24
giugno
2017

spettacoli

Francesco Arturo Saponaro
Ultima replica all’Opera di Roma

L’arte di Rossini e quella di Michieletto

Memorabile la messa in scena de “Il viaggio a Reims” firmata dal regista veneziano che nel cogliere l’inconsistenza della trama della non-opera rossiniana sa come focalizzare i connotati e i ritmi della partitura

All’Opera di Roma, finora, questo titolo non era mai stato rappresentato. E adesso la messa in scena creata da Damiano Michieletto è risultata strepitosa, conducendo lo spettacolo a un trionfo memorabile. Il viaggio a Reims è un dramma giocoso in un atto su libretto di Luigi Balocchi, che Gioachino Rossini, da poco trasferitosi a Parigi, […]






continua »
Giuseppe Grattacaso
Allo Spedale del Ceppo di Pistoia

Schnitzler nostro contemporaneo

Lucrezia Guidone, diretta da Federico Tiezzi interpreta "La signorina Else" di Arthur Schnitzler: una donna la cui vitalità è umiliata da una società in crisi (anche morale). Proprio come oggi, insomma...

Arthur Schnitzler è un autore molto apprezzato dal teatro italiano. Partecipa dell’attenzione nei confronti del padre del “monologo interiore” anche La signorina Else, un racconto che l’autore viennese scrisse nel 1924, a sette anni dalla morte, avvenuta alla soglia dei settanta anni. Che cosa fa de La signorina Else un titolo particolarmente amato e frequentato […]






continua »
Nicola Fano
Al festival delle Colline Torinesi

Ifigenia a Grenfell Tower

Valter Malosti con Roberta Caronia mette in scena "Ifigenia in Cardiff", un duro atto di denuncia politica dell'inglese Gary Owen: nel capitalismo non c'è salvezza sociale

A leggere la nuova drammaturgia inglese si capisce meglio che cosa sia successo pochi giorni fa alle elezioni britanniche e che cosa stia succedendo in queste ore dopo il drammatico rogo della Grenfell Tower a Londra. Proprio mentre ancora non si è spenta l’eco di Contrazioni, di Mike Bartlett – messo in scena al Teatro […]






continua »
Angela Di Maso
Visto al Napoli Teatro Festival Italia

Moscato e Caronte

Debutta il nuovo spettacolo di Enzo Moscato, “Raccogliere & Bruciare, ingresso a Spentaluce”: un viaggio negli inferi di Napoli a metà strada tra Spoon River e un Varietà musicale

“Raccogliere & Bruciare, ingresso a Spentaluce” è il nuovo trascendentale e onirico viaggio teatrale di Enzo Moscato, ideato per il Napoli Teatro Festival 2017, ma da anni e anni lavoro sul quale Moscato stava lavorando partendo da un’analisi profondissima e traducendo/tradendo ottanta frammenti scelti accuratamente all’interno dei 263 frames complessivi di cui si compone l’Antologia […]






continua »
Sacha Piersanti
Visto all'Argentina di Roma

La formica di Zeichen

A un anno dalla scomparsa, Valentino Zeichen è un poeta da leggere e rileggere. Come dimostra l'allestimento di “Apocalisse nell’arte” con Francesco Siciliano, Anna Rita Chierici e Emanuele Marchetti

Allo scadere del secolo, torneranno fiammeggianti i quattro cavalieri dell’Apocalisse per distruggere ogni opera d’arte prodotta negli ultimi cinquant’anni. È questa la profezia attorno alla quale ruota la vicenda di Apocalisse nell’arte, dialogo in forma teatrale del poeta Valentino Zeichen (1938-2016), messo in scena nella Sala Squarzina del Teatro Argentina lo scorso 11 maggio da […]






continua »
Giuseppe Grattacaso
A proposito della "Tenerezza"

Famiglia Amelio

Il nuovo film di Gianni Amelio esplora quella zona di confine dove più o meno tutti abitiamo, continuamente segnata dai sentimenti più puri e dal loro contrario, dal bisogno di donare e da quello di depredare

Dice un poeta arabo: la felicità non è una meta da raggiungere, ma una casa in cui tornare. Sembrerebbe racchiuso nella frase che pronuncia commossa Elena, la figlia dell’anziano avvocato intorno al quale ruota la vicenda narrata, il senso ultimo del film La tenerezza, che Gianni Amelio ricava dal romanzo La tentazione di essere felici […]






continua »
Angela Di Maso
Ritratto d'artista

Vendere ombre

Elena Arvigo: «Che cosa sono? Attrice è poco, artista è troppo. Preferisco la definizione che diede Eugenio Barba, "Siamo venditori di ombre”. E comunque un sogno può essere raggiunto per contrasti. Lo trovo più divertente»

Nome e cognome: Elena Arvigo. Professione: Attrice. (Mi sento spesso un salmone però!)! Vorrei anche dire che la parola “attrice” mi sembra sempre sbagliata e “artista” mi sembra sempre “troppo”. Nella prefazione di un bellissimo libro, “La struttura dei corpi sottili” di Kassim Bayatly, Eugenio Barba dice “vendiamo ombre“. Ecco, questa mi sembra la definizione […]






continua »
Nicola Fano
Al Teatro Elicantropo di Napoli

Un’altra Elettra

Nicola Russo, con Sara Borsarelli, racconta in scena la vita avventurosa di Elettra Romani, attrice anarchica, ballerina sfacciata e moglie di un grande comico d'avanspettacolo, Alfonso Tomas

Fino a domenica, al Teatro Elicantropo di Napoli, è in scena Elettra, biografia di una persona comune di Nicola Russo che lo dirige e lo interpreta insieme a Sara Borsarelli. L’Elettra del titolo (una nemesi, più che un nome) è Elettra Romani, attrice anarchica e diva d’avanspettacolo, moglie di uno dei massimi comici teatrali del […]






continua »
Sacha Piersanti
Visto al Teatro Due di Roma

Incerti di coppia

«Maternità inattesa» di Marco Pizzi: un gruppo di giovani attori mette in scena le incertezze (e l'incapacità di crescere) di un gruppo di ventenni. Prove di nuovo teatro

L’esordio di un attore nelle vesti di regista (Valerio Puppo); l’esordio di un insegnante di matematica e fisica in quelle di drammaturgo (Marco Pizzi); un quintetto di giovani attori, di giovanissimi attori i cui nomi non dicono (ancora) niente a nessuno. Per chi al forse di un talento preferisce la certezza di un’esperienza, c’erano tutti […]






continua »
Angela Di Maso
Ritratto d'artista

Teatro senza gabbie

Andrée Ruth Shammah: «Il mio teatro è, lo spero, Teatro e cioè anche ricerca sociale o azione sociale ma anche molto di più. l mondo del teatro per il fatto stesso di scegliere di vivere di solo teatro è fatto da sognatori, persone piene di passioni»

Nome e cognome: Andrée Ruth Shammah all’anagrafe Ruth Andrée Shammah. Professione: Far vivere il Teatro Franco Parenti dal 1972. Età: 68 anni 6+8=14/1+4=5. E 5 è un bel numero. Quando e come hai capito di volere diventare una regista teatrale? Non l’ho mai capito, lo sono diventata nel 1972 quando si trattava di mandare in scena l’Ambleto […]






continua »