19
gennaio
2019

spettacoli

Nicola Fano
La rassegna al Teatro Libero di Palermo

Nuovissimo teatro

Il Festival palermitano PresenteFuturo rappresenta un'occasione da non perdere per cogliere gli indirizzi creativi del nuovissimo teatro internazionale. Dalla danza alla performance, dalla prosa al nuovo circo...

Esiste un mondo creativo legato allo spettacolo da vivo sommerso, con un suo circuito di relazioni, con un suo “mercato” internazionale, soprattutto con un suo pubblico e una sua ragion d’essere precisa. È difficile imbattersi in questo mondo rimanendo di qua, ossia nell’universo – via via più asfittico – dello spettacolo ufficiale (non necessariamente commerciale, […]

continua »
Alessandro Boschi
Fuori dal Palais des Festivals

Lui e gli squali

A Cannes il doppio film di Sorrentino su Berlusconi ci sarebbe stato benissimo. Soprattutto per quello sguardo da squalo di Toni Servillo... Meglio, molto meglio di Lars Von Trier, per esempio

Parlare di Loro 1 & 2 di Paolo Sorrentino qui da Cannes può sembrare beffardo, perché qui, dove il regista napoletano è comunque molto amato, il suo film ci sarebbe stato bene. Non tutto magari, ma di certo in buona parte. Che a nostro avviso comincia con l’ingresso in scena di Toni Servillo, in una delle sue performance più convincenti. Tra […]

continua »
Giordana Marsilio
Visto al Teatro Argentina di Roma

Democrazia non è una parola

“Democracy in America” di Romeo Castellucci è uno spettacolo sul potere delle parole: non quelle dette in scena, ma quelle evocate dalle immagini. Con il pretesto di raccontare la storia degli States

“Loro non hanno le parole delle nostre cose e noi non abbiamo le parole delle loro cose” affermano gli indiani d’America riguardo i colonialisti. La riflessione sul linguaggio e la parola sono il perno intorno al quale ruota Democracy in America di Romeo Castellucci, ideato e scritto insieme alla sorella Claudia, liberamente ispirato all’opera di […]

continua »
Mario Di Calo
Visto al Palladium di Roma

Napoli col botto

Giancarlo Nicoletti ripropone “Persone naturali e strafottenti” di Giuseppe Patroni Griffi, ritratto di una Napoli solitaria e senza famiglia, agli antipodi di quella di “Natale in casa Cupiello”

Appena terminato il focus che il Piccolo Teatro Eliseo ha dedicato alla figura di Giuseppe Patroni Griffi – con il racconto D’estate in barca e la riduzione teatrale del romanzo Scende giù per Toledo – ecco che dal 3 al 6 maggio in anteprima nazionale al Teatro Palladium di Roma, Giancarlo Nicoletti, ha portato in […]

continua »
Alessandro Boschi
Fuori dal Palais des Festivals

La serenità di Olmi

Visto da Cannes, il grande talento di Ermanno Olmi appare non solo come un esempio (cinematografico) da inseguire, ma anche come una magnifica lezione di stile di vita

Ma davvero the show must go on? Davvero dobbiamo andare avanti, qui a Cannes, vetrina e salotto del cinema internazionale? Certo che sì, questa è una di quelle domande che di più stupido hanno solo la risposta. Però che fatica, forse perché la pattuglia, la pattuglia che a noi sentiamo più vicina, si assottiglia, sempre […]

continua »
Mario Di Calo
Visto al Teatro Eliseo di Roma

Wesker nel sottoscala

Arriva a Roma "La Cucina" di Arnold Wesker nella versione aggiornata e rivista di Valerio Binasco. Un carosello di passioni e dolori nel retrobottega della vita patinata degli "altri”

La Cucina è un testo teatrale datato 1959, che Arnold Wesker scrisse a soli 27 anni, pubblicato da Einaudi nel 1965 grazie a Paolo Grassi e Gerardo Guerrieri: è stato ripreso da Valerio Binasco nel 2016 al Teatro Stabile di Genova (divenuto finalmente – e giustamente – Teatro Nazionale) per festeggiare i suoi 65 anni, […]

continua »
Alessandra Pratesi
Visto al teatro India di Roma

Il vortice Karamazov

La saga familiare dei “Fratelli Karamazov” si incarna nel monologo “Ivan” di Letizia Russo con Fausto Russo Alesi. Uno spettacolo colto e intelligente, allucinato e delirante

«Ancora ti chiedo, mi chiedo che cosa è questa famiglia Karamazov, la mia famiglia? Che cosa ha fatto per meritare tutta insieme una fama così grande?». Con questo interrogativo si apre e si chiude, senza davvero risolversi, il monologo di Ivan. Rivive ancora la vicenda della disgraziata e infelice famiglia Karamazov e prende la forma […]

continua »
Raoul Precht
Periscopio (globale)

Romantico Marx

In vista del bicentenario della nascita, il film di Raoul Peck racconta la tempesta globale, quella romantica, nella quale il pensiero di Marx e Engels prese vita. Come per dimostrare che diritti e libertà non erano valori estranei all'Occidente, allora...

“Spät kommt ihr – doch ihr kommt!” (“Tardi giungete, ma alfin giungete!”), scriveva Schiller in apertura del Wallenstein; un incipit drammatico da cui possiamo partire oggi per fare un po’ d’ironia circa le traversie distributive che devono aver ostacolato finora l’uscita da noi del Giovane Karl Marx. Il film del regista haitiano Raoul Peck è […]

continua »
Mario Di Calo
Visto al San Ferdinando di Napoli

L’epica di Borrelli

“La cupa", il nuovo, potente spettacolo di Mimmo Borrelli è un poema allegorico dedicato a un'umanità che è fuggita in avanti dimenticando il proprio passato. Il tentativo di ricucire la modernità con i miti classici

Nel 2016 (con ripresa la scorsa stagione) il Piccolo Teatro di Milano produsse Sanghenapule uno spettacolo “palleggiato” fra Roberto Saviano e Mimmo Borrelli su testi e interpretazione di entrambi; ora era giusto e doveroso che il Teatro Stabile di Napoli producesse integralmente uno spettacolo di un erede naturale di quella grande madre che è la […]

continua »
Alessandra Pratesi
Visto al Teatro Eliseo di Roma

Don Chisciotte cabaret

Convince solo a metà la "modernizzazione" in chiave televisiva (tra Zelig e Colorado) del Don Chisciotte di Ruggero Cappuccio. Confondere la vita e il sogno è una vecchia storia...

«Cosicché per il poco dormire e per il molto leggere gli si prosciugò il cervello, in modo che venne a perdere il giudizio. La fantasia gli si riempì di tutto quel che leggeva nei libri, sia d’incantamenti che di litigi, di battaglie, sfide, ferite, di espressioni amorose, d’innamoramenti, burrasche e buscherate impossibili». Nell’era del postmoderno, […]

continua »