24
marzo
2017

spettacoli

Angela Di Maso
Ritratto d'artista

Ascoltare la materia

Paola Manfredi: «Il processo creativo del teatro comporta sempre un incontro tra l’estetica del regista e le forme e i contenuti che la materia suggerisce»

Nome e cognome: Paola Manfredi. Professione: Regista teatrale e maestra di teatro. Età: sessant’anni. Quando e come hai capito di volere diventare una regista teatrale? Negli Anni Novanta. All’epoca era difficilissimo trovare un regista. Ci dirigevamo da soli. Per disperazione. Con risultati non sempre apprezzabili. Allora ho pensato di farlo seriamente. Cosa significa costruire regie e dirigere […]






continua »
Nicola Fano
Da domani a Urbino

Il sosia di Raffaello

Debutta una "farsa" scritta Michele Pagliaroni che trasporta il classico trucco della commedia degli equivoci nel mondo dell'arte: proprio nel cuore del doppia finzione, tra pittura e teatro

Un gioco a metà strada tra Eduardo Scarpetta (stile Miseria e nobiltà dove tutti si fingono qualcun altro) e Fantasmi a Roma, strepitoso film di Antonio Pietrangeli: ho letto il testo teatrale Divinissimo di Michele Pagliaroni (andrà in scena giovedì prossimo a Urbino, al Teatro Sanzio, diretto dall’autore) e ho pensato a come sia bello […]






continua »
Leonardo Tondo
Al cinema il remake del gorilla non più “King”

Kong e l’homo statunitensis

Il messaggio della nuova confezione cinematografica del bestione innamorato, che nonostante qualche incongruenza e punti non chiariti è un’ottimo film d’avventura, è questa volta ecologico: evitare di sottomettere la natura (o i popoli), piuttosto imparare a conviverci… I punti in comune con “La Bella e la Bestia”

Questa volta il gorilla formato grattacielo si chiama solo Kong. Per chi ama il genere (Jurassic Park, l’omonimo King, Pianeta delle Scimmie), sicuramente Kong: Skull Island di Jordan Vogt-Roberts è un’ottima pellicola di avventura su un’isola considerata deserta ma in cui si sospettano attività poco chiare. Un immancabile scienziato convince un senatore a mandare un […]






continua »
Lidia Lombardi
Il successo del cartoon umanizzato

Il Disney rifatto

Il remake in carne e ossa de “La Bella e la Bestia” con Emma Watson aggiunge un po' di "politicamente corretto" ma convince grazie ai suoi effetti speciali. E al cast davvero eccezionale

Il responso del botteghino è trionfale: nel week end di uscita ha battuto al rialzo ogni previsione La Bella e la Bestia, il remake live del cartoon Disney del 1991, l’unico ad aver conquistato due Oscar (miglior canzone originale e migliore colonna sonora): 170 milioni di dollari negli Usa (record assoluto dei film “per famiglia”), […]






continua »
Angela Di Maso
Ritratto d'artista

Recitare per comunicare

Carmine Borrino: «Costruisco un mio personaggio guardandomi intorno per trovarlo tra la gente, poi dal corpo, dalle movenze. E infine cerco di capire cosa dice, mischiando il tutto alla mia personalità»

Nome e cognome: Carmine Borrino. Professione: Attore, drammaturgo, regista. Età: Più di 35 meno di 40. Da bambino sognavi di fare l’attore? No, perché già lo facevo: debutto settembre 1989; sognavo di fare il cantautore. Cosa significa per te recitare? Comunicare. Il tuo film preferito? Nuovo cinema paradiso. Il tuo spettacolo teatrale preferito? (Fatto da […]






continua »
Nicola Fano
Due spettacoli da non perdere

Cattedrali napoletane

Lontano dai centri di potere, il teatro italiano produce il suo meglio. Come è il caso di “Miseria&Nobiltà” secondo Michele Sinisi e “Scannasurice" di Carlo Cerciello e Imma Villa. Una lezione per tutti!

Malgrado tutto – malgrado un regolamento ministeriale farraginoso, malgrado la continua concentrazione di poteri (e denari) nelle mani di pochissimi (spesso teatralmente inetti), malgrado il disinteresse generale che patiscono arte e cultura in questo disgraziato Paese – il teatro italiano continua a essere vivo, emozionante e sorprendente. Certo, lo dico perché sono stato fortunato: venerdì […]






continua »
Angela Di Maso
Ritratto d'artista

Teatro del presente

Alice Spisa: «Recitare per me significa avere l’occasione di essere un po’ “più” di quello che ci concediamo di essere ogni giorno. E vorrei che ci fosse spazio per una drammaturgia del presente»

Nome e cognome: Alice Spisa Professione: Attrice. Età: Non più under 30. Da bambina sognavi di fare l’attrice? Parlavo al mio pubblico affezionato e invisibile, inventavo storie, avevo degli alter ego, facevo le imitazioni. Intorno ai dieci anni ho formulato il pensiero compiuto. Cosa significa per te recitare? Un rituale di trasformazione di cui fare […]






continua »
Nicola Fano
Visto al Parioli di Roma

Profumo di teatro

Massimo Venturiello riporta in scena "Profumo di donna" tratto dal bellissimo romanzo di Giovanni Arpino (passando per i film di Gassman e Al Pacino): una grande palestra di emozioni per una compagnia perfetta

Il buio e il miele di Giovanni Arpino (1969) è un bellissimo romanzo attraversato da un male di vivere travestito ora da disagio ora da graffiante ironia. È tanto un bel romanzo che dalle sue pagine sono stati tratti ben due film di grande successo: Profumo di donna, di Dino Risi con Vittorio Gassman nel […]






continua »
Angela Di Maso
Ritratto d'artista

L’attrice equilibrista

Isabella Carloni: «Sto sul filo come l’equilibrista: la voce è vibrazione, non puoi controllarla. L’importante è fare in modo che il pensiero non abbia mai il sopravvento sul soffio vitale della parola»

Nome e cognome: Isabella Carloni. Professione: Attrice (o se preferisci equilibrista). Età: Tutta quella del corpo e dell’anima! Da bambina sognavi di fare l’attrice? No, la facevo: mi travestivo, recitavo, cantavo, anche se mi vergognavo molto. Cosa significa per te recitare? Felicità e stato vitale. Il tuo film preferito? Ferro 3 di Kim Ki-Douk. Il […]






continua »
Nicola Fano
Incontro con Gianfelice Imparato

Il segreto dell’attore

«Le etichette non servono, il teatro è uno solo. E quando ne hai capito il segreto, puoi fare tutto. Quel che conta è che il personaggio non sappia quel che gli sta per capitare»: la lezione di Gianfelice Imparato

Gianfelice Imparato è un attore schivo: in scena sta sempre al suo posto, impreziosisce ciò che tocca (e interpreta) ma non sovrasta né i personaggi che interpreta né gli altri attori. L’ho visto recitare dozzine di volte nei contesti più disparati e ogni volta sono rimasto colpito da questa sua capacità di essere sempre parte […]






continua »