Marco Ferrari
A proposito di “A Santiago c’è una piazza”

Italiani migranti

Fabio Evangelisti ha ricostruito l'avventura, dalle Apuane alle Ande, del cugino Alberto Rosselli, emigrato in America Latina nel 1949. Una storia esemplare di quando a chiedere ospitalità al mondo eravamo noi...

Dalla Apuane alle Ande. È il tragitto di Alberto Rosselli, classe 1930, partito da Carrara per approdare dopo varie peripezie a Santiago del Cile trascinandosi dietro i propri ricordi di infanzia: «So che abitavamo in via Loris Giorgi, al numero 2, terzo piano. Ai miei tempi si chiamava via Alberica. Come la grande piazza con […]






continua »
Roberto Mussapi
Every beat of my heart

La genesi di Pozzani

In “Spalancati spazi”, il poeta che ha fatto di Genova una capitale mondiale della poesia compie il sortilegio di raccogliere in modo unitario il lavoro di anni. E il libro si apre con «versi di vera pietà cosmica»: questi che pubblichiamo…

Con questa forte e scavante poesia si apre Spalancati spazi di Claudio Pozzani, un libro che raccoglie e sceglie i versi di un lungo periodo di quello che, presentando in questa rubrica, ho definito il Principe Azzurro della poesia italiana, per la generosità con cui ha fatto di Genova una capitale mondiale della poesia e […]






continua »
Alberto Fraccacreta
Nel giorno di una ricorrenza Mariana

Miracolo di donna

Madre, amica, amante, musa ispiratrice: quel è realmente il rapporto tra la donna e la poesia? Non sarà quella che traspare dai versi conclusivi del Faust, «il Femminino Eterno che in alto ci trae»?

C’è un quadro del pittore maceratese Scipione (alias Gino Bonichi), Gli uomini che si voltano (nella foto), che riprende il celebre emistichio montaliano di Forse un mattino andando, «gli uomini che non si voltano». Montale, in seguito, intitolerà una poesia di Satura come il quadro di Scipione invertendo di segno il suo stesso verso. Gli […]






continua »
Teresa Maresca
Christian Boltanski e Andres Serrano

Ai confini dell’arte

Riflessioni su due (grandi) modi di rappresentare l’invisibile e l’indicibile: le installazioni dell’artista francese sui migranti in mostra al Mambo di Bologna e le immagini sulle torture del fotografo americano esposte a New York

L’artista francese Christian Boltanski lavora da tempo sul tema dei migranti, degli scomparsi in mare, degli invisibili homeless che ricrea con ordinatissimi mucchi di stracci su pavimenti infiniti, stracci che sembrano contenere corpi addormentati o morti. A me sembra che le sue installazioni vogliano indurre più che alla riflessione, all’autoanalisi, alla meditazione, forse alla preghiera. […]






continua »
Francesco Fusco
Dopo la strage di Las Vegas

In guns we trust

Tra il 2004 e il 2013 sono stati oltre 300mila i morti negli Usa per omicidi e stragi, ma anche suicidi e incidenti provocati da un uso errato delle armi. È il prezzo dovuto a una lobby potentissima; e a un'assurda interpretazione del concetto di libertà

Il primo agosto 1966 – era una domenica – poco prima di mezzogiorno, Charles Whitman, un ragazzo di 26 anni, biondino, atletico, ex marine, addestrato fin dall’infanzia, insieme ai due fratelli Patrick e John, all’uso delle armi da fuoco dal padre, cominciò a sparare dall’alto della torre dell’Università del Texas, a Austin, uccidendo nel giro […]






continua »
Danilo Maestosi
Al Palaexo di Roma

Un’arte impalpabile

Il caos globale regna in “Digital Life”, la mostra sui nuovi linguaggi della creatività. Video, finzioni, eccessi, luci, false fiction e falsi spot: a volte l'azzardo va a braccetto con il vuoto di idee

Digital life. Come suona bene, come scivola via morbido nel fruscio della lingua inglese il titolo della mostra sui nuovi linguaggi della creatività, che per l’ottavo anno consecutivo affianca il Roma Europa Festival. E che per la prima volta approda fino al 7 gennaio nelle sale del Palaexpo, che l’assessore comunale alla cultura Luca Bergamo […]






continua »
Raoul Precht
Periscopio (globale)

La forza del sorriso

A cinquant’anni dalla sua scomparsa è tempo di rendere giustizia a Halina Poświatowska, poetessa polacca di straordinario vigore ignorata dalla nostra editoria. Ma attenzione a non farsi ingannare dalla sua breve e dolorosa esistenza, perché nei suoi versi non c’è ombra di autocommiserazione

Nell’universo poetico e mitopoietico di Halina Poświatowska occorre entrare in punta di piedi, e con le sue stesse parole: «sempre quando voglio vivere grido / quando la vita mi abbandona / mi afferro ad essa / dico – vita / non andartene ancora / la sua calda mano nella mia mano / la mia bocca […]






continua »
Mario Di Calo
Visto al Vascello di Roma

Ancestrale Macbettu

Alessandro Serra ha trasportato la tragedia scozzese nel cuore della cultura e dell'antropologia sarda. Ne è nato Macbettu: uno spettacolo bellissimo che rivela uno Shakespeare antico e inedito

Sono tempi bui. Sono tempi di grandi incertezze. Tempi in cui quello che era consolidato viene messo in discussione, tempi in cui le autonomie, le etnie, le razze contano più di qualsiasi pace o stabilità. È tempo dunque di Macbeth. Ed ecco che spuntano fuori fra le più interessanti proposte teatrali ben tre allestimenti della […]






continua »
Francesco Arturo Saponaro
A Bucarest per il Festival George Enescu

Il palpito di Mahler secondo Pappano

Straordinario cartellone alla 21esima edizione dell’evento musicale rumeno seguito da un pubblico appassionato e numeroso. Successo per l’Orchestra e il Coro di Santa Cecilia alle prese con la monumentale Sinfonia n. 2 in do minore “Resurrezione”

Il fenomeno più visibile è la grande partecipazione di pubblico, anche in questa 21esima edizione appena conclusa, pur di fronte a un’offerta esuberante di spettacoli, e a un discreto costo dei biglietti. A Bucarest, in Romania, il Festival George Enescu ogni due anni presenta un cartellone di concerti, con orchestre e gruppi di prestigio internazionale, […]






continua »
Attilio Del Giudice
Storie d'amore e disamore quotidiano

Frammenti di coppie

«Filume,’ secondo me, ti hanno informata male. In ogni caso tu non mi vuoi bene per niente a rinfacciare queste cose in un giorno come questo». «No, Vincenzi’ ti voglio bene, ma sono contenta che ti devono operare alla prostata»

Sono contenta Filume’ oggi ti vedo strana, c’è qualcosa? Ti devo dire la verità, sono contenta che ti devono operare alla prostata. Sei contenta? E perché sei contenta? Lo so io perché. No, mo me lo devi dire perché. Perché così, per un po’ di tempo, non mi metti le corna. Perché io ti metto […]






continua »