23
ottobre
2019

letture

Loretto Rafanelli
“Lo stadio di Nemea” di Giancarlo Pontiggia

Sull’esser poeta

Grande conoscitore e divulgatore della cultura classica oltreché poeta lui stesso, l'autore dedica una preziosa riflessione ai nodi teorici cruciali che sono alla base del dire poetico: un esercizio che sgomenta, rasserena, alimenta tutto...

La riflessione sulle tante questioni che attengono la poesia pare sempre più rara, disattesa ormai dai poeti più importanti e quasi sconosciuta nei poeti più giovani. E l’ostinazione di alcuni a confrontarsi ancora con i nodi teorici cruciali che sono alla base del dire poetico, è un dono di incalcolabile valore. Per questo vogliamo parlare […]

continua »
Loretto Rafanelli
“Tempo ordinario” di Enrico Fraccacreta

I luoghi e l’anima

La natura, la tradizione, l’amore, la sacralità, l’infinito muoversi del tempo… Quello del poeta pugliese è uno sguardo sul mondo che ci ha attraversato e che ci accompagnerà, partendo dalla memoria di una vita. Un vigilato lirismo sulle orme di Luzi, Bertolucci, Heaney

I dati della vita materiale raramente si colgono nella scrittura poetica, il lettore difficilmente li ricerca, eppure, seguendo anche la lezione di Gaston Bachelard, dovremmo fare maggiore attenzione a tutto questo, perché tale mondo è pieno di suggestioni e immaginazioni, di riferimenti, di storie, di esperienze, di relazioni che si intrecciano con il vissuto di […]

continua »
Pier Mario Fasanotti
Consigli per gli acquisti

Dei delitti imperfetti

Friedrich Durrenmatt a Berna, Alicia Giménez Bartlett a Barcellona, Andrea Camilleri a Vigata: tre modi diversi di intendere la narrativa di genere. E di risolvere gli enigmi della vita

Imprendibile. Questo ammirevole intreccio che unisce suspance e ricchezza concettuale, lo svizzero Friedrich Durrenmatt l’ha pubblicato su un su una rivista (a puntate) tra il 1950 e il 1952. L’anno dopo è finalmente diventato libro. Oggi lo ripropone la Adelphi (Il giudice e il suo boia, 121 pag, 15 euro). Tutto parte in un’osteria affacciata […]

continua »
Ilaria Palomba
Tra finzione e realtà

Baratro krokodil

In «Krokodil» la scrittrice e giornalista russa Marina Achmedova racconta un fenomeni inquietante: la diffusione di una droga che uccide in fretta e senza scampo

Krokodil di Marina Achmedova (Meridianzo Zero, 2014, pp. 286, 16 euro), è un romanzo sulla tossicodipendenza da desomorfina, nato da un reportage che l’autrice ha fatto nel 2012 per la rivista russa Russkij Reporter e in seguito bandito e condannato con l’accusa di promozione di narcotici, per poi essere ripubblicato dalla rivista internazionale OpenDemocracy e […]

continua »
Andrea Carraro
Dialoghetto sul lavoro editoriale

L’editing robusto

«Guardi, il suo romanzo non c'è... serve un po' di editing, va riscritto, asciugato, reso meno banale...»: quando l'editore vuole salvare l'autore

“Dunque secondo lei il libro può andare…” “Dicevo che ci si può lavorare…” “Ah, come sono contenta… E il titolo, il titolo, «Vivere e morire a Kabul» le sembra buono?” “Il titolo è l’ultimo dei problemi… Il testo ha bisogno di un editing, come le accennavo… un editing robusto che migliori la lingua, elimini alcuni […]

continua »
Gianni Cerasuolo
Maledetti campioni. L'altro mondiale/3

Sindelar e i nazisti

Si chiamava Matthias Sindelar. Era austriaco. Era un grande campione. E amava una donna ebrea. Vinse tutto, ma poi non volle piegarsi a Hitler anzi, lo prese in giro davanti a tutti nello stadio di Vienna. Per questo fu ucciso

Può darsi che la stufa a gas funzionasse male e che avesse sprigionato monossido di carbonio, uccidendoli. Può darsi che avessero deciso di farla finita. Può darsi che i corpi fossero stati messi lì sul letto, dopo che qualcuno aveva compiuto il “lavoro sporco”. Ma che ci faceva lì, in quell’appartamento di Vienna, la Gestapo […]

continua »
Paolo Bonari
Un narratore da recuperare

Illazioni su Lucentini

Che ne sarebbe stato del popolare scrittore se non avesse incontrato il suo alter ego Fruttero? Forse, rileggere «Notizie degli scavi» è un buon modo per rispondersi: sarebbe stato, comunque, un grande!

Se ha ragione Domenico Scarpa, e Notizie degli scavi è «uno dei più bei racconti italiani del Novecento», qualcuno ne starà componendo il ricordo, perché siamo giunti al cinquantennale della sua pubblicazione, ma può anche darsi che saranno pochissimi quelli che si metteranno a ripensare ai tentativi letterari di Franco Lucentini che precedono il suo […]

continua »
Danilo Maestosi
Un libro prezioso di Adelphi

Pensare con le mani

Le riflessioni sull'arte di Tullio Pericoli sono ghirigori di saggezza, suggestioni folgoranti attraverso le quali si può capire qual è davvero il rapporto tra immagine e pensiero

Pensieri della mano: molto più di un titolo quello che battezza il libricino Adelphi (128 pagine, 13 euro) distillato da una intervista in più tempi con il giornalista Domenico Rosa. È la chiave per penetrare nel singolare universo creativo di Tullio Pericoli. Grande illustratore che abbiamo imparato a conoscere sfogliando inserti culturali, copertine e supplementi […]

continua »
Lidia Lombardi
Un libro di Editori Riuniti

Guida al Grillovirus

Un piccolo dizionario del lessico del Movimento 5 Stelle, curato da Alberto Di Majo, analizza la politica dura e pura (ma anche un po' preistorica) dei grillisti. Adoratori di un comico, ma privi di ironia

L’euro? Così com’è ha vita breve, si spaccherà, dice Andrea Mondello. Le alleanze? Bisogna farle, la politica non è andare in solitaria, riconosce Antonio Di Pietro. Il marketing? Significa intercettare gli umori dei cittadini, capire i loro bisogni e quelli del Paese ed è ben altro che inseguire le mode, o fare marchette spiega uno […]

continua »
Andrea Carraro
Dialoghetto sull'estetica

Bannare stanca

«Perché mi ha tolto l'amicizia? Le trova così brutte le mie poesie?». «Mah, ce ne sono di brutte, di meno brutte, ma non è questo il punto»

Buongiorno, la disturbo? No, mi dica… Perché mi ha tolto l’amicizia su facebook? Beh, non vorrei offenderla… perché, ecco, perché lei scrive e posta troppe poesie… Ne ho contate anche due o tre in uno stesso giorno… Beh, basta non leggerle… Sa, un occhio ci finisce sempre…  E poi a me piace leggere una raccolta […]

continua »