23
maggio
2018

spettacoli

Germano Mazzocchetti
Lezione di "musica applicata"

La voce di Eschilo

Qual è il rapporto tra musica e parola nella tragedia greca? Come si fa a ragionare in termini di “melodramma” o di “folclore” parlando di Prometeo o delle Baccanti? Ce lo spiega (con qualche esempio) un compositore

Quale musica per Eschilo, Sofocle e Euripide? La scorsa settimana si è svolto a Siracusa un convegno di studi sul tema «Sinfonie e armonie. Dalla messa in scena classica a oggi» dedicato, appunto, al rapporto tra musica e scena nella tragedia greca. Pubblichiamo l’intervento del compositore Germano Mazzocchetti, corredato dai brani musicali citati nella relazione.  […]






continua »
Marco Ferrari
“Marquis de Wavrin, du Manoir à la Jungle”

L’esploratore con la pipa

Un film rievoca le avventure di Robert de Wavrin, aristocratico con il "vizio" del viaggio che, nei primi decenni del Novecento, girò il Sudamerica con la cinepresa in mano per fissare su pellicola popoli e realtà che di lì a poco sarebbe stati spazzati via dal "progresso"

A lungo dimenticato, oggi è considerato il padre del documentario etnografico dell’America Latina. Parliamo del marchese Robert de Wavrin (1888 – 1971), pioniere del cinema belga. È una importante storia della prima metà del Novecento quella del marchese Robert de Wavrin, l’avventura di un aristocratico di provincia, nato e cresciuto nelle Fiandre, che a un […]






continua »
Lidia Lombardi
Gli Usa in “The Post” e “The shape of water”

Segreti e bugie

Sono in qualche modo complementari il nuovo film di Spielberg e quello di Del Toro, prossimamente sui nostri schermi. Raccontano due epoche diverse, ma tutti e due descrivono un’America schierata contro libertà e diversità. Ieri e anche oggi…

La stagione invernale porta sui nostri schermi due film, acclamati dalla critica e amati dal pubblico nei Paesi dove sono già usciti, diversissimi tra loro per stile e tema, ma con una sottile serie di analogie. Due pellicole di grande spessore, diciamo subito. Uno è The Post, in sala dal 1° febbraio, che riunisce tre […]






continua »
Gianni Cerasuolo
A proposito di "Napoli velata"

Napoli senza Gomorra

Il nuovo (buon) film di Ferzan Ozpetek recupera un'immagine conturbante e barocca della città: quasi l'antagonista della prateria dei Genny. Napoli vittima e carnefice, come sempre: e poi la sua gente, il popolo vascio e i nuovi patrizi...

Quante Napoli? La Napoli di Gomorra o la Napoli tranquilla e borghese e tardoeduardiana? La Napoli raffinata, barocca e viscida che compie delitti senza sporcarsi le mani? La Napoli della bella ’mbriana o della figliata dei femmenielli? O infine la Napoli bagnata e cupa di Malacqua, straordinario scritto lasciato marcire, fino a ieri, nella dimenticanza […]






continua »
Paolo Petroni
Visto al Teatro India di Roma

Il Casanova deluso

Federico Tiezzi e Sandro Lombardi (regista e interprete) riscrivono per la scena il capolavoro di Schnitzler, "Il ritorno di Casanova”: uno spettacolo dove la filosofia si scontra con la vita

Uno spettacolo di grande raffinatezza e una davvero straordinaria prova d’attore questo Ritorno di Casanova di Arthur Schnitzler visto a Roma all’India, portato in scena da Federico Tiezzi e interpretato da Sandro Lombardi, ritratto di un Settecento antilluminista in cui si sfiora l’assoluto nel gioco in bilico tra l’eros come sentimento d’eternità, momento di oblio, […]






continua »
Valerio Apice
Come insegnare la creatività?

Abitare i Maestri

Il teatro, la maschera, il passato e il futuro: una riflessione sul rapporto con i maestri della scena (Grotowski e Barba) e la necessità di contraddirli per crescere

Dal primo giorno che ho messo piede in Umbria ho pensato al tempo, un tempo da gestire per vivere e per sognare, un tempo che potesse costruire relazioni umane come premessa indispensabile per creare relazioni teatrali. Dopo dieci anni tra Marsciano, San Venanzo e Monte Castello di Vibio, tra le province di Perugia e Terni, […]






continua »
Paolo Petroni
Ancora su “Beauty Dark Queen”

Vaudeville a Troia

Come si può far rivivere i classici? Stefano Napoli, storico animatore dell'underground teatrale romano, mescola le carte del mito, della seduzione della cultura pop

Un Eros senza freccia e senza arco, disarmato è il simbolo che passa di mano in mano, sparisce ma poi sempre ritorna di questo nuovo spettacolo di Stefano Napoli, Beauty Dark Queen (Lo strano caso di Elena di Troia) e questo amore che non ferisce, che non può colpire, è il segno di rapporti senza […]






continua »
Mario Di Calo
Visto al Piccolo Eliseo di Roma

Il Coro di Saviano

Arriva a teatro "La Paranza dei bambini", il romanzo di Roberto Saviano "adattato” da Mario Gelardi: il ritratto impietoso di un'umanità perduta. Quasi come una tragedia greca

Dall’immenso magma letterario di Roberto Saviano, oltreché il Gomorra cinematografico e televisivo, spesso son state tratte delle opere teatrali, ora è in scena fino al 17 dicembre al Piccolo Teatro Eliseo di Roma La Paranza dei Bambini con la regia di Mario Gelardi, tratto dall’omonimo romanzo dell’autore napoletano edito da Feltrinelli e che ha debuttato […]






continua »
Luca Fortis
Visto al Teatro Ulpiano di Roma

Dark Queen Elena

Stefano Napoli continua a raccontare i miti attraverso il gioco del travestimento. Ora tocca a Elena di Troia vestire le meraviglie delle Folies Bergère

Torna a teatro il secondo ciclo delle dark ladies di Stefano Napoli. Un teatro sperimentale in cui femminile e maschile sfumano e diventano quasi interscambiabili. Beauty Dark Queen lo strano caso di Elena di Troia va in scena fino al tre dicembre al teatro Ulpiano di Roma. Abbiamo incontrato il regista. “Beauty Dark Queen, lo strano caso di Elena di Troia”, viene dopo […]






continua »
Mario Di Calo
Al Brancaccino di Roma

La diva del Nulla

Torna (con la regìa di Marco Carniti) "Music Hall" del francese Jean Luc Lagarce: una metafora amara sull'arte e la sua vanità in una società che non le riconosce più alcuna funzione reale

Jean Luc Lagarce attore, regista, scrittore, classe 1957, morto prematuramente all’età di trentotto anni, è uno degli autori teatrali più rappresentativi (e rappresentati) della sua generazione in Francia, sua patria natia. In Italia lo è un po’ meno, purtroppo: conosciuto grazie a Barbara Nativi che lo rese noto al pubblico italiano all’interno del suo Intercity […]






continua »