15
dicembre
2018

arti

Danilo Maestosi
Al Palaexo di Roma

Universo Pixar

Come si fa a dare un'anima a un oggetto? La mostra dedicata alla Pixar lo spiega: servono un'intuizione geniale e un grande tecnica digitale. Così è nata la rivoluzione dei "cartoni animati"

Forse doveva essere un’ambientazione più anonima da ufficio open space ad incorniciare la intrigante mostra, appena inaugurata al Palaexpo di Roma, dove terrà cartellone fino al 20 gennaio, che ripercorre la storia della Pixar, quei trent’anni di prestigiosa carriera che hanno rivoluzionato il mondo dei cartoni animati. Perché è proprio in uno dei tanti capannoni spuntati […]

continua »
Giuseppe Prode
In memoria di un maestro

Eligio Paoni, fotografare è capire

Ricordo di Eligio Paoni, un grande fotografo che aderiva alla realtà che voleva testimoniare attraverso le sue immagini. È stato testimone di una stagione feconda tra arte e impegno giornalistico

Le giornate di autunno iniziano a scorrere, ma la coda di estate e i colori poco autunnali ti danno ancora quel piacere di passeggiate al tardo pomeriggio o meglio ancora serali, tra strade e vicoli e piazze qui a Roma. Il senso della leggerezza, prima di intabarrarci tutti in vista di stagioni per la verità […]

continua »
Danilo Maestosi
Il nuovo corso dell'arte a Roma

Macro senza museo

Apre il Macro targato Giorgio de Finis. Quasi una festa popolare nella quale la provocazione si mescola all'approssimazione. Davvero ha senso un "museo" che abdica alla propria memoria?

Ottomila persone, forse più. Un bagno di folla ha battezzato l’avvio del Macro Asilo, il museo d’arte contemporanea di Roma Capitale in via Nizza rimesso in moto e rimodellato da Giorgio de Finis come centro di riflessione e confronto aperto a tutti. Ed è sicuramente una partenza incoraggiante, che in qualche visitatore over sessanta ha […]

continua »
Raffaella Resch
Donne e Futurismo /9

Giannina aeroballerina

Un'applicazione della visione di corpo e movimento secondo Marinetti nell'aerodanza di Giannina Censi: l'arte prendeva il volo. Raffaella Resch ripercorre le tappe artistiche e professionali di un'artista del Novecento italiano (e non solo)

Giannina Censi (Milano, 25 gennaio 1913 – Voghera, 5 maggio 1995). Nasce in una famiglia di concertisti, nell’anno in cui la zia Rosina Ferrario riceve il diploma di pilota, prima donna aviatrice italiana: così racconta la danzatrice in un intervento del 1989 al MART di Rovereto, imbastendo curiose coincidenze. Censi ballerina di danza classica si […]

continua »
Danilo Maestosi
Un nuovo spazio culturale a Roma

Fantasma Farinacci

Con una fallimentare rassegna di performance selezionate dal Maxxi, apre Villa Farinacci. Un luogo della storia e della (cattiva) memoria del fascismo. Quello che i più si impegnano a "normalizzare"

Riapre dopo venti anni Villa Farinacci a Roma, una palazzina anni quaranta nel cuore di un parco che dà respiro all’intero quartiere di Monte Sacro. E che la gente della zona ha ribattezzato la Torre, per via di quello stretto ma imponente bastione, invenzione di un architetto razionalista d’epoca, Lorenzo Chiaraviglio, che, aggiunto come una […]

continua »
Gessica Nardini
Ultimi giorni a Villa Bertelli

Leningrado in posa

Chiude i battenti “Il racconto della pittura - Arte a San Pietroburgo dalle avanguardie agli anni 40”, la bella mostra proposta durante tutta l’estate a Forte dei Marmi. Una carrellata di 150 opere che testimonia la vivacità espressiva, il fermento culturale e il talento dei maestri del “Circolo degli Artisti”

Ciò che colpisce al primo impatto con i quadri della mostra Il racconto della pittura. Arte a San Pietroburgo dalle Avanguardie agli anni 40, sono i colori. Brillanti, copiosi e sapientemente dosati dagli autori, che li hanno spalmati con cura sulle numerose tele che sono state esposte per tutta l’estate a Villa Bertelli, il polo […]

continua »
Danilo Maestosi
All'Accademia di Belle Arti e al Vittoriano

Archetipo Mariani

Con due mostre, Roma rende omaggio a Marcello Mariani, uno degli ultimi maestri dell'arte astratta, scomparso un anno fa. Nelle sue tele dedicata alla tragedia del terremoto dell'Aquila il tentativo estremo di tornare all'essenza dell'uomo

A un anno dalla scomparsa, Roma rende omaggio a Marcello Mariani (1938-2017), uno dei più singolari interpreti europei della pittura astratta, con due mostre in sequenza: la prima già in corso e in cartellone fino al 29 settembre in una sala dell’Accademia di Belle Arti, la seconda che si inaugura il 2 ottobre e si […]

continua »
Raffaella Resch
Donne e Futurismo /8

Gli scatti di Wanda

Erede della dinastia di fotografi Wulz, attivi a Trieste dal 1868, è l’unica donna, oltre Tina Modotti, nel panorama della fotografia italiana. Le sue sperimentazioni, apprezzate da Marinetti, sono di un’essenziale eleganza formale e le sue opere sono conservate in molti importanti musei

Unica donna del panorama italiano della fotografia, se si esclude la più famosa Tina Modotti, unica futurista a dedicarvisi professionalmente (Marisa Mori se ne occupa solo sporadicamente), Wanda Wulz partecipa alla mostra futurista di fotografia di Trieste del 1932 organizzata da Bruno Sanzin, ed entra ufficialmente a far parte del movimento. Nasce a Trieste nel […]

continua »
Raffaella Resch
Donne e Futurismo /7

La meteora Brunas

Delle opere di Bruna Pestagalli Somenzi la quasi totalità è irreperibile. Pure il suo spazio d’azione, benché poco considerato dagli studiosi, è ampio e significativo. Il suo «intuito veloce e la finezza letteraria» erano qualità molto apprezzate da Marinetti

Presenza fantasmatica nel gruppo delle donne, la parabola della sua attività prende luce solo nel periodo in cui lavora come futurista, documentato dalle riviste, mostre e attività a cui prese parte. La quasi totalità delle sue opere non è reperibile. Ciononostante, il profilo di Brunas (Bruna Pestagalli Somenzi. Buenos Aires 1905 – Milano, 1982) è […]

continua »
Danilo Maestosi
Al Festivaletteratura di Mantova

Frontiera Chagall

Accanto a scrittori e poeti, il festival rende omaggio a Marc Chagall, genio visionario e cantastorie: l'unico che nel pieno dei tormenti del Novecento abbia continuato a difendere la necessità di un "ritorno al disordine"

Marc Chagall. Che straordinario padrino ha scelto Mantova per battezzare e accompagnare la nuova edizione del suo festival della letteratura e insieme sigillare la parziale riapertura di palazzo della Ragione dopo un interminabile restauro ancora in corso, con una mostra che inaugura un ciclo a puntate di rivisitazione dei grandi maestri promosso in collaborazione con […]

continua »