22
novembre
2017

spettacoli

Alberto Crespi
Zattere agli Incurabili

New Jersey chi?

Non sono Frank Sinatra o Bruce Springsteen, sono i "dissuasori", quei moloch di calcestruzzo che bloccano possibili attentati lungo i viali. Anche qui a Venezia, dove per la prima volta fa irruzione il terrorismo internazionale

Pare che faccia molto “fico” chiamarli New Jersey. Sta di fatto che al Lido sono ovunque, per ovvi (e sacrosanti) motivi di sicurezza. Così anche noi festivalieri possiamo sentirci, anziché in Veneto, nel “Garden State” che occupa la East Coast americana sotto New York. Il New Jersey è uno stato che ha dato molto al […]






continua »
Alessandro Boschi
Il nostro inviato al Lido

Un’altra Biennale…

Come sarà la Mostra che comincia oggi alla Biennale di Venezia? Alla fine, i festival si somigliano tutti: l'unica vera magia è quella del cinema. E dei grandi film che sanno smentire il disincanto dello spettatore abituale...

Brutta bestia, l’abitudine. Cominci che sei pieno di entusiasmo. Il tuo primo festival, la tua prima Biennale Cinema, i film che ancora nessuno ha visto, gli attori in carne ed ossa, le feste, i cocktail, i party, gli aperitivi (sono la stessa cosa ma detto in maniera più raffinata), le cene eleganti dove non si […]






continua »
Alberto Crespi
Zattere agli Incurabili

Var Venezia

Uno spettro di aggira per la Mostra del Cinema di Venezia: pare che il direttore Alberto Barbera voglia dare a tutti la possibilità di ricontrollare in video le scene clou dei film. Insomma, la Var del calcio è arrivata anche qui. Parte con questo scoop la rubrica di Alberto Crespi per Succedeoggi

Appena arrivati a Venezia, e dopo aver speso 51 euro di traghetto (la prossima volta useremo davvero la zattera), ci tuffiamo nell’atmosfera dell’incipiente Mostra del cinema e veniamo a conoscenza di un inquietante retroscena: lo svolgimento regolare della 74esima edizione della Mostra d’Arte Cinematografica è ad altissimo rischio. E tutto a causa di un’innovazione tecnologica, […]






continua »
Francesco Arturo Saponaro
Il Festival della Valle d’Itria

Verdi (tragi)comico

Non delude le aspettative la manifestazione di Martina Franca, quest’anno alla 43esima edizione. Ricerca e innovazione si materializzano nell’opera semiseria di Jakob Meyerbeer “Margherita d’Anjou”, in un quasi inedito “Un giorno di regno” e in un incisivo “Orlando Furioso” di Vivaldi

Molti i motivi di richiamo. A Martina Franca, nei suoi cartelloni il Festival della Valle d’Itria mantiene sempre alta la bandiera della ricerca, della riscoperta, dell’impegno sperimentale. Non per niente, nei suoi primi anni, la manifestazione ebbe come mèntore e strenuo sostenitore un grande organizzatore culturale come Paolo Grassi, milanese di origini martinesi. Anche questa […]






continua »
Luca Fortis
Incontro con i due musicisti

Sud e trasgressione

H.E.R. e Emilio Rez, due artisti irregolari tra la Puglia e Berlino: «Trasgressione significa sapersi stupire di se stessi, avere fluidità nel contraddirsi e non rimanere ancorati alle proprie idee»

Il Sud può avere tanti volti sorprendenti, per capirlo basta ascoltare il nuovo album intitolato Credici del cantante e performer Emilio Rez e della violinista e attrice H.E.R. I due artisti raccontano un Meridione trasgressivo e ironico, molto lontano da certi cliché che vogliono il sud come un luogo chiuso. Erma Pia Castriota, in arte […]






continua »
Francesco Clemente
Un film da rivedere!

Chiedete a Picone

Sembra incredibile ma, a quasi 35 anni di distanza, “Mi manda Picone" di Nanni Loy è ancora terribilmente attuale. Perché racconta con ironia dolente una società disperata che si finge ricca e felice

Se intellettuali, politici, uomini di buona volontà di oggi – noi tutti, insomma – avessimo voglia di comprendere quale tumore da 40 anni ci costringe a cure palliative incapaci di debellare il male, ma solo a riprodurlo in mezzo a qualche distrazione, faremmo bene a rivedere un film del 1983 del regista di origine sarda Nanni […]






continua »
Jolanda Bufalini
In scena all'Aquila

Frammenti di Aleppo

Lucia Goracci, inviata di Rainews, ha visto e raccontato quel che è appena successo a Mosul e a Aleppo. Ne è nato uno spettacolo multimediale che affronta il dramma della guerra (e delle migrazioni che ad essa conseguono)

Si chiama Assedio-Frammenti di reportage l’opera multimediale che sarà rappresentata all’Aquila in prima assoluta venerdì 20 e sabato 21 luglio, nell’ambito della rassegna finanziata dal Mibact nella città terremotata “Cantieri dell’immaginario”. Frammenti si basa sui servizi dell’inviata di Rai News 24 Lucia Goracci da Mosul e da Aleppo. Le cronache raccontano lo sconforto degli abitanti […]






continua »
Francesco Arturo Saponaro
Visto a Caracalla a Roma

Il Muro di Carmen

La «Carmen» con le scene di scene di Samal Blak e la regìa di Valentina Carrasco vive alla frontiera tra Messico e Usa. Ma il merito del successo, come al solito, è della musica di Bizet, diretta da Jesús López-Cobos

Come per molte stupidate, effetto contrario: una bella pubblicità. Dopo la “prima” di Carmen alle Terme di Caracalla, per la stagione estiva del Teatro dell’Opera, l’Ambasciata del Messico è riuscita a partorire un boomerang. Ha inviato una lettera di protesta al sindaco di Roma, Virginia Raggi, che per statuto è presidente della Fondazione lirica, esprimendo […]






continua »
Francesco Arturo Saponaro
“Assemblaggi provvisori” allo Scompiglio

Joni Mitchell & Monteverdi

Conclusa la rassegna multidisciplinare che si è svolta vicino Lucca. Quest’anno un’edizione singolare del capolavoro monteverdiano “Il combattimento di Tancredi e Clorinda”. Introdotto da una “Suite” ispirata alla cantautrice canadese

Arti visive e performative sperimentali, imprevedibili, eterodosse vi sono di casa. Tra le colline di Vorno, presso Lucca, nella Tenuta dello Scompiglio – azienda agricola di circa duecento ettari, dotata anche di una cucina che serve vivande a km zero – dal 2007 la regista e performer Cecilia Bertoni ha varato e dirige l’omonima Accademia […]






continua »
Lucilla Vivanti
Cultura della formazione

L’università dell’arte

Si chiude il secondo ciclo di studio di Officina Pasolini, la scuola di canzone, teatro e multimediale della Regione Lazio che in tre anni ha creato un nuovo modello formativo che mescola creatività e mercato

Si chiude questa sera, con un concerto degli allievi della Sezione Musica negli spazi dell’ex Civis a Roma, il secondo ciclo di Officina Pasolini, la scuola di teatro, canzone e multimediale realizzata dalla Regione Lazio con fondi dell’Unione Europea. Una scommessa vinta. Infatti, chi avrebbe creduto possibile dare corso a una nuova iniziativa didattica del […]






continua »