30
ottobre
2020

spettacoli

Asia Vitullo
Cinema dal divano

Apologia del dolore

"La solitudine dei numeri primi" di Saverio Costanzo dal romanzo di Paolo Giordano è una parabola sul dolore e su come gestirlo. A patto di accettare le diversità che garantiscono "bellezza" a ciascuna persona

La solitudine dei numeri primi: un titolo evocativo che incastra infinite rette di pensieri e assiomi. Se chiudiamo gli occhi siamo quasi in grado di percepire una distanza che separa la nostra identità dalla realtà, una divergenza impossibile da calcolare che ci spaventa, ma allo stesso tempo ci conforta. Abituarsi al buio è semplice, allontanarlo […]

continua »
Marco Ferrari
Addio al protagonista di "Habemus Papam"

Caleidoscopio Piccoli

Da Luis Buñuel a Nanni Moretti passando per la Nouvelle Vague, Godard, Marco Bellocchio e Marco Ferreri: Michel Piccoli è stato un attore formidabile e ricco di sfumature. Il suo volto attonito ha attraversato il cinema europeo da protagonista

Era il più italiano tra gli attori francesi e non soltanto per il cognome che portava: è morto all’età di 94 anni Michel Piccoli, attore, regista, sceneggiatore e produttore cinematografico che aveva lavorato con i più grandi registi europei da Godard a Buñuel, da Marco Ferreri a Elio Petri. Nel 2011 è stato protagonista, nel […]

continua »
Asia Vitullo
Cinema dal divano

Tecnologia del ritrovarsi

"Her", il film di Spike Jonze del 2013, con Joaquin Phoenix, anticipa un tema oggi più che mai attuale: qual è il rapporto tra i sentimenti e l'intelligenza artificiale? Che cosa, di ciò che respiriamo, è ancora reale?

Assenza. Immobilità. Solitudine. Il presente materializza, lettera dopo lettera, la catena inesorabile delle parole più cupe e vuote. Il nostro corpo è atrofizzato in un lento e instabile vagabondare dentro nuove possibilità e nuovi flussi di vita. Il tempo non esaudisce la sua irreversibilità e l’eternità ciclica che scorre senza sosta nel suono del vento […]

continua »
Asia Vitullo
Il cinema dal divano

La fase 2 di Truman

Abbiamo vissuto come nella bolla di Truman Burbank, la nostra cattività si è trasformata in uno show televisivo dove tutto sembrava “autentico". Adesso è il momento di attraversare il mare. E porre fine al Truman Show

Immaginiamo alcuni prigionieri, reclusi sin dalla nascita nella profondità di una grotta. Alle loro spalle la luce di un grande fuoco proietta ombre di oggetti, piante, animali e persone, ognuna delle quali simula il reale. Ipotizziamo che uno di questi uomini venga liberato: con il lento snebbiarsi della mente, egli capisce che l’effettività alla quale […]

continua »
Dora Liguori
A proposito di "classici rivisitati"

L’opera fatta strana

Da un decennio è invalsa una strana moda, nell'opera lirica: stravolgere contesti e libretti per ambientare le vicende nelle situazioni più assurde. E, sempre, fra le proteste del pubblico. Perché questa mania di "farla strana"?

Con le parole «‘o famo strano» il bravissimo Carlo Verdone, in uno dei suoi film, preannunciava alla sua fresca sposina, come dire, l’intenzione di passare una notte d’amore alquanto movimentata. E sin qui… chi può! Il difficile, o meglio la tragedia, per i melomani è intervenuta quando il proponimento di “farla strana”, piuttosto che riferirsi […]

continua »
Asia Vitullo
Il cinema dal divano

Il volo di Andy

"Le ali della libertà", film capolavoro di Frank Darabont con Tim Robbins e Morgan Freeman è un perfetto apologo sulla prigionia e una evasione impossibile da conquistare. E la cattività è un mezzo per crescere

La realtà, giudice supremo di ogni processo, condanna la nostra esistenza alla reclusione involontaria. Viviamo in una dimensione che sembra averci sottratto l’unica e imprescindibile forza motrice dell’essenza umana, l’autodeterminazione. «La libertà è uno stato di grazia e si è liberi solo mentre si lotta per conquistarla», per citare Luis Sepùlveda, recentemente scomparso. E noi […]

continua »
Luca Fortis
Quando l'arte è inclusiva

Musica per unire

Incontro con la musicista (e attrice) H.e.r: «Il mio nuovo brano parla della bellezza della diversità ed è nato pensando per paradosso ad uno slogan feroce come “io con quelli come me... tu con quelli come te”»  

Il pregiudizio verso gli altri o per i mondi che non si conoscono rimane una tendenza forte nella nostra società. Spesso molti preferiscono frequentare persone che la pensano allo stesso modo o che appartengono a mondi similari, perché così si sentono più sicure. Ne parliamo con la musicista e attrice H.e.r, che ha messo questo […]

continua »
Luca Fortis
Incontro con il sassofonista

Nel mare del ritmo

Parla Filippo Bianchini, uno dei protagonisti del jazz italiano in Europa: «Suonare è come cavalcare una grande onda del mare. Le cose vanno bene e vanno da sole, la musica scorre senza sforzi, non bisogna fare nulla, si sta lì, in equilibrio»

Poche cose come la musica possono esprime i sentimenti che una persona prova o veicolare pensieri e sensazioni. Il jazz è forse una delle espressioni più esplosive della musica. Ne parliamo con il jazzista e sassofonista Filippo Bianchini. Bianchini suona in Italia, Belgio, Paesi Bassi, Francia, Germania, Finlandia, Stati Uniti e Regno Unito. Ha partecipato […]

continua »
Asia Vitullo
Il cinema dal divano

Il mistero dei desideri

Arriva su Netflix "The place" film del 2017 di Paolo Genovese. Il racconto di una realtà metafisica che pone interrogativi fondamentali sul tema del libero arbitrio, indirizzandoci nell’oscuro labirinto dell’inconscio

Mai come in questo momento la vita si presenta davanti a noi aggrovigliata su se stessa e le possibilità di sciogliere i suoi nodi appaiono sempre più inesplicabili e senza controllo. Ma cosa saremmo disposti a fare se avessimo la possibilità di districare la matassa che ci avvolge? The Place scava nella cavità più profonda […]

continua »
Nicola Fano
La scomparsa di un magnifico attore

Per Sergio Fantoni

Da Visconti a Ronconi a Strehler, passando per Hollywood: la parabola di Sergio Fantoni è stata quella di un grande interprete dotato di misura, altruismo ed eleganza. Perché prima di tutto è stato un uomo speciale

Sergio Fantoni era un attore, un magnifico attore per formazione, cultura e vocazione. È morto nel pomeriggio di venerdì in seguito a uno stupido incidente domestico, aveva 89 anni, ne avrebbe chiusi novanta la prossima estate. Chiunque abbia amato il teatro dagli anni Sessanta del secolo scorso in poi lo ricorderà bello e carismatico: mai […]

continua »