25
settembre
2021

notizie

Riconoscimenti letterari

I mondi di Andreina

Il romanzo “Adesso che sei qui” di Mariapia Veladiano ha vinto il premio Città di Lugnano. Per la sezione racconti inediti ha vinto "Notturno Romano" di Mariagrazia Lonza, mentre la giuria popolare ha scelto "Di scarpe e carità" di Sandro Manzi

La settima edizione del Premio Letterario nazionale Città di Lugnano è stata vinta da Mariapia Veladiano col romanzo Adesso che sei qui (Guanda), al termine della pubblica votazione della giuria di esperti e della giuria popolare che lo ha prescelto anch’essa tra i cinque titoli finalisti. Per la sezione racconti inediti, dedicati quest’anno al tema […]

continua »
Lidia Lombardi
Nel ParCo del Colosseo

Grottesche romane

Finalmente apre alla Domus Aurea la mostra dedicata alle grottesche di Raffaello. Un'esposizione di grande interesse che testimonia la suggestione che, tra la fine del Quattrocento e l'inizio del Cinquecento, suscitò l'arte romana sul Rinascimento

Il rosa degli oleandri, le corse dei bambini nei viali di colle Oppio, un portone zincato con il logo ParCo, che si apre, nuovo, nella collina. Ricomincia anche così la vita nella Città Eterna, e nel suo luogo più identitario, il ParCo del Colosseo appunto. Perché da domani esce dal sonno – maleficio del covid […]

continua »
Giovedì prossimo la cerimonia a Pistoia

Il premio Succedeoggi

Va a Alberto Fraccacreta e al suo saggio su Carlo Bo e Paul Claudel la prima edizione del riconoscimento promosso dalla nostra testata nell'ambito del prestigioso Premio Ceppo. Dedicato alla critica under 35, è intitolato al magistero di Leone Piccioni

Il premio Ceppo, il prestigioso riconoscimento letterario animato a Pistoia da Paolo Fabrizio Iacuzzi, quest’anno si arricchisce di un nuovo alloro intitolato a Leone Piccioni e sostenuto da Succedeoggi Libri – la nostra casa editrice che ha appena mandato nelle librerie una nuova serie di titoli – e destinato a un critico under 35. Si […]

continua »
Raoul Precht
Periscopio (globale)

Il blu e il cianuro

“Quando abbiamo smesso di capire il mondo”, il romanzo di Benjamín Labatut, è un singolare esempio di narrativa che attraversa i generi. Dalla scienza alla storia, sempre sul filo della realtà e del paradosso

Partiamo dal titolo, che nell’originale è Un verdor terrible e trova una sua spiegazione solo quando si arriva (presto, perché è un libro che si legge rapidamente e con interesse) al capitolo finale. In italiano, vista (immagino) la difficoltà di trovare un equivalente al termine verdor, che definisce sia la qualità di ciò che è […]

continua »
Paola Benadusi Marzocca
Da oggi al 17 giugno la Fiera di Bologna

Pianeta libri (per ragazzi)

Anche questa 58° edizione della celebre kermesse dedicata ai lettori più giovani si svolgerà in Rete. Non per questo meno significativo il programma e le proposte, che contemplano l’anniversario di Dante, l’interesse per la scienza, le avventure a lieto fine e anche il mondo così com’è

Tutti in Rete da oggi, 14 giugno, al 17 prossimo per la 58° edizione della Fiera Internazionale del Libro per Ragazzi di Bologna: troppe le incognite considerando la massiccia presenza di editori, esperti del settore, operatori, illustratori, scrittori provenienti da tutto il mondo. Sarà dunque anche quest’anno un evento digitale, non per questo meno significativo […]

continua »
In vendita da oggi

Ecco Succedeoggi Libri

La critica su Leone Piccioni, le invettive contro i comici di Antonio Gramsci, le donne letterate dell'Ottocento di Marise Ferro, i campioni maledetti e dimenticati di Gianni Cerasuolo: sono i primi quattro titoli di Succedeoggi Libri. Una novità pensata per i nostri lettori

A otto anni dalla nascita della nostra factory culturale, Succedeoggi, abbiamo deciso di puntare in modo organico sull’editoria. Il newsmagazine che ben conoscete ormai può vantare intorno a sé un gruppo di lettori stabili e fedeli (siamo oltre 40000 al mese): voi che ci leggete, insomma. E, dunque, da questo mese di giugno 2021 la […]

continua »
L'assegnazione il 26 giugno prossimo

I premi Lugnano

“Sempre soli con qualcuno” di Annalisa De Simone, “Dell'amore e altre forature” di Nico Maraja, “Dopo la pioggia” di Chiara Mezzalama, “Ciao Vita” di Giampiero Rigosi e “Adesso che sei qui” di Maria Pia Veladiano sono i finalisti del premio del borgo nel ternano

I cinque romanzi editi finalisti della VII edizione del Premio Lugnano 2021 sono, in ordine alfabetico per autore: Sempre soli con qualcuno di Annalisa De Simone (Marsilio), Dell’amore e altre forature di Nico Maraja (Ediciclo), Dopo la pioggia di Chiara Mezzalama (Edizioni E/O), Ciao Vita di Giampiero Rigosi (La nave di Teseo) e Adesso che […]

continua »
Daniela Matronola
A proposito di "Sembrava bellezza”

La piccola bellezza

Dal nuovo romanzo di Teresa Ciabatti spunta una Roma pariolina, volgare e fasulla nella quale i personaggi restano sospesi tra mito e cronaca. Ma è pur sempre un mondo nel quale a molti tocca in sorte di essere reali...

Chi odia copia. Riformulo: chi invidia imita. Ho letto Sembrava bellezza, di Teresa Ciabatti (Mondadori 2020, pag.239, 18€.), e questo ho desunto dopo aver cavalcato le pagine animate di questo romanzo che a mio parere fa due cose: individua una malia che scorre subdola tra gli abitanti del Truman Show occidentale, lunapark mesto e trasversale; […]

continua »
Alessandra Bordino
Parole e ombre/13

‘l fio’ dla Rina

«Quando si trovavano a passare di lì in visita o per i loro commerci di galline, prodotti dell’orto, salami e sementi, le contadine chiedevano: “E ‘l Ninu, cum al va?”, informandosi obliquamente su come stava ma intendendo più che altro dire: “Possiamo vederlo?”»

Immagine di Enrico Graziani Prima di diventare Cavaliere, Cavaliere della Repubblica per il lavoro svolto durante più di cinquant’anni nelle risaie fra Vercelli e Novara, il Cavaliere era il figlio della Rina e del Carlo, Cavaliere a sua volta ma del Lavoro, un ordine equestre lievemente diverso di cui però ora mi sfugge la differenza.Era […]

continua »
Giuliana Bonanni
Finestra sul mondo

Irrido dunque sono

Dopo l'uccisione di Samuel Paty, la Francia si interroga sui limiti (eventuali) e sul significato delle caricature. La storica Annie Duprat, partendo dall'Ottocento, spiega come la satira sia destinata a un'identità condivisa: la globalizzazione dell'immaginario ne ha cambiato i connotati

L’assassinio di Samuel Paty, l’insegnante decapitato da un giovane terrorista islamista perché, durante un corso di educazione civica e morale, aveva fatto vedere ai suoi allievi quindicenni alcune delle vignette su Maometto di Charlie Hebdo, ha gettato la Francia nell’orrore. Inoltre, questo drammatico evento ha messo il Paese di fronte un dilemma. In uno Stato […]

continua »