20
aprile
2019

memorie&archivi

Sabino Caronia
Henry James a cento anni dalla morte

Come Agamennone

Racconta Edith Wharton che dopo l’ictus il grande narratore velò «gli occhi di fronte alla prospettiva di una distruzione senza fine». Aspettando “the distinguished thing”...

«Incipriata di neve Washington Square era al suo meglio. Il bianco aveva spolverato ogni albero e ogni cancello. Al numero 25 c’era una tendina tirata, e il fantasma di Edith Wharton che ci osservava con timida invidia. Ci guardò passare chiedendosi quando l’amore che era stata così brava a immaginare avrebbe trovato il coraggio di […]

continua »
Teresa Maresca
Incontro a Milano dedicato alla scrittrice

Appunti su Lalla

Quando la pittura incontra la scrittura: taccuini d’artista sull’incontro con Lalla Romano che intuì il percorso creativo di Teresa Maresca, apprezzando il suo «segno veloce, si direbbe istintivo, ma estremamente cosciente…»

Mercoledì Lalla Romano presentava il libro di Roberto nella libreria di corso Magenta (il poeta Roberto Mussapi è sposato con Teresa Maresca, ndr). Roberto mi ha raccontato di averle portato delle rose, in via Brera, qualche giorno prima. E pare che lei abbia detto, con la sua voce grave: «Sei un cuneese atipico». Roberto la […]

continua »
Loretto Rafanelli
Piccioni e il nostro tempo in un libro-intervista

Un ‘900 da Leone

La letteratura, i poeti, i critici, gli scrittori e le scrittrici, gli artisti, i Maestri e gli Amici, la famiglia, la musica, gli aneddoti, il giornalismo, la Rai. Il grande critico si racconta a Silvia Zoppi Garampi e al figlio Giovanni. E ne viene fuori un memorabile e indispensabile vademecum

Sono un estimatore di Leone Piccioni e rimpiango di non avere letto tutti i suoi libri, che sono tanti e disseminati nel tempo. Il perché di questa attenzione è molto semplice da dire: i suoi interventi critici sono mossi da intuizioni che situano il lettore in scenari nuovi, ha una scrittura fresca e leggibile, scevra […]

continua »
Alberto Fraccacreta
Nell’officina del poeta: un'intervista

L’attrito di Magrelli

Per Šklovskij il linguaggio della poesia è rallentato e potente come un treno in frenata. Per l’autore di “Ora serrata retinae” è un continuo esperimento. E così la sua poetica è in perenne evoluzione. Vedi l’ultima raccolta “Il sangue amaro”…

Valerio Magrelli è un poeta raffinato. Costretto a sostenere oggi il peso enorme della tradizione lirica di appartenenza, plasma una lingua aderente alla téchne contemporanea senza creare fratture. È quasi un miracolo. Una diversificazione che si amalgama. Un’arteria che si dissangua e si riassesta da sola. Rompe con la tradizione, permanendo nel solco di essa. […]

continua »
Lidia Lombardi
La Domenica: itinerari per un giorno di festa

Respirare la Sistina

Alla riscoperta della “Cappella del Mondo” messa in sicurezza da nuove tecnologie che ne assicurano la giusta temperatura e un’illuminazione costante e naturale. Un lavoro continuo di manutenzione per un caposaldo della civiltà occidentale

Se non ci andate da più di due anni, in questo che a Roma, con il Colosseo, è il luogo da visitare in cima alla lista, è bene che vi torniate. Ci sono aria nuova e luce nuova nella Cappella Sistina, il cuore dei Palazzi Apostolici, la sala nella quale lo Spirito Santo ispira al […]

continua »
Lidia Lombardi
La Domenica: itinerari per un giorno di festa

Terrazze SPQR

Osservatori d’eccezione per contemplare in relax la grande bellezza di Roma. Al Macro, nel cuore del quartiere umbertino di piazza Fiume, alla Terrazza Caffarelli attaccata al Campidoglio, dagli spalti del Museo dei Fori Imperiali e dei Mercati Traianei a via IV Novembre e a casa Moravia...

Non lo invidiate poi troppo Jep Gambardella, che nel film premio Oscar vive in appartamento con terrazza vista Colosseo e ci invita amici finto impegnati, bellone attempate, cafonissimi nottambuli. Quel lastrico in realtà è solo uno spazio condominiale di un palazzo qualsiasi davanti all’Anfiteatro Flavio. Paolo Sorrentino ne ha fatto l’intrigante set per La grande […]

continua »
Lidia Lombardi
La Domenica: itinerari per un giorno di festa

Le isole giardino abitate dai fantasmi

Storia e natura al Lago di Bolsena, il più grande degli «occhi» vulcanici italiani. A Bisentina, prigione diabolica del templare Ranieri Ghiberti, e a Martana, dove dal 30 luglio al 2 agosto il Festival Medioevale rievoca le sofferenze di Amalasunta

Un paradiso terrestre. Profumo di fiori, intrico di rami, fruscio di foglie animate dai refoli. Natura rubensiana, ora che esplode l’estate. Ma s’insinua un’ombra sulle due isole del Lago di Bolsena, il più grande degli «occhi» vulcanici italiani. Un alito strano fa vibrare i boschetti, increspa le acque attorno agli approdi. Qui ci sono stati […]

continua »
Lidia Lombardi
La Domenica: itinerari per un giorno di festa

Il cucuzzolo del Lazio

Viaggio a Cervara, il più alto Comune della nostra provincia, alfa del Parco dei Monti Simbruini che si contende il primato con l’omega Filettino. Uno skyline da libro delle fate, una località che con le sue praterie, le baite, il silenzio, ispira il Maestro Morricone

Settanta chilometri da Roma, un’ora di viaggio. E trovi aria, alberi, panorami da Grande Nord. Cervara è il più alto Comune della nostra provincia. Vanta 1053 metri sul livello del mare, che diventano 1.450 nella frazione-prateria di Campaegli. Per soli dieci metri non è la sede civica del Lazio più vicina al cielo. Le ha […]

continua »
Lidia Lombardi
La Domenica: itinerari per un giorno di festa

Molise solitario

Sepino Altilia e Pietrabbondante, una città romana che può competere con Pompei e un teatro sannita che ha più fascino di quello di Taormina. Due luoghi con un potenziale turistico eccezionale in un angolo d’Italia ancora autentico ma poco considerato

Il nome è volato nel Bel Paese qualche anno fa grazie al vento delle pale eoliche in via di installazione. Molisani in piazza contro il “demonio” che porta energia pulita a basso costo deturpando però, dicono loro, proprio gli sfondi di mirabili monumenti. Ma dopo l’alzata di scudi, la battaglia, i servizi giornalistici, i ricorsi […]

continua »
Lidia Lombardi
La Domenica: itinerari per un giorno di festa

La vigna di Leonardo

Riprendono vita a Milano, nel giardino della Casa degli Atellani dove abitò, i filari che il grande Maestro di Vinci curava con gusto toscano. Un'eccellente Malvasia di Candia che ha alimentato ricerche scientifiche, storiche e fantasie...

Segnatevi questo indirizzo: Casa degli Atellani, corso Magenta 65, Milano. Perché tra qualche settimana, all’incirca ad aprile, nel giardino di questa dimora quattrocentesca cominceranno a verdeggiare le barbatelle di qualche filare di vite, da poco piantata. E il vigneto che così si ricostituisce avrà l’appeal della Storia. Perché è il vigneto di Leonardo da Vinci […]

continua »