25
febbraio
2021

letture

Erika Savio
Un'iniziativa di Simone Sacco

Libri in risciò

È durato tutto il mese di settembre in Toscana (e avrà una coda in Piemonte, questa settimana) il “Giro d'Italia in 80 librerie”. Un tour di librai e scrittori che hanno portato il gusto della lettura lungo le strade e nelle piazze

Pedalare, è noto, fa bene. Non è però solo il fisico a trarne giovamento: pedalando il cervello respira più ossigeno e fa sviluppare mirabolanti associazioni che possono portare a inusitati sviluppi. L’idea del “Giro d’Italia in 80 librerie” arriva proprio così, un anno e mezzo fa, con Simone Sacco (classe ’76)che se ne andava per […]

continua »
Andrea Carraro
Non basta la parola/5

Dello scrivere di libri

Se un libro è brutto è meglio ignorarlo? Come si comportano i critici di professione? Il nostro mini-corso di scrittura analizza un genere letterario destinato al grande pubblico: la recensione. E il suo diretto derivato, oggi piuttosto in disuso: la stroncatura...

Allora, eccoci alla quinta lezione. Stavolta vorrei parlarvi di un genere letterario, la recensione, che possiamo far rientrare per approssimazione nella branca della saggistica, anche se si tratta di una saggistica breve e di solito concepita per un vasto pubblico. Di solito le recensioni sono difatti destinate ai giornali e possono trattare di arte, narrativa, […]

continua »
Giuseppe Grattacaso
La polemica di Capodanno

Il pigolio di Arbasino

Arbasino va alla guerra (con un po' di ritardo?) contro Giovanni Pascoli, reo di parlare di uccelli e non di sesso. Due concezioni opposte del Novecento si scontrano

Alberto Arbasino comincia le esternazioni critiche del nuovo anno (La Repubblica, 2 gennaio 2016) prendendosela, non si sa perché, con Giovanni Pascoli, al quale imputa versi dai «connotati apparentemente sempliciotti che rivelano macchinosità spropositate». Quella di Pascoli, a detta dell’ottantacinquenne scrittore cresciuto nell’atmosfera del Gruppo 63, è una poesia di «spericolati sperimentalismi fonici», che mal […]

continua »
Roberto Mussapi
Every beat of my heart, la poesia

Resistenza forever

Fabrizio Pagni nel monologo in versi “Con le spalle al muro”, raccoglie il testimone di Fenoglio e di altri illustri predecessori e mostra come il mito non cessi mai di agire, ma continui a manifestarsi in forme nuove

C’è una linea ettorica nella letteratura italiana, con radici greche e virgiliane. La scopre uno studioso che guarda caso si chiama Ettore, Ettore Canepa, autore di scritti memorabili in merito. La figura ettorica è il simbolo del resistente, a cui Foscolo, al culmine dei Sepolcri, augura un giorno giustizia, dopo l’oltraggio subito dal suo corpo […]

continua »
Pier Mario Fasanotti
Consigli per gli acquisti

Simenon sul Bosforo

Grande atmosfera nel romanzo dello scrittore belga ambientato a Instambul, una città che una volta conosciuta diventa irrinunciabile... Un po' come Roma, a cui Filippo La Porta ha dedicato un saggio che rivela un innamoramento perplesso. Poi c'è il ritorno dell'autore del “Fantasma dell'opera”...

A Istanbul – I romanzi di Simenon, a parte la trama e il ritmo incalzante che consente all’autore di insistere sul profilo psicologico dei protagonisti (a volte con una semplice pennellata narrativa), sono caratterizzati dalla cosiddetta “atmosfera”. Nell’ultimo tradotto dalla Adelphi è quanto mai marcata (I clienti di Avrenos, 157 pagine, 17 euro). La vicenda si […]

continua »
Ilaria Palomba
Due scrittori a confronto

Lettera sulle guerre

Abbiamo sostituito il valore con il contare. È questo il tema su cui riflette "La strategia del tango" di Paolo Restuccia. Ecco cosa scrive all'autore una sua allieva

Caro Paolo, ho finito ieri notte di leggere La strategia del tango, il tuo romanzo che l’editore Gaffi ha appena pubblicato. Non riuscivo a staccarmi dalle pagine, l’ho letto in tre giorni. Immaginavo fosse un bel romanzo ma, leggendo, le aspettative sono state di gran lunga superate. Il personaggio che ho amato di più è […]

continua »
Giuseppe Grattacaso
Un volume dello Specchio di Mondadori

La luce delle parole

Roberto Deidier pubblica una nuova raccolta di poesia, «Solstizio», nella quale è facile comprendere «Quanto l'arrivo sia nella partenza / E l'ombra nella luce del tuo viaggio»

A distanza di dodici anni dall’ultimo volume di versi, Roberto Deidier torna alla poesia nella prestigiosa collana dello Specchio di Mondadori con una raccolta densa e calibrata che dà conto di una maturità espressiva pienamente raggiunta. Tra Il primo orizzonte, edito nel 2002 da San Marco dei Giustiniani, e il recente Solstizio, Deidier, che insegna […]

continua »
Marco Fiorletta
Un romanzo da recuperare

Trappole per topi

«Il Sorcio» di Andrea Carraro è un libro che fotografa alla perfezione il dolore legato a una formazione umana continuamente interrotta. Dai furbi, dagli arrivisti, dai competitivi...

Se non avete voglia di guardarvi dentro, di confrontarvi con la vostra vita lavorativa, con la famiglia – quella da cui si proviene e quella che vi siete o vi state costruendo – se non avete voglia di confrontarvi, insomma, con la vita, allora non leggete questo libro anche se forse, appunto per quella voglia […]

continua »
Pier Mario Fasanotti
Un pamphlet sul giornalista-tuttologo

Scalfari: non è tutto oro quello che luccica

Non è la maestria giornalistica a essere presa di mira da Francesco Bucci in “Eugenio Scalfari, l’intellettuale dilettante”, ma il sentenziare filosofico dell'ex direttore di “Repubblica” spesso errato o approssimativo. Come il libro dimostra con puntiglio, esattezza e vera cultura

Lo stesso studioso che nel 2011 ha contestato il divulgatore di filosofia Umberto Galimberti, oggi si occupa di Eugenio Scalfari, là dove il fondatore del quotidiano La Repubblica si cimenta con argomenti di stampo generalmente filosofico. E, con una mitragliata di approfondite precisazioni, lo definisce «inesperto nocchiero». A volte usa l’ironia, mai ricorre all’insulto. Questo […]

continua »
Marco Fiorletta
Le storie di “Ricci, limoni e caffettiere”

In attesa di vita

Un libro racconta in presa diretta le esperienze vissute da recluse e operatori nel carcere femminile di Rebibbia. Dove il domani più che un'opportunità e un obbligo

Da mesi è tutto un parlare di carceri, della loro situazione, del sovraffollamento, delle condizioni inumane ma, alla fin fine, poco si fa per rendere dignitosi i luoghi di detenzione che dovrebbero servire alla “redenzione” di chi ha sbagliato. E allora, per voi che non vi accontentate delle solite chiacchiere, ecco un agile libretto che […]

continua »