26
gennaio
2021

letture

Alessandro Marongiu
A proposito di “www.gambala.com”

La biografia infinita

Davide Pulici ha scritto la biografia del filmmaker Alberto Cavallone. Ma il suo è un (imperdibile) romanzo su una ricerca infinta e, per questo, impossibile, non semplicemente la cronaca della vita di un uomo

A questo mondo c’è speranza. Non «finalmente», ma: ancora. Ce lo fa dire un libro impossibile (così lo presenta anche l’autore: e ne ha ben donde) come www.gambala.com. La vita e le opere di Alberto Cavallone di Davide Pulici (Nocturno libri, 560 pagine, 28 euro). Speranza che ancora qualcuno dedichi lustri (tre, quattro, quasi cinque?) […]

continua »
Giuliano Capecelatro
A proposito di "Dominio"

Religione del denaro

Marco D'Eramo analizza il percorso che ha trasformato i principi del liberismo economico in una vera e propria ideologia indiscutibile. L'unica che oggi si impone ovunque, dettando etica e comportamenti. A vantaggio di pochi, ovviamente

La domanda sorge spontanea appena terminata la lettura di Dominio, il più recente lavoro di Marco D’Eramo. Una scudisciata a coscienze da tempo sonnacchiose. Quale Gorgone mai ci ha impietriti e impedito di scendere in strada per dar vita a un nuovo 1789, intonando furenti Ah! ça ira, ça ira ça ira ….? Perché le […]

continua »
Daniela Matronola
A proposito de "La sagoma"

La favola di Celeste

Daniela Carmosino ha pubblicato un piccolo e riuscito romanzo in versi che sembra quasi una favola crudele che riflette sulla condizione dei bambini. Sempre più dimenticati in questi nostri difficili tempi

In una recente presentazione online de La sagoma, piccolo, formidabile libro di Daniela Carmosino (RP Libri, 90 pagine, 12 Euro), ho sentito pronunciare più volte una serie di aggettivi e definizioni decisamente calzanti eppure lievemente fuori fuoco. Parole molto competenti e generose pronunciate con giusto piglio accademico, molto lusinghiere nei confronti del valore del libro, […]

continua »
Pier Mario Fasanotti
Consigli per gli acquisti

Mostri e visionari

Matteo Collura racconta le visioni della Sicilia letteraria, Gian Luigi Beccaria analizza la lingua di Primo Levi e Antonio Manzini ricostruisce un intricato caso di cronaca di provincia in riva all'Adriatico

Sicilia. Si sa: definire una porzione di mondo è cosa difficile. Lo è ancora di più per un’isola triangolare chiamata un tempo Trinacria. Lo scrittore Gesualdo Bufalino, autore di Diceria dell’untore, che considerava il suo paese (Comiso, nel Ragusano), una sorta di arresti domiciliari, volendo capire la natura intrinseca e il carattere dei suoi concittadini, […]

continua »
Roberto Mussapi
Every beat of my life

O Grande Aldilà!

La ricerca dell’Infinito è «una meta della poesia in quanto tale». Leopardi l’ha declinata in modo perenne. Anche Tagore, spesso presente su queste pagine, si è misurato con “l'Oscuro lontano”. Lo invoca in versi struggenti. Irrequieto, nostalgico…

Leopardi ha declinato l’infinito, memorabilmente. Tutti i poeti ne sono avvinti e insieme dolorosamente lontani, pieni fino all’ebbrezza e nello stesso tempo abbandonati. Sono venuti al mondo per trovare il filo in cui comunione e abbandono coincidono.Immediato pensare a Leopardi, che fissa una visione perenne dell’Infinito, ma a volte sfugge come questo sia una molla, […]

continua »
Paolo Petroni
Omaggio a un grande classico

L’esempio di Dumas

A centocinquant'anni dalla morte Alexandre Dumas padre è ancora attualissimo. E la struttura dei suoi capolavori, "Il Conte di Montecristo" e "I tre moschettieri" resta un modello insuperato per la narrativa e (soprattutto) le serie tv di oggi

Personaggio vitale e di forte personalità, uomo generoso e con ideali, lo scrittore, drammaturgo e giornalista Alexandre Dumas, il padre dei celeberrimi ”Tre moschettieri”, dopo 150 anni dalla sua scomparsa, che cadono giusto oggi, essendo avvenuta il 5 dicembre 1870, non è mai passato di moda e ogni generazione lo riscopre e si appassiona rileggendolo. […]

continua »
Giuliana Bonanni
Finestra sul mondo

La ribelle Adéle

In Francia spopola «Mortelle Adéle», la ragazza ribelle protagonista del fumetto del momento: una rivista da 50000 copie, due giochi di società, figurine, video, gif e, presto, un album del re della canzone per i bambini e un cartone animato...

Non esistono genitori perfetti. E i bambini non fanno sconti. Tanto vale confrontarsi con l’antagonismo e i pensieri poco lusinghieri che si nascondono dietro le sembianze più angeliche. E lasciare che prendano forma e si incarnino nella piccola eroina di un fumetto amatissimo dai piccoli francesi, la pestifera, crudele, ma divertente e fantasiosa, Mortelle Adèle, […]

continua »
Lidia Lombardi
Lo scaffale degli editori

Ada allo specchio

Napoli è la città della giovinezza della protagonista del romanzo di Annella Prisco, uno scavo attorno a donna borghese alla ricerca della sua verità interiore. Ed è il cuore del romanzo-storico di Dora Liguori sul massacro dei 30 mila napoletani che, fedeli al “Re lazzarone”, difesero la città dall’invasione francese del 1799

Napoli e l’armonia festosa del paesaggio campano tutto, Napoli e le sue ombre, in uno scenario che si nutre anche di passato, di scomparse età dell’oro, in senso materiale e metaforico. “Campania felix”, insomma, ma anche Campania ferita. Protagonista di due freschi di stampa, un romanzo storico e un romanzo-romanzo. Il primo vuole fare i […]

continua »
Daniela Matronola
A proposito de “Il cielo è dei violenti”

Fiamme e fantasmi

Con una nuova traduzione, torna Flannery O’Connor con la sua America solcata dalla violenza, dai pregiudizi e dalle aspirazioni mancate. Un romanzo stranamente attuale che ci racconta una società che abbandona i bambini al proprio destino

Chi si prende cura dei bambini? Chi li tutela davvero senza ingannarli? Chi sa rinunciare alla forte tentazione di mettersi in tutto al loro posto? Chi sa stare un passo indietro senza pilotarli? Chi può resistere alla tentazione perversa di violarli? Sono tornata a pensarci guardando un episodio delle serie L’ispettore Gently, con Martin Shaw. […]

continua »
Pier Mario Fasanotti
A proposito de "L'ultima pagina"

Scrivere contro di sé

Susanna Schimperna ha analizzato il gesto estremo di molti scrittori che si tolsero la vita. Nel suicidio di Guido Morselli, Marina Ivanovna Cvetaeva, Cesare Pavese ci sono anche le ragioni delle loro scelte di scrittori

Poco importa da quale angolazione lo si esamina: il suicidio è, e forse rimarrà per sempre, un tabù. Scrittrice romana, studiosa di letteratura. Susanna Schimperna si interroga sulla vita e sulle ragioni della volontà di annullarsi di 25 scrittori e scrittrici, evitando di proposito quei nomi (per esempio Primo Levi) che sente troppo vicini a […]

continua »