16
febbraio
2019

letture

Roberto Mussapi
Every beat of my heart

Capodanno forever

Una poesia del grande Yeats per riflettere sulla rigenerazione che ogni inizio propone. E la fine di un anno non rappresenta rimpianto o invecchiamento, piuttosto, per l’anima poetica, un’affermazione di vita. Ecco il migliore augurio per il 2019

Capodanno. Festa gioiosa e incosciente e alcolica da ragazzi. Alcolica un tempo non significava drogata e persa in partenza come ora. Significava ebbrezza, felicità superficiale, musica e festa. Brivido giovanile dell’effimero. Poi, con gli anni, Capodanno come festa obbligata, ma sempre un colpo di tappo di champagne al minuto esatto, che esplode e svanisce nella […]

continua »
Raoul Precht
Periscopio (globale)

Steinbeck il ruvido

Rileggere John Steinbeck, cinquant'anni dopo: l'Occidente è tornato ad essere un mondo inospitale nel quale i conflitti non si ricompongono e dove l'alternativa è sempre tra uomini e topi

C’è una certa ruvida sgradevolezza nell’opera narrativa – e forse anche nella personalità – di John Steinbeck, almeno a dar retta alla prima moglie, che ne disse peste e corna, accusandolo in pratica di aver abbandonato lei e i due figli. Ma le testimonianze delle ex mogli vanno sempre prese con le pinze, e la […]

continua »
Pier Mario Fasanotti
Consigli per gli acquisti

Pazzi per le Feste

Da Romain Gary a Roberto Alajmo passando per i "classici" gialli natalizi di Sellerio: piccola guida ai libri da bruciare in questo periodo di sosta forzata...

Profetico. Pseudonimo di Romain Kacev, lo scrittore lituano Romain Gary (1914), è morto suicida nella sua casa parigina nel 2017. Ci ha lasciato romanzi memorabili. Il suo ultimo s’intitola Gli aquiloni (1980). Con La vita davanti a sé, l’editore Neri Pozza (229 pagg. 19 euro) gli rende omaggio non solo stampandolo, ma corredando il testo […]

continua »
Roberto Mussapi
Every beat of my heart

Natale, Paris, Texas

«Dio si fa uomo, bambino, in una grotta, di cui è metafora la poesia, che rappresenta la nascita dell’infinito nel finito». Questo per Roberto Mussapi il senso del Natale, di cui è appassionato e fedele cantore fin dal 1997, anno in cui compose questi versi che presentiamo ai nostri lettori con gli auguri di Buon Natale

Il Natale per me non è occasione di versi come accade, spesso con esiti alti, per molti poeti. Per me è un tema della mia poesia, quasi un genere letterario, con tutti i rischi che la definizione comporta. A volte, poche, prima, costantemente dopo questa poesia che leggete, è soggetto e argomento di miei libri. […]

continua »
Paola Benadusi Marzocca
Libri-strenna per i più piccoli

Il piacere di leggere

Un settore, quello dell’editoria per ragazzi, che resiste alla crisi. Per questo l’offerta è sempre più ricca di novità e di qualità. Come dimostra questa breve guida all’acquisto di un libro da mettere sotto l’albero…

Quest’anno volano gli angeli insieme a Babbo Natale, sogno che speriamo possa durare per sempre come la terra, il cielo, il mare e gli oceani. I due angeli custodi (Jaca Book, Ponte Delle Arti, Geraldine Elschner, Frédérick Mansot) ispirati a Raffaello sembrano confermarlo. Vegliano infatti su due fratellini molto vivaci, come spesso sono i bambini, […]

continua »
Arturo Belluardo
A proposito de “Il secondo ritorno”

Doppio Conrad

Giuliano Gallini ricama intorno a Conrad e al suo romanzo "Il ritorno" rispecchiando quella vicenda nella storia di una donna che, centoventi anni dopo, percorre gli stessi sentieri dello scrittore di "Cuore di tenebra"

Il gioco metaletterario sembra essere la cifra che ha scelto Giuliano Gallini per la sua proposta autoriale: dopo Il confine di Giulia, dove l’autore ferrarese narrava un amore infelice di Ignazio Silone, è il turno di Joseph Conrad, protagonista, burattinaio quasi, di questo Il secondo ritorno uscito per Nutrimenti nel novembre scorso. La trama si […]

continua »
Francesco Improta
Su “Gli amori infelici non finiscono mai”

La vita è un autobus

Isabella Borghese racconta storie di ordinario disagio a Roma, dove le esistenze si consumano nel continuo gioco di conoscersi o ignorarsi. E dove tutto succede su un autobus che diventa il palcoscenico della vita

Se è vero che qualità precipue di uno scrittore degno di questo nome sono la capacità di osservazione, la cura del dettaglio e l’attenzione alle dinamiche psicologiche, oltre naturalmente alla chiarezza, alla fluidità e all’originalità dello stile, credo che a buon diritto Isabella Borghese possa essere annoverata tra i narratori di razza. Ne Gli amori […]

continua »
Roberto Mussapi
Every beat of my heart

Oblio d’amore

Amore e morte, memoria e oblio: binomi eternamente validi, in poesia come nella vita. Roberto Mussapi offre riflessione e traduzione dello shakesperiano "Sonetto 71"

Non piangermi, quando sarò morto, oltre il tempo dei rintocchi della campana che suona a morto. Che duri quel breve tempo il tuo lutto. E se leggerai questi versi, i miei versi (lettore, i versi di William Shakespeare!) dimentica i versi e la mano che li ha scritti: l’amore che genera i versi li supera, […]

continua »
Valentina Fortichiari
A proposito di Michela Monferrini

Muro, magister vitae

Un assaggio del nuovo libro di Michela Monferrini: "Muri Maestri", edito da La Nave di Teseo. Un racconto tra suggestioni artistiche e letteraria, una raccolta iconografica attraverso le parole dei significati e dei significanti del muro

L’altro giorno, china sulle carte zavattiniane del testo teatrale Come nasce un soggetto cinematografico, mi sono imbattuta nella parola muricciolo e poco dopo muro, ho pensato subito per associazione a Michela Monferrini e al suo recente libro Muri maestri (ed. La nave di Teseo, pp.142, €18), la cui lettura mi ha regalato momenti di sorpresa, stupore, gioia. […]

continua »
Raoul Precht
Periscopio (globale)

Enigma Solženicyn

A cent'anni dalla nascita, resta ancora enigmatica la figura di Aleksandr Solženicyn, il più significativo dissidente sovietico che con il suo "Una giornata di Ivan Denisovič” aprì gli occhi al mondo (con il permesso di Nikita Kruščev)

Nella storia di una dittatura, specie se lunga, capitano brevi periodi di relativo rilassamento, in cui censori e carcerieri abbassano momentaneamente la guardia. Qualcosa del genere avvenne in Unione Sovietica tra il 1961 e il 1962, propiziando l’uscita – altrimenti impossibile – di un romanzo che avrebbe suscitato scalpore e fatto scuola: Una giornata di […]

continua »