7
luglio
2020

commenti

Flavio Fusi
Gli schiavi da "regolarizzare"

Fantasmi & Pomodori

Sembrava che il coronavirus ci avesse fatti tutti più buoni, e invece appena qualcuno parla di regolarizzare i migranti (che ci servono per fare lavori che noi non vogliamo fare), ecco che torna il "prima gli italiani". Cercavamo braccia, abbiamo trovato uomini, come diceva Max Frisch

«Un pomodoro, che sarà mai un pomodoro!». La signora davanti al banco della verdura è arrabbiata arrabbiatissima.  Una santa indignazione trasuda come il fumo di una vaporiera dai lacci e laccetti della mascherina. Costa troppo, questa confezione, eppure va comprata, e «chissà quanto ci guadagnano…». Lo vorrebbe gratis, questa mia sconosciuta coetanea, il pomodoro per […]

continua »
Lucia Dell’Aia
Società e covid-19: le polemiche su Agamben

Il decimo passo

Le reazioni anche violente alla tesi espressa in un articolo dal filosofo denunciano strumentalizzazioni, sprezzo dello studio, intolleranza verso chi non è allineato col pensiero dominante. Ma le idee profonde sono destinate a essere comprese nel tempo

Pensando allo studio in tempi di quarantena, mi torna alla mente la voce del poeta Caproni, riascoltata in un filmato di Gabriella Sica: il poeta è come un minatore, il quale dalla superficie, cioè dall’autobiografia, scava finché trova un fondo nel proprio io che è comune a tutti gli uomini e così scopre gli altri […]

continua »
Flavio Fusi
Ai tempi del coronavirus

Condominio globale

Non è andato tutto bene: il virus ha scavato un nuovo fossato tra ricchi e poveri del mondo. In Africa come in Amazzonia come a New York la pandemia è una catastrofe senza soluzione soprattutto per chi non ha nulla

Guardate – guardiamo – questa immagine. Il bulldozer ha scavato una lunga trincea, le bare sono allineate, è il momento della preghiera e dei fiori, delle croci di legno senza nome. Siamo da qualche parte alle porte dell’Amazzonia brasiliana, e questa foto è stata scattata da Sebastiao Salgado per accompagnare il suo appello contro lo […]

continua »
Giuseppe Grattacaso
Ultimo banco

Quegli amori instabili

Da oggi ci è concesso incontrare i nostri congiunti. Chi sono, i congiunti, per i ragazzi? È così difficile essere "fidanzati" a sedici anni! E come si fa, a quell'età, a sapere se è più stabile un amore o un'amicizia?

Alessia e Matteo si chiedono da qualche giorno se la loro relazione può essere considerata un affetto stabile. Potranno vedersi o no, a partire da oggi lunedì 4 maggio? Il quesito, che un po’ li turba, è suscitato dal nuovo decreto del presidente del Consiglio, che sancisce che si potrà fare visita ai “congiunti”, e […]

continua »
Nicola Fano
Storie di un'altra Italia

In memoria di Luigino

Ritratto di uno dei tanti "invisibili" che fino agli anni Ottanta hanno vissuto nel rispetto e nell'affetto di chi gli stava accanto. Si parla di vecchi "comunisti", sì, quando il comunismo non era un'ideologia ma un modo di costruire un mondo di giusti

È morto Luigino Fraioli, uno di quegli invisibili di cui, prima o poi, bisognerà raccontare la storia per capire che cos’era questo Paese, fino a qualche decennio fa. Cose che occorre ricordare perché non siamo stati solo i furbi, gli arraffoni, i mediocri cattivi che siamo oggi: siamo stati anche qualcos’altro. Non troppo tempo fa. […]

continua »
Sergio Zoppi      
Interrogativi sul dopo covid-19

Il comò dell’istruzione

Il futuro obbliga scuola e università ad abbandonare desuete armature per dare risposte appropriate, non solo all'emergenza attuale. Una strada necessaria e da perfezionare, buttando all’aria i cassetti per progettare il nuovo

A pandemia domata (tre-quattro mesi, un azzardo?) le questioni nuove a cui governi e popoli saranno chiamati a rispondere non potranno essere rinviate, tanto meno accantonate. Le tentazione dei singoli Stati di rinchiudersi in se stessi potranno moltiplicarsi. Verrebbero spazzate via dai processi di globalizzazione delle produzioni e dei mercati, oggi irrinunciabili, pena la miseria […]

continua »
Giuseppe Grattacaso
Ultimo banco

Didattica o insegnamento?

Diciamo la verità, la “didattica a distanza” ha solo reso più evidente la distanza che già esisteva e dimostrato la forza dell’insegnamento dove questo era presente. Quello che manca davvero ai ragazzi è la distrazione, l’assenza in presenza

“Didattica a distanza” in fondo è un’espressione tautologica. Ripropone, in termini che possono apparire diversi rispetto alla concezione consueta, una peculiarità di fatto già esistente. La didattica è in effetti teoria, che in maniera generale o più particolare, nel caso ad esempio dell’applicazione alle diverse discipline, indica un sistema, una strategia, il pensiero a monte […]

continua »
Anna Camaiti Hostert
Cartolina dagli Stati Uniti

Cuomo for president?

Andrew Cuomo, governatore dello Stato di New York, sta gestendo benissimo la crisi sanitaria della Grande Mela: repubblicani e democratici sono con lui. E qualcuno pensa che sarebbe l'avversario ideale di Trump. Se solo potesse...

Appare sempre più evidente che un candidato forte in grado di opporsi a Donald Trump nella corsa presidenziale di novembre possa essere il governatore dello Stato di New York, Andrew Cuomo. Vediamo perché. Mi si dirà che i democratici ne hanno già uno in pectore in attesa della conferma ufficiale della Convention democratica di luglio, […]

continua »
Flavio Fusi
Cronache infedeli

Il virus Bolsonaro

In Brasile la pandemia è fuori controllo e il presidente Bolsonaro tuona contro ogni ragionevole iniziativa sanitaria. Prepara un golpe? O i miliari preparano un golpe contro di lui? Di sicuro, ancora una volta a rimetterci sarà la popolazione

Maglietta rossa, microfono in mano, in piedi sul cofano di una camionetta militare, il presidente arringa la folla: siamo a Brasilia, di fronte agli uffici del comando generale dell’esercito, e questa è l’ultima immagine di Jair Bolsonaro: «Basta con la vecchia politica, noi non vogliamo negoziare nulla». Il comizio contro la quarantena – interrotto da […]

continua »
Andrea Di Consoli
Vivere al tempo del Coronavirus

Italia senza cura

Nascosta in quella pandemica c'è un'altra emergenza che può diventare ancora più subdola: tutto l'apparato sanitario, salvo quello concentrato nella battaglia con il Covid-19, è bloccato, tutte le altre patologie sono lasciate a se stesse. È il momento di fare qualcosa

In questo momento esistono tante emergenze nel nostro Paese. È ancora nel vivo l’emergenza sanitaria per la pandemia da Covid-19, sta esplodendo l’emergenza economica e finanziaria e sta prendendo corpo un’emergenza che potrei definire latamente politico-giuridica (sulla privacy, sul rispetto della Costituzione, sulla governance dei livelli decisionali, ecc.). Ma c’è un’emergenza ancora più subdola e […]

continua »