13
dicembre
2019

commenti

Flavio Fusi
Cronache infedeli

La campagna di Salvini

Matteo Salvini ha vinto (per ora) la sua guerra chiamando a raccolta l'Italia delle campagna per stringere d'assedio quella delle città. Davvero è inevitabile che questi due mondi esprimano idee, stili di vita e cultura differenti? La storia dice di sì...

Li abbiamo visti arrivare alla periferia di Belgrado – era il lontano agosto del 1995 – in cerca di un rifugio che nessuno avrebbe concesso. Sotto il sole del mezzogiorno si snodava una lunga processione di camion arrugginiti, trattori, vecchie auto, carri, animali. Contadini con la faccia chiusa e le mani grandi, donne in nero, […]

continua »
Matteo Pelliti
Lapis

Silicosi da GoT

In margine alla sindrome da abbandono da “Game of Thrones”: queste serie tv dal successo planetario, dopante, non ci dicono qualcosa del presente. Piuttosto, sono il presente. Un presente dal quale non si può essere esclusi

Confesso che a lungo (cioè fino a qualche istante fa) ho creduto che il Trono di spade e Game of Thrones fossero due serie simili e concorrenti di ambientazione fantasy. È molto grave? Non ne ho vista una, e lo dico con nessuna enfasi o connotazione negativa o positiva, snobistica, ma come puro dato di […]

continua »
Gianni Cerasuolo
La morte del grande campione

Il pianto di Lauda

Ha resistito a uno degli incidenti più terribili della storia della Formula 1 quando sembrava ormai una cosa sola con la macchina. Ma in realtà guidava con il cuore, come quando pianse di paura, in Giappone... Omaggio a Niki Lauda

No, non era un “computer”, Niki Lauda. Il freddo, distaccato viennese che programmava ogni cosa dentro e fuori le piste, secondo la vulgata giornalistica. Era emotivo, Niki, aveva la lingua tagliente e le cose non le mandava a dire. «La Ferrari ha una macchina di merda…» resterà la sua hit, non un giro di valzer, […]

continua »
Anna Camaiti Hostert
Cartolina dagli Usa

L’America è maschio

Sull'onda del trumpismo, negli Stati Uniti dilaga una nuova tendenza che relega le donne a puro oggetto, come nel caso della legge anti-aborto in Alabama. Tutto questo deriva da un costume sociale e politicoche lede diritti acquisiti e rimette in discussione l'idea stessa di futuro

E dopo l’Alabama adesso anche il Missouri, seguendo gli stati di Georgia, Mississippi, Arkansas Kentucky e Ohio, sta attuando restrizioni forti sull’aborto. Sembra una marea che non si arresta. Dallo stato del Midwest a differenza di quello del profondo sud non ci si aspettava però una posizione del genere. E invece con a capo il […]

continua »
Giuseppe Grattacaso
L'Italia di Salvini e Di Maio

W la scuola (libera)

Lo scandaloso provvedimento contro l'insegnante di Palermo la dice lunga sull'idea che i nuovi uomini forti d'Italia hanno della scuola, della libertà d'opinione e di come lo Stato non debba garantire conoscenza e spirito critico

La professoressa si chiama Rosa Maria Dell’Aria e, come è ormai noto, è stata sospesa per quindici giorni dall’insegnamento perché alcuni suoi studenti hanno realizzato un breve video per il Giorno della Memoria, in cui si raffrontano le persecuzioni e le leggi razziali attuate dai regimi fascista e nazista a ridosso e nel corso della […]

continua »
Matteo Pelliti
Lapis

Lombroso e Melville

Roberto Abbiati ha riassunto per immagini “Moby Dick” puntando a un viso, a un particolare: nessuna psicologia affiora dai volti che diventano uno specchio della loro relazione con l’esperienza del mondo

E se Lombroso avesse avuto ragione? Torna, oggi, la pericolosa tendenza a giudicare prototipi politici, culturali, sociali sulla base di una fisiognomica lombrosiana? A volte sì, ed è una specie di magrissima consolazione. (Detto a bassa voce, come parlando tra me e me). Uno straordinario campionario di facce si trovano raffigurate nella traduzione per immagini […]

continua »
Filippo La Porta
In margine al Salone del libro di Torino

Contro Ezra Pound

È arrivato il momento di rileggere Pound, un intellettuale sopravvalutato che frulla in un vortice unico Est e Ovest, haiku e provenzali, classicità e sperimentalismo, Ovidio e Cavalcanti, Jefferson e Mussolini. Forse se le merita, le speculazioni dei nuovi fascisti

A proposito della querelle sullo stand dell’editore di CasaPound al Salone torinese, qualcuno invita a leggere o rileggere Pound, a capire quanta distanza lo separi dai “poveretti” (Cacciari) di CasaPound. Proviamo a farlo. Subito però un interrogativo, che spero non suoni irrispettoso: proprio sicuri che Pound, che si sentiva contemporaneo di Dante e Cavalcanti, sia […]

continua »
Anna Camaiti Hostert
Cartolina dall'America

Incubo democratico

Bernie Sanders e Joe Biden continuano a farsi la guerra: a un anno e mezzo dalle elezioni per la Casa Bianca, i democratici non riescono a trovare ragioni di concretezza e unità per fronteggiare il mostro di Trump

Con il 56% di consensi sulla gestione dell’economia, Trump esce dall’ultimo scandalo sul Russiagate certamente vincente. La speranza dei democratici che l’investigazione di Mueller sulle interferenze della Russia di Putin ai danni di Hillary Clinton durante le presidenziali del 2016 potesse provare l’implicazione di Trump in uno scandalo di portata gravissima (al pari se non […]

continua »
Matteo Pelliti
Lapis

Autorevole a chi?

Che relazione c'è tra un "buongiornissimo" e un'affermazione di papa Francesco sulla pace a Gerusalemme? Il mito dell'originalità a tutti i costi propugnato dai social (e descritto da Stefano Bartezzaghi). Con questo commento, si inaugura una nuova rubrica di Matteo Pelliti

Sei anni fa inauguravo su Ilbureau.com (http://ilbureau.com/) una piccola rubrica di analisi linguistiche, LAPIS (i tic, i lapsus e le storture della lingua sociale) con queste parole: «Il livello di udibilità delle stronzate nel discorso pubblico si è indicibilmente alzato, e questo è un male». Ora, mi pare che, a distanza di sei anni, la […]

continua »
Gianni Cerasuolo
A venticunque anni dalla morte del campione

Ayrton, la leggenda

Buttò fuori pista Prost e venne ricambiato, non sopportava Schumacher e una volta lo prese per il collo, fece a botte con Mansell ed Irvine. Non amava il Circo Formula Uno. Ma è stato il più grande: Ayrton Senna

Ayrton Senna da Silva è stato come Achille, il più grande degli Achei, una furia in pista, il suo campo di battaglia. Forse era il migliore dei piloti, lasciava tutti dietro sul giro secco, l’uomo della pioggia quando l’acqua cadeva abbondante sulla corsa. E come l’eroe omerico fu generoso con gli amici e capace di […]

continua »