18
aprile
2021

notizie

Daniela Matronola
A proposito di "Sembrava bellezza”

La piccola bellezza

Dal nuovo romanzo di Teresa Ciabatti spunta una Roma pariolina, volgare e fasulla nella quale i personaggi restano sospesi tra mito e cronaca. Ma è pur sempre un mondo nel quale a molti tocca in sorte di essere reali...

Chi odia copia. Riformulo: chi invidia imita. Ho letto Sembrava bellezza, di Teresa Ciabatti (Mondadori 2020, pag.239, 18€.), e questo ho desunto dopo aver cavalcato le pagine animate di questo romanzo che a mio parere fa due cose: individua una malia che scorre subdola tra gli abitanti del Truman Show occidentale, lunapark mesto e trasversale; […]

continua »
Alessandra Bordino
Parole e ombre/13

‘l fio’ dla Rina

«Quando si trovavano a passare di lì in visita o per i loro commerci di galline, prodotti dell’orto, salami e sementi, le contadine chiedevano: “E ‘l Ninu, cum al va?”, informandosi obliquamente su come stava ma intendendo più che altro dire: “Possiamo vederlo?”»

Immagine di Enrico Graziani Prima di diventare Cavaliere, Cavaliere della Repubblica per il lavoro svolto durante più di cinquant’anni nelle risaie fra Vercelli e Novara, il Cavaliere era il figlio della Rina e del Carlo, Cavaliere a sua volta ma del Lavoro, un ordine equestre lievemente diverso di cui però ora mi sfugge la differenza.Era […]

continua »
Giuliana Bonanni
Finestra sul mondo

Irrido dunque sono

Dopo l'uccisione di Samuel Paty, la Francia si interroga sui limiti (eventuali) e sul significato delle caricature. La storica Annie Duprat, partendo dall'Ottocento, spiega come la satira sia destinata a un'identità condivisa: la globalizzazione dell'immaginario ne ha cambiato i connotati

L’assassinio di Samuel Paty, l’insegnante decapitato da un giovane terrorista islamista perché, durante un corso di educazione civica e morale, aveva fatto vedere ai suoi allievi quindicenni alcune delle vignette su Maometto di Charlie Hebdo, ha gettato la Francia nell’orrore. Inoltre, questo drammatico evento ha messo il Paese di fronte un dilemma. In uno Stato […]

continua »
Giuliana Bonanni
Finestra sul mondo

Voci dal femminismo

La rivista “Les Inrockutibles” stila l'elenco dei 20 podcast francesi nativi digitali giudicati imperdibili. E si scopre che in cima alla lista ci sono creazioni di forte impatto politico tutte firmate da donne

Il podcast in Francia parla con voce di donna. Sempre più diffusi, questi programmi audio, solitamente di natura seriale a episodi, che si scaricano da Internet attraverso piattaforme dedicate, oggi sono ascoltati al 14% dei francesi, soprattutto giovani e culturalmente curiosi. “Testimonianze, colloqui, racconti intimi. Libero dalla costrizione dell’immagine, con una moltitudine di format e […]

continua »
Succedeoggi aderisce alla campagna

Un organo per Roma

Malgrado fosse previsto dal progetto originario di Renzo Piano, l'Auditorium Parco della Musica di Roma non ha ancora un organo da concerto. Forse è il momento di colmare questa lacuna...

Benché nell’Auditorium del Parco della Musica, a Roma, l’organo da concerto fosse pienamente previsto fin dal progetto originale di Renzo Piano, al momento dell’esecuzione dei lavori, esso non è mai stato installato. Questa circostanza dà luogo a un’allarmante anomalia: Roma è l’unica grande città al mondo a non disporre di un organo nella sua principale […]

continua »
Anna Camaiti Hostert
Cartolina dall'America

Trump e la paura

Ormai gli States sono prigionieri di Trump, delle sue bugie e dei suoi trucchi. L'ultimo è quello di promettere ordine e legalità (“Law & Order", come la celebre serie tv) se verrà rieletto: come se non fosse il presidente in carica che avrebbe già dovuto garantire la sicurezza degli americani...

Law & Order è une delle più famose serie televisive americane che, nata nel 1990 ad opera di Dick Wolf, è continuata per 20 stagioni, avendo un successo incontrastato. Il suo tema sono i casi giudiziari che avvengono nella città di New York su cui indaga la polizia. Arrivano poi in tribunale dove il pubblico […]

continua »
Giuliana Bonanni
Finestra sul mondo

Meglio Mao o Orwell?

In Cina è partita una nuova ondata di censura. Le biblioteche scolastiche sono sottoposte a revisione: via i romanzi di Orwell, dentro le poesie di Mao. Solo Winnie The Pooh e “La capanna dello zio Tom“ resistono alla campagna di Xi Jinping

Per rafforzare il Partito e riaffermarne l’ideologia, Xi Jinping punta alle menti dei più giovani. «Combattere per conquistare il cervello dei ragazzi è una delle cose più importanti per il Partito» ha dichiarato Wu Qiang, un analista politico di Pechino ed ex docente di scienze politiche alla Tsinghua University, ricordando come la determinazione dei giovani […]

continua »
Lidia Lombardi
Itinerari per un giorno di festa

La resistenza di Roma e dei suoi alberi

In mostra opere, realizzate anche durante il lockdown, di 22 artisti residenti (2019-2020) all’Accademia di Spagna, eccezionalmente aperta per l’occasione fino al 31 dicembre. Mirabilia del complesso del Gianicolo legato da secoli alla penisola iberica

Al tramonto, dalla terrazza-giardino dell’Accademia di Spagna protesa verso via Garibaldi, la vista è incomparabile, così come dalle vetrate dei suoi atelier: di fronte la cupola di San Giovanni dei Fiorentini, detta “il confetto succhiato” tanto è affusolata; a sinistra la mole di Castel Sant’Angelo; a destra le chiome verdi del Pincio, il candore di […]

continua »
Anna Camaiti Hostert
Cartolina dall'America

Piovono statue

Dopo l'omicidio razzista di George Floyd, negli Usa cadono le prime teste. Ma sono teste di piombo, come quella del generale Robert E. Lee, schiavista e razzista che perse la guerra civile ma per molti resta un mito. Da abbattere, appunto

Negli stati dell’Alabama, della Virginia, della North e South Carolina, del Mississippi, del Tennessee, del Kentucky e perfino della Pennsylvania e dell’Indiana si succede ormai da giorni, dopo l’uccisione di George Floyd, una furia iconoclasta contro i monumenti e le statue dei generali dell’esercito confederato. In particolare contro quella del generale Robert E. Lee comandante […]

continua »
Giuliana Bonanni
Finestra sul mondo

Salvate i bouquiniste

A Parigi hanno riaperto i bouquiniste, le librerie di rarità e volumi usati (ma anche souvenir) lungo la Senna. Hanno chiesto protezione all'Unesco per non sparire. E sognano di tornare a essere "antiquari popolari"

Dopo la chiusura per il lockdown, liberati dal malefico sortilegio che li aveva fatti sparire, dall’11 maggio i bouquiniste parigini sono tornati sui lungosenna con le loro bancarelle, grandi “scatole” di metallo verde piene di vecchi libri, fumetti, cartoline e, talvolta, semplici souvenir. Dei 227 titolari della concessione gratuita del comune di Parigi, sono stati […]

continua »