31
marzo
2020

spettacoli

Mario Di Calo
Visto al Teatro Eliseo di Roma

Il carillon di Molière

Arturo Cirillo ripropone "La scuola delle mogli" di Molière facendone un gioco ripetitivo e perverso: quasi un'ossessione manieristica, nella quale la borghesia seicentesca si trasforma in un mondo popolato di fantasmi

La scuola delle mogli è una commedia di Molière andata in scena per la prima volta nel 1662, un impeccabile gioiello che il Settecento ci ha tramandato, e che giunge fino a noi sui nostri palcoscenici grazie alla sensibilità e alla accuratezza di Arturo Cirillo che lo ha ridotto e messo in scena per conto […]

continua »
Luca Fortis
I generi e la scena

Se il teatro è donna

Incontro con Kiara Pipino, regista e docente universitaria Usa, una delle massime esperte della scena americana al femminile. «Le donne, indipendentemente dal talento, ricevono un trattamento speciale, fortemente influenzato da un evidente o latente sessismo»

Negli ultimi anni le registe teatrali donne negli Stati Uniti hanno riscosso molto successo, eppure il teatro americano rimane ancora un mondo abbastanza maschilista. Sta per uscire Women Writing and Directing in the USA: A Stage of Our Own, pubblicato da Routledge e scritto dalla regista teatrale Kiara Pipino: presenta interviste con alcune delle registe teatrali di […]

continua »
Nicola Fano
Visto al Piccolo Eliseo di Roma

Operazione corruzione

Rosario Lisma, con il pretesto di raccontare una compagnia alle prese con uno spettacolo sulle BR, punta il dito sulla corruzione teatrale italiana. Che è figlia legittima di un Paese spolpato da lobby, poteri e false mode. Come il nostro teatro, appunto

Una compagnia di quattro teatranti poco trendy sta provando uno spettacolo “impegnato” sulle brigate rosse e la stagione del terrorismo italiano degli anni Settanta. Dubbi, paure, ripensamenti dei quattro attori (uno di loro è anche autore e regista) si riverberano sulle prove, mettendo a dura prova l’unità, anche stilistica, della compagnia. Unico legame indissolubile è […]

continua »
Mario Di Calo
Al teatro San Ferdinando di Napoli

Cechov e Moscato

Con una nuova edizione di "Festa al celeste e nubile santuario", Enzo Moscato accentua ancora di più la parentela con il teatro di Cechov. E le tre donne dei vicoli diventano quesi delle nuove "tre sorelle"

Fin da quando fu messo in scena per la prima volta al Festival di Asti nel 1988, con la regia di Armando Pugliese e l’interpretazione di tre icone del teatro partenopeo, e cioè Isa Danieli, Angela Pagano e Fulvia Carotenuto, Festa al Celeste e Nubile Santuario di Enzo Moscato, è divenuto nel tempo materia di […]

continua »
Giuseppe Grattacaso
A proposito de "L'ufficiale e la spia"

Polanski (e il silenzio)

Viaggio al centro della verità manipolata: raccontando l'affaire Dreyfus, Roman Polanski descrive (senza mai alzare i toni) le dinamiche di una società che mente per difendere gli "interessi superiori" dello Stato

Qualcosa rende grande L’ufficiale e la spia, il nuovo film di Roman Polanki, e non è la materia che tratta, e nemmeno solamente il rigore stilistico con cui il regista affronta il celebrato affaire Dreyfus. La vicenda del capitano dell’esercito francese degradato nel 1895 e mandato al confino con l’infamante accusa di spionaggio è nota, […]

continua »
Sergio Buttiglieri
Visto al Fabbricone di Prato

Il partigiano Creonte

Il regista Massimiliano Civica rovescia la tradizionale interpretazione di “Antigone”: l'eroina di Sofocle diventa una prepotente principessa Savoia e Creonte un partigiano. Il conflitto ora è tra democrazia e monarchia

Tutti noi abbiamo amato Antigone, l’eroina di Sofocle che disubbidisce alle leggi terrene imposte da Creonte, per dare sepoltura al fratello morto in battaglia. Una sorta di Carola Rakete dei nostri giorni che scuote la nostra apatia perché ritiene giusto salvare chi è in pericolo nonostante i porti chiusi, abbracciando la legge “non scritta” che […]

continua »
Lidia Lombardi
A proposito de “L’ultimo piano”

Autoritratto generazionale

Nove allievi della Scuola d’Arte Cinematografica Gian Maria Volonté hanno scritto e girato un bel film che racconta un mondo spesso ignoto ai "grandi": quello delle giovani generazioni costrette a vivere senza futuro ma che ogni giorno riescono a trovare ragioni di sperata

Metti nove giovani registi usciti dal triennio della Scuola d’Arte Cinematografica Gian Maria Volonté. E insieme a loro, un gruppo di sessanta altri giovani formati nelle varie branche della medesima istituzione, attori, operatori, fonici, montatori, sceneggiatori, costumisti, scenografi. Mettili tutti insieme al lavoro, a realizzare il loro primo lungometraggio (ma parecchi dei registi avevano già […]

continua »
Mario Di Calo
Visto al Teatro Mercadante di Napoli

Dürrenmatt a processo

Alessandro Maggi riporta in scena "La panne" di Friedrich Dürrenmatt. Un processo (finto) allestito per gioco finisce per essere la metafora di un mondo che condanna invece di comprendere

Ritorna in scena La panne, racconto datato 1956 di Friedrich Dürrenmatt, in un adattamento originale a opera di Alessandro Maggi che adotta la bella traduzione di Eugenio Bernardi edita da Adelphi, e che ne cura anche la bella e raffinata regia per la produzione dallo Stabile napoletano. Edoardo Erba qualche anno fa ne aveva procurato […]

continua »
Lidia Lombardi
Al Teatro Nazionale di Roma

Il Flaiano redivivo

Vittorio Montalti e Giuliano Compagno fanno rivivere in un'opera originale il clamoroso insuccesso del "Marziano a Roma" di Flaiano: ma la vera protagonista è la Capitale, una illusione marcia e irredimibile

Cinquantanove anni fa, il 23 novembre 1960, al Lirico di Milano fu accanitamente fischiato Un marziano a Roma, adattamento teatrale del racconto di Ennio Flaiano. A interpretarlo ,uno sprovveduto ancorché mattatore Vittorio Gassman, che aveva creduto in quell’azzardo. Ovvero proporre al pubblico meneghino, vanitoso per la propria opulenta operosità, uno squarcio dello spleen capitolino, quel […]

continua »
Mario Di Calo
Visto al Teatro Elicantropo di Napoli

Addolorata Imma

Imma Villa è una straordinaria Erodiade di Giovanni Testori diretta da Carlo Cerciello. Con lei, il teatro torna a essere un rito di iniziazione, di preghiera e di condivisione. Nel segno della parola visionaria dell'autore lombardo

È in scena a Napoli, per una lunghissima tenitura, dal 17 ottobre al 17 novembre, nella storica sala del Teatro Elicantropo in Vico Gerolamini, dopo un felicissimo debutto al Napoli Teatro Festival Italia di questa estate, Erodiade di Giovanni Testori con la regia di Carlo Cerciello e l’interpretazione di Imma Villa. Rinnovando cosi il fortunato […]

continua »