9
dicembre
2019

spettacoli

Francesco Arturo Saponaro
Ascoltato a Santa Cecilia

La sinfonia dell’anima

Questo è per Antonio Pappano l’Ottava Sinfonia di Bruckner che il maestro britannico ha appena diretto a Roma. Un’opera mastodontica che la compagine ceciliana ha eseguito in modo impeccabile. Entusiasmo e ovazioni del pubblico hanno celebrato lo sforzo titanico dell’impresa

Alla fine, era stremato. Perché la partitura, che per un’ora e mezza non lascia respiro, è monumentale. Inchinandosi alle ovazioni di pubblico e orchestra di Santa Cecilia, qualche giorno fa, Antonio Pappano mostrava i segni dell’intenso sforzo di concentrazione. L’Ottava Sinfonia in do minore di Anton Bruckner (1824-1896) è un titolo caro al maestro britannico, […]

continua »
Giuseppe Grattacaso
In margine al (bel) film di Jon. S. Baird

Per Stanlio e Ollio

Stanlio e Ollio sono due uomini che hanno perso il filo del procedere, solo perché il filo in fondo non c’è e loro pensavano fosse possibile un’altra strada: per questo le loro concrete astrazioni sono poesia

In una scena particolarmente ispirata del film Stanlio & Ollio, in questi giorni nelle sale, i due attori sono a Londra nella camera di albergo di Oliver, vittima qualche giorno prima di un attacco di cuore. L’incidente è avvenuto proprio nel momento di maggior successo della serie di spettacoli che aveva portato i due popolari […]

continua »
Flavio Fusi
Cronache infedeli

Amare a Gerusalemme

In circolazione c'è un film da non perdere: “Sarah e Saleem” del regista palestinese Muayad Alayan. È il racconto, poetico e disperato, di come israeliani e palestinesi siano costretti all'odio. Anche quando si amano

Sarah e Saleem sono amanti, si incontrano in ore notturne e si scambiano sesso nel retro del furgoncino di lui. Sarah gestisce un bar, è moglie di un ufficiale dell’esercito, cresce una figlia piccola, bionda e amatissima. Saleem si arrangia con lavoretti precari, la giovane moglie aspetta il primo figlio, la modesta famiglia lo aiuta […]

continua »
Alessandra Pratesi
Visto all’Off Off Theatre di Roma

Impotenza in atto (unico)

Gianluigi Fogacci è attore e regista di “The Prudes”, la pièce di Anthony Neilson che parla di istinti e ambizioni, di paure e aspirazioni di una coppia che da avventurosa si avvia al tramonto. O forse no

James e Jessica sono i Prudes (The Prudes nel titolo, letteralmente ‘i puritani’), o forse no dice lei perché non sono sposati: Jimmy e Jess sono semplicemente una coppia. Da nove anni insieme, da sei sotto lo stesso tetto. Hanno sperimentato in questi anni. Eccome se hanno sperimentato. Lui definisce avventurosa la loro vita sessuale. Così è stato […]

continua »
Luca Zipoli
Visto al Teatro Tor Bella Monaca di Roma

Impossibile Caligola

Convince il pubblico romano la celebre pièce di Albert Camus riletta da Gennaro Duccilli con il suo “Teatro della Luce e dell’Ombra”. Lo spettacolo ha già rappresentato l’Italia in Spagna nei due Festival Internazionali di Siviglia e Cadice, ottenendo successo di critica e di pubblico

Di lui la Storia ha tramandato racconti raccapriccianti.  È per antonomasia il tiranno folle, invasato dalla brama di potere. Verità o leggenda che sia, di lui si disse che mangiava cibi cosparsi d’oro, che fece senatore un proprio cavallo, che non si asteneva dall’avere una relazione incestuosa con la sorella. È Caligola, terzo imperatore di […]

continua »
Sergio Buttiglieri
Visto all'Arena del Sole di Bologna

Famiglia Calamaro

Silvio Orlando entra alla perfezione nel "capochinismo" descritto da Lucia Calamaro in “Si nota all'imbrunire". Ne è nato uno spettacolo sull'alienazione famigliare e sull'impossibilità di entrare in contatto con il prossimo

«Occorrono gli altri per farci sentire bene: o molto male o molto bene». Si nota all’imbrunire, il nuovo lavoro di Lucia Calamaro, una delle autrici, registe che più sa scandagliare il pensiero interiore di noi tutti, ancora una volta ha saputo offrirci un ritratto dei nostri complicati rapporti famigliari. Lei, con grande efficacia, definisce il […]

continua »
Alessandra Pratesi
Visto al Teatro dell’Opera di Roma

La vedova allegra in pista

Damiano Michieletto offre al pubblico romano una “Vedova allegra” anni Cinquanta dove si balla il boogie woogie e dove l’invito continuo alla danza diventa un invito alla vita. L’artista veneto firma la regia dell’operetta di Franz Lehár conferendo, dietro le tonalità pastello, brio travolgente e leggerezza irresistibile

L’ha fatto di nuovo. Apparentemente si è limitato ad uno slittamento temporale di appena mezzo secolo, dai valzer belle époque al boogie-woogie anni Cinquanta. In realtà l’intervento del regista veneto sulla Vedova allegra andata in scena all’Opera di Roma dal 14 al 20 aprile, ma già nel cartellone della Fenice 2017-2018, non coinvolge solo l’ambientazione. Anche […]

continua »
Luca Zipoli
Visto al Teatro Vascello di Roma

Quando l’onestà piace (troppo)

Torna sulle scene uno dei grandi classici della drammaturgia pirandelliana e uno dei suoi testi più rappresentati. A rileggerlo ci pensa questa volta Alessandro Averone, già noto al pubblico per il suo “Così è se vi pare” del 2010

Torino, Teatro Carignano, 27 novembre 1917. In questa fredda serata di fine autunno, il pubblico attende febbrilmente il debutto di una nuova commedia di Luigi Pirandello, drammaturgo da qualche anno sempre più apprezzato in Italia. In sala, siede un giovane universitario che si occupa in quegli anni di critica teatrale, ma che sarebbe passato alla […]

continua »
Luca Zipoli
Visto al Teatro Brancaccio di Roma

Dante in musical

Dopo aver conquistato oltre settecentomila spettatori e mezzo milione di studenti in vari palchi, tra cui l’Arena di Verona e il Grimaldi Forum di Montecarlo, prosegue il suo viaggio La Divina Commedia Opera Musical, la prima opera musicale tratta dal poema di Dante Alighieri

Caso emblematico di quel terreno affascinante che è la fortuna dei classici, è sicuramente la Commedia di Dante Alighieri, padre della nostra lingua e della nostra identità culturale di cui sono imminenti le celebrazioni per i 700 anni dalla morte. Nel corso dei suoi sette secoli di vita, il massimo capolavoro italiano si è costantemente […]

continua »
Luca Zipoli
Visto al Teatro Torlonia di Roma

Elena Arvigo: una e trina

Genovese, classe 1974, si forma nella danza, e poi decide di dedicarsi al teatro, perfezionandosi sotto la guida del grande Giorgio Strehler. È Elena Arvigo, attrice versatile e introspettiva, a cui il Teatro di Roma ha deciso di dedicare un ritratto d’artista in tre puntate

Sette donne, tre autrici, tre personaggi diversi – una sola interprete. È con questa sintetica affermazione che si può tentare di racchiudere il senso di Trilogia Arvigo, la rassegna di monologhi che l’attrice ligure ha proposto nella splendida cornice del Teatro Torlonia, ultima sede (in ordine di tempo) del Teatro Nazionale di Roma. Solista di […]

continua »