22
novembre
2017

spettacoli

Alberto Crespi
Zattere agli Incurabili

Marco, Hanna e Andréa

Andréa Ferreol e Hanna Schygulla raccontano il genio di Marco Ferreri: quella sera che rimase senza cena e quando chiese di trasformare la madre nel mare...

Il ritardo nello scrivere le Zattere di oggi si rivela provvidenziale: durante la diretta di Hollywood Party, la trasmissione di Radio3 che il sottoscritto conduce da Venezia in coppia con Steve Della Casa, abbiamo avuto l’onore di intervistare due grandi dame della recitazione sulle quali vorremmo dirvi qualche parola. L’occasione è il documentario di Anselma […]






continua »
Alessandro Boschi
Il nostro inviato al Lido

Virzi d’America

Il debutto americano di Paolo Virzì ha portato alla realizzazione di un bel film, “The Leisure Seeker”: due anziani alla riscoperta della vita. Diretti da un regista (“casualmente” italiano) nel pieno della maturità

La differenza tra lo sbarco negli Usa di Paolo Virzì con The Leisure Seeker, presentato oggi in concorso alla Mostra di Venezia, e quello di Paolo Sorrentino anni addietro con This must be the place, risiede in questa semplice osservazione: il film di Sorrentino è un film americano fatto da un regista italiano, il film […]






continua »
Alberto Crespi
Zattere agli Incurabili

Signori, la sigla!

Perché la Mostra di Venezia, a differenza di Cannes e Berlino, cambia in continuazione la sigla che introduce le proiezioni? Puro masochismo: ogni volta è peggio. Quest'anno, tra lo sceicco bianco di Sordi e Gene Kelly...

Nei festival importanti, prima di ogni film, va in onda una sigla. Dura un minuto all’incirca, anche meno, e serve a ricordare agli spettatori e agli accreditati dove si trovano, a portarli dolcemente dentro l’universo onirico del film che stanno per vedere (mamma mia, quanta poesia!). Si tratta quasi sempre di un breve filmato realizzato […]






continua »
Alessandro Boschi
Il nostro inviato al Lido

Mezzo Clooney

“Suburbicon”, il film diretto da George Clooney presentato a Venezia, è stato molto applaudito ma a noi è piaciuto solo a metà: poco ritmo e, soprattutto, un finale troppo prevedibile

Suburbicon è il film diretto da George Clooney e scritto dai fratelli Cohen insieme a Grant Heslov e a Clooney stesso presentato questa mattina alla Mostra del cinema di Venezia. È un film divertente? Sì. È un film irresistibile? No. A questo punto, che problema ha? Un problema di ritmo. Ma non perché non ne abbia, […]






continua »
Elisa Bondavalli
Dietro le quinte della Mostra

Modello Barbiana

A Venezia arriva «Barbiana 65. La lezione di Don Milani» un bellissimo documentario di Alessandro D'Alessandro che raccoglie anche l'ultima, inedita testimonianza del grande pedagogo

Dalla 74a Mostra del cinema di Venezia, vogliamo oggi parlare del documentario-evento: Barbiana 65. La lezione di Don Milani. Un’anteprima mondiale di assoluta rilevanza perché si tratta della sola testimonianza audiovisiva di don Lorenzo Milani. Qui lo vediamo parlare e leggere dalla sdraio a righe sbiadite che gli fungeva da cattedra, già minato dalla leucemia […]






continua »
Alberto Crespi
Zattere agli Incurabili

Un giorno da Leoni

Jane Fonda e Robert Redford ammaliano Venezia (che li ha premiati) con un film semplice e bello: “Our Souls at Night”. Quale modulo che bisogna firmare, per invecchiare così bene?

Se vi diciamo che ci siamo commossi, vi mettete a ridere? Speriamo proprio di no. Rivedere insieme Jane Fonda e Robert Redford, 50 anni dopo A piedi nudi nel parco e 38 anni dopo Il cavaliere elettrico, ci ha provocato la lacrimuccia. Sono stati una coppia meravigliosa, per bellezza e per talento, e lo sono […]






continua »
Alessandro Boschi
Il nostro inviato al Lido

Fede e disperazione

“First reformed”, il film che Paul Schrader ha presentato in concorso a Venezia, è scritto benissimo e ha un finale perfetto. Il mondo e la vita visti con gli occhi di un parroco di campagna

First reformed, presentato in concorso alla 74^ Mostra Internazionale del Cinema di Venezia, è un film impeccabile nella forma, nei dialoghi (soprattutto) e nei contenuti. Con un finale che lo fa avvicinare molto a uno dei più bei prodotti del regista, Paul Schrader, apparso qualche anno fa, sempre qui al Lido con The Canyons, in […]






continua »
Alessandro Boschi
Il nostro inviato al Lido

Il mostro e la sirena

“The shape of water”, il film di Guillermo Del Toro con Michael Shannon è una favola sull'amore e sulla paura del diverso. Con una musica insopportabile e un “messaggio” un po' eccessivo

A parte la geniale ripetitività e l’immediata riconoscibilità, la musica di Alexandre Desplat è così ridondante che rischia spesso di mettere in secondo piano il film stesso. È quello che accade a The shape of water di Guillermo Del Toro, proiettato alla sala Darsena, in concorso alla 74^ edizione della Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di […]






continua »
Alberto Crespi
Zattere agli Incurabili

Marameo al diavolo

Il nuovo film di William Friedkin (“L'esorcista") non è nemmeno un film: è il documento inquietante di un autentico esorcismo. Con il protagonista, Padre Amorth, che letteralmente fa marameo al maligno

Primo caso di VAR alla Mostra del cinema: il diavolo è uscito o non è uscito? Risposta non c’è, o forse chissà, come cantava il poeta: l’indemoniata si nega al telefono e non sapremo mai se l’esorcismo è andato a buon fine. Parliamo di Il diavolo e padre Amorth, sicuramente l’oggetto più inquietante visto quest’anno […]






continua »
Alessandro Boschi
Il nostro inviato al Lido

Epica di Lilliput

“Downsizing” di Alexander Payne con Hong Chau, Matt Damon, Christoph Waltz e Udo Kier apre la Mostra. Un film socio-ecologico su un mondo (quasi) perfetto perché piccolissimo...

Tutto il mondo è paese, piccolo, grande o ridotto che sia, ma vale comunque la pena di esserci. Questa, in estrema e miniaturizzata sintesi il senso di Downsizing, film di Alexander Payne (nella foto sotto) che inaugura, in concorso, la 74^ edizione della Mostra d’arte cinematografica di Venezia. Tutto parte in Norvegia, e dove sennò? Qui […]






continua »