19
aprile
2019

letture

Flavio Fusi
Cronache infedeli

Il poeta ritrovato

Storia di Juan Gelman, il poeta argentino che per tutta la vita ha dovuto cercare di ricostruire la vita del figlio, della nuora e della nipote straziati dalla dittatura. Le parole e l'amore al tempo dei mostri

«Non è per chiuderci in casa che si costruisce una casa, non è per chiuderci nell’amore che si costruisce un amore». Quale invincibile demone chiede di parlare sempre d’amore – e scrivere sempre d’ amore – a un uomo immerso per la vita in una disperata tragedia personale, famigliare e storica? Juan Gelman, poeta. Padre […]

continua »
Nicola Fano
A proposito di "Romanzo in bianco e nero"

Romanzo & Storia

Dal fascismo agli Anni di piombo, Delia Morea racconta la parabola di un amore che la grande storia ha costretto a perdere purezza. Una lezione che ancora non abbiamo accettato fino in fondo

C’è molto cinema nel nuovo libro di Delia Morea (Romanzo in bianco e nero, Avagliano editore, 270 pagine, 17 Euro). Non solo perché molti dei protagonisti sono legati tra loro dalla passione (o dal mestiere) del cinema, ma anche perché è costruito mediante un efficace sistema di montaggio parallelo. Siamo a Roma e i medesimi […]

continua »
Marco Corsi
Il Ceppo in tre parole /2

Ritmo pensiero figure

Proseguono gli autoritratti dei finalisti al Selezione Ceppo Poesia 2019. È il turno di Marco Corsi, in gara nella sezione Under 35 con la sua raccolta “Pronomi personali”. Partita da un centro, un'immagine, «un nucleo dal quale si irradiano le molteplici possibilità del senso»…

Ritmo – Sul concetto di ritmo si sono espressi, in maniera diversa, alcuni dei poeti che più ho amato e frequentato durante il mio percorso di ricerca. Ritmo (dal greco rhytmòs, affine al verbo rheo: “scorrere”) non significa solo metrica, ma piuttosto un fluire, ora placido ora rapinoso, di suoni e di senso. Come l’acqua […]

continua »
Nike Gagliardi
Un raffinato "disco-libro"

La musica del mito

Mauro Palmas, con il concept album “Palma de Sols”, imbastisce un viaggio che non è solo musicale ma affonda le radici della cultura popolare e nell’antropologia sarda. Un omaggio alle contaminazioni e alle migrazioni

Poco meno di due millenni fa, il medico africano Antioco, reo di professare il credo cristiano e, per giunta, di fare proseliti, veniva esiliato in Sardegna andando ad aggiungere un importante atto finale a una biografia che sfuma nella leggenda e che delinea quella misteriosa e affascinante figura di santo e martire che darà il […]

continua »
Alberto Fraccacreta
A proposito di “Novilunio”

La poesia di luce

La nuova raccolta poetica di Tiziano Broggiato gioca sul rapporto tra parola e luce: una luce non derivata ma interpersonale, non rifratta ma signora delle cose, non caleidoscopica ma integra

Durante il novilunio, come si sa, l’emisfero visibile della luna è adombrato. Ciò significa, tecnicamente, che il satellite naturale è in un nodo d’orbita tale da varcare il piano eclittico in perfetto allineamento con il nostro pianeta e il sole. Ma anche, metaforicamente, che questa situazione astrale prelude a un inizio, identico e differente: l’ombra […]

continua »
Giancarlo Pontiggia
Autoritratto in tre parole /1

Cosmo cose anime

I poeti finalisti del Premio Ceppo 2019 si raccontano attraverso la loro opera in concorso. Così Giancarlo Pontiggia spiega che ne “Il moto delle cose” la sua visione si è espansa e che la raccolta altro non è che una discesa nella materia scura dell’universo, che è quella di cui siamo fatti

A partire da oggi e con un appuntamento bisettimanale, i poeti finalisti del Premio Letterario Internazionale Ceppo Pistoia, Selezione Poesia 2019 (che verrà assegnato il prossimo 24 marzo) si raccontano attraverso la loro ultima opera, in una rubrica curata da Paolo Fabrizio Iacuzzi, presidente e direttore del Premio. Inaugura la serie Giancarlo Pontiggia in concorso […]

continua »
Angela Maria Salvatore
Futurismo e Urss: un libro di Gino Agnese

Il vero rivoluzionario

La vicenda è di per sé appassionante, ma lo diventa ancor di più attraverso l'avvincente e documentata ricostruzione dell’incontro segreto a Parigi tra Marinetti e Majakovskij nel 1925, a tutti gli effetti un “giallo politico”. L’autore è un esperto della materia, avendo anche dedicato al padre del Futurismo una corposa biografia

Il Futurismo fu un’estetica che raggiunse ogni campo. Non soltanto la pittura e la scultura, ma la poesia, il teatro, la musica, l’architettura, l’arte grafica e persino la moda, il vestiario. La stilista Laura Biagiotti confessò di ispirarsi ai quadri di Balla, il futurista fiorentino Thayath fu l’inventore della tuta. Al tempo stesso il Futurismo […]

continua »
Domenico Calcaterra
Due libri sul grande critico

Il mondo secondo Garboli

Rosetta Loy e Paolo Gervasi, sia pure in modo completamente diverso, ripercorrono la parabola di uno dei maggiori maestri del Novecento. Uno studioso dall'approccio strabico che finisce per interagire sempre con il fenomeno osservato

Scrivere di Cesare Garboli non è mai semplice, perché si finisce per essere risucchiati dai magnetici buchi neri che sono le sue puntuali autodescrizioni, vergate con l’intento di chiarire il suo modo di vivere e intendere il lavoro critico. Ed è pur vero che Garboli è stato, per più di una generazione, il critico-lettore che […]

continua »
Anna Camaiti Hostert
A proposito de "Il vampiro dei titoli"

Abruzzese e i vampiri

Il celebre sociologo si diverte a confezionare una piccola raccolta di racconti dal tono fantastico ma ambientati in metropoli terribilmente autentiche. E che, sempre, paiono offrire una (affettuosa) sponda cinematografica

Il vampiro dei titoli. Un Prologo e quattro siparietti narrativi (Liguori, 60 pagine, 8,99 euro) è una raccolta di racconti brevi di genere fantastico di Alberto Abruzzese. Alberto Abruzzese non ha bisogno di presentazioni. È una delle menti più lucide, originali e versatili che abbiamo oggi in Italia. I suoi saggi di sociologia dei processi […]

continua »
Roberto Mussapi
Every beat of my heart

Per l’alto mare aperto

Chi si avventura per mare è, per chi resta a terra, l’avamposto che affronta il mistero dell’oltreconfine. Per questo - dice Melville in questi versi - è sempre accompagnato dal pensiero, dalla preghiera, dalle speranze di coloro che attendono il ritorno, il disvelamento…

Sono tornato alle poesie di Melville, vecchio amore. Ne uscirà una mia antologia in un imminente volume dello Specchio, Mondadori. Poesie non sempre ma spesso di mare, come questa in cui vediamo la situazione topica del capolavoro Moby-Dick: l’uomo che si è avventurato per mare è oggetto del pensiero di quelli sulla terraferma, la maggioranza […]

continua »