. Da non perdere a Pietrasanta la mostra dell’artista veneziano, celebre per le sue installazioni luminose

È una esigenza critica parlare delle opere di Marco Nereo Rotelli, esposte a Pietrasanta in Versilia (presso la Galleria Artetotale, fino al 22 agosto), ciò semplicemente perché questa produzione recente, in pittogrammi, è di una straordinaria bellezza e completa l’idea di un artista ricordato prevalentemente per le sue notissime installazioni luminose. Come si sa Rotelli […]

continua »
Lidia Lombardi
In scena all'India di Roma

Per un teatro civile

Piero Maccarinelli ha riscoperto e portato in scena “L'Esposizione Universale”, un testo di Luigi Squarzina sulla speculazione edilizia del dopoguerra. E poi dicono che non c'è drammaturgia contemporanea...

Si lamenta spesso quanto il teatro sia povero di nuovi testi, quanto la drammaturgia contemporanea langua di autori. Ma c’è pure il paradosso di un lavoro di settan’anni fa, firmato da un grande regista italiano, vibrante di tematiche politico-sociali mai andato in scena, se non una volta nel 1955 in Polonia. Adesso il Teatro di […]

continua »
Pier Mario Fasanotti
“Il defunto odiava i pettegolezzi”

Il giallo Majakovskij

La slavista Serena Vitale ha ricostruito la morte di Vladimir Majakovskij nel 1930: un evento che sconvolse il “giovane" regime sovietico e ancora oggi è avvolto da un alone di mistero

La mattina del 14 aprile 1930 il regime sovietico temette uno scossone non da poco. Era stato trovato senza vita, nel suo studio moscovita, il grande poeta Vladimir Majakovskij. S’era ucciso con alcuni spari al cuore e giaceva a gambe divaricate a pochi centimetri dalla porta. Ma che c’entra la morte di un poeta di […]

continua »
Attilio De Giudice
Un racconto di Attilio Del Giudice

La pagina bianca

«Si avvicinava, senza scampo, il giorno della consegna all’editore, cioè a quella rivista letteraria, che gli permetteva la sopravvivenza, ora che aveva lasciato le Assicurazioni, perché voleva fare lo scrittore a tempo pieno»

Nell’ esperienza della scrittura letteraria, non è rara quella situazione che viene detta della pagina bianca; l’assenza, cioè, di ispirazione, di idee, di parole. È un’esperienza variabile nel tempo e, in certi momenti, angosciosa. Ettore Pergolesi, intorno alle dieci di sera, seduto dietro la scrivania della sua cameretta, stava vivendo uno di questi momenti. Gli […]

continua »
Loretto Rafanelli
Sui 90 anni di Leone Piccioni

Identikit di un Maestro

Sfogliando il libro uscito in occasione del recente compleanno del critico letterario, si percepisce che gli scritti raccolti (firmati dalle maggiori personalità della cultura italiana) sono viva e appassionata testimonianza di una personalità che ha inciso in modo importante nel rinnovamento della nostra società

Ma quante vite ha vissuto Leone Piccioni? Mi è venuta spontanea la domanda leggendo Maestro e amico, Per i novantʼanni di Leone Piccioni (Pananti), una raccolta di interventi-testimonianze relative al grande critico. Sì perché accanto al raffinato studioso e saggista letterario, amico e sodale dei grandi narratori e poeti italiani del Novecento, dai numerosi scritti […]

continua »
Nicola Bottiglieri
Dopo il 25 aprile/1

L’Europa di Cassino

Una visita a Cassino e ai suoi cimiteri militari ci ridà il senso della fondazione d'Europa che passò attraverso la morte in guerra di cittadini e soldati di tutti i popoli

I cimiteri di guerra di Cassino raccolgono le spoglie dei soldati polacchi, inglesi, francesi, italiani e “germanici” (ai quali bisogna aggiungere quelli del cimitero americano di Nettuno). Disposti in un piccolo fazzoletto di terra, si possono vedere come una piccola Europa riunita dalla morte e dalla lotta contro il nazi-fascismo. Il primo esempio dell’Europa morale, […]

continua »
Pier Mario Fasanotti
Consigli per gli acquisti

Se le donne si guardano

Un interessante saggio di John Berger sul modo di vedere, ispirato alle tesi di Walter Benjamin. Valerio Massimo Manfredi alla scoperta delle meraviglie del mondo antico e un utile guida ai neologismi del nostro tempo

Vedere le donne – Singolare e interessante libro sul modo di vedere: non solo le opere d’arte, ma anche gli elementi della nostra quotidianità. Si tratta di sette saggi, da leggere con l’ordine che si preferisce. Lo pubblica Il Saggiatore e si intitola Questione di sguardi (166 pagine, 14 euro). È all’inizio del saggio di […]

continua »
Simonetta Milazzo
Come si interviene per salvare le opere?

Un bisturi d’arte

Il restauro del Crocefisso ligneo policromo della Basilica di Santa Maria in Trastevere ci dà l'occasione per conoscere i segreti (e i rischi) di un lavoro molto delicato, quasi parallelo alla creazione artistica

Il capo era composto con numerosi tasselli, piccole porzioni di legno assemblate a formare la capigliatura, raccolta e distribuita in morbide lunghe ciocche; il volto era intagliato a parte, aggiunto quasi fosse una maschera, lo sguardo colto nell’attimo di un equilibrio sospeso tra sofferenza e salvazione. Il restauro del Crocefisso ligneo policromo della Basilica di […]

continua »
Pasquale Di Palmo
Lo zibaldone di Massimo Morasso

Incontri di un flâneur

Ne «Il mondo senza Benjamin» confluiscono testi di varia natura nello stile caleidoscopico del filosofo tedesco. Da Vivien Leigh a Bach, da Cristina Campo a Balthus a Michel Petrucciani, un carosello di temi analizzati con la precisione dell’entomologo

È un libro composito questo di Massimo Morasso, una sorta di zibaldone sui generis in cui confluiscono testi di varia natura: si passa dal saggio erudito alla reminiscenza di taglio infantile, dal divertissement all’aforisma, dalla nota critica alla poesia, dalla narrazione – o pseudonarrazione – al carteggio. Senza soluzione di continuità, spaziando da un cammeo […]

continua »
Gabriele Trama
La Terra calpestata

Il «negazionismo»

Il caso clamoroso di Wei-Hock Soon, astrofisico che nega il riscaldamento della terra ma è profumatamente pagato dalle multinazionali petrolifere, riapre il conflitto tra industria e ambiente

È di questi giorni la notizia che alcune nuove ricerche di Greenpeace e del Climate Investigation Center hanno rivelato chi siano i finanziatori occulti dell’ingegnere aerospaziale Wei-Hock Soon del centro per l’Astrofisica di Harvard. L’ingegnere, noto per i suoi studi e rapporti, alcuni presentati anche al Congresso degli Stati Uniti, volti a dimostrare la poca […]

continua »