24
settembre
2020

arti

Lidia Lombardi
L'iniziativa "La cultura non si ferma"

Caracalla Tour

In occasione del Natale di Roma, la Soprintendenza capitolina ha approntato una visita virtuale delle Termpe di Caracalla. Un'occasione preziosa per immergersi nelle meraviglie della Città antica

Oggi è il Natale di Roma, il numero 2.773. Un anniversario nella Capitale festeggiato da decenni con abbondanza di manifestazioni. Oggi quella che era una volta “caput mondi” resterà invece silenziosa e immobile, a specchiarsi da sola nelle sue rovine, nelle cupole barocche, negli angeli di pietra ai crocevia dei vicoli, nei rioni vuoti. Vuole […]

continua »
Lidia Lombardi
Musei visti dal divano/2

Arte con il mouse

Concludiamo il nostro viaggio nell'arte virtuale con una piccola guida alle meraviglie on line dei musei del mondo. Con molte sorprese, sia nella possibilità di visione sia nella scelta dei materiali critici. Da Seoul a Bilbao, da Atene a New York

Le frontiere sono chiuse, spesso gli aerei dall’Italia non atterrano, perfino la perfettina Ursula von der Leyen ci ammonisce a non programmare vacanze per l’estate, rendendo ancora più sgomento chi lavora nel settore del turismo e contribuendo a far vacillare in Borsa i titoli correlati. Macché ponte del Primo Maggio, qui si salta direttamente all’autunno, […]

continua »
Luca Fortis
Un nuovo modo di comunicare

L’arte alla radio

Incontro con Nicolas Ballario, conduttore che si occupa d'arte per Radiouno e Sky: «Racconto la vita di grandi artisti e ospito le personalità più importanti del panorama, ma la cosa più importante è essere capaci sempre di prenderci in giro»

L’arte contemporanea è spesso considerata difficile da comprendere, ma non è così. Per fortuna la radio negli ultimi anni ha cominciato a raccontarla al grande pubblico. Il merito di questo va anche a Nicolas Ballario. Classe 1984, vede i suoi natali professionali nella factory di Oliviero Toscani e oggi si occupa di arte contemporanea applicata […]

continua »
Lidia Lombardi
Musei visti dal divano/1

Grand tour virtuale

Da Raffaello in mostra alle Scuderie del Quirinale alle meraviglie dei Musei Vaticani, degli Uffizi, della Pinacoteca di Brera. Guida (ragionata) all'arte che si può ammirare restando immobili a casa davanti al computer. Con qualche sorpresa...

Il 6 aprile doveva essere il Raffaello Day, una fantasmagoria di celebrazioni per rammentare i 500 anni dalla prematura morte del “divin pittore”. Invece la “festa” si è svolta tutta on line, a partire dalla visita alla sontuosa mostra allestita alle Scuderie del Quirinale, inaugurata il 5 marzo e chiusa il 12 per disposizione del […]

continua »
Raoul Precht
Periscopio (globale)

Istanbul a Roma

Si può parlare di una mostra chiusa per coronavirus? Sì, se per raccontare la Istanbul di Ara Güler ci si può appellare al libro di Orhan Pamuk che alle immagini del grande fotografo fece quasi da controcanto

Di passaggio per Roma, nelle scorse settimane sono riuscito davvero per un caso fortunato a vedere, al Museo di Roma in Trastevere, le suggestive fotografie di Istanbul scattate da Ara Güler durante la sua lunga carriera di fotografo. In altri tempi, voler condividere l’esperienza con il lettore sarebbe stato un riflesso normale. Ma, abbrancati dalle […]

continua »
Danilo Maestosi
Vivere in quarantena

Penelope e il virus

Due dipinti ispirati a questi giorni di cattività. Giorni nei quali ciascuno di noi può solo aspettare, tessere e disfare continuamente la tela della sua vita, come Penelope aspettando Ulisse

Da tempo penso che il mestiere di vivere, come ogni attività d’incertezza e creazione, si risolva in un incessante, prezioso ma quasi sempre rimosso, lavoro di costruzione, demolizione, ricostruzione. In un interminabile fabbricare, disfare, tornare a fabbricare il guscio delle nostre prigioni. Interrotto da cadute, agnizioni, balzi in avanti, pause, regressioni, ripensamenti, pause, evasioni. Un […]

continua »
Luca Fortis
Uno scambio di civiltà artistica

Visita a Baalbek

Il celebre museo Sursock di Beirut ospita una grande mostra dedicata ai tesori di Baalbeck, la località archeologica libanese che con i suoi templi romani ha segnato l'immaginario collettivo mediorientale

I templi di Baalbek sono il simbolo più noto del Libano nel mondo, dopo i cedri e le montagne. Nell’immaginario comune il Libano è pero legato anche alla cucina e alle antiche e sempre più rare case. Abitazioni che a un italiano ricordano quelle di Venezia, influenzate a loro volta dall’Oriente. Difficile capire chi per […]

continua »
Tina Pane
All'Ospedale degli Incurabili di Napoli

Il museo della sanità

Visita a un piccolo museo nascosto e prezioso: quello delle Arti Sanitarie e di Storia della Medicina. Un gioiello che testimonia secoli di intuizioni, "tecnologie" e ricerche scientifiche di una società che si prendeva cura di sé

Si sente ripetere spesso che Napoli è una città straordinaria e che non smette mai di stupire. L’affermazione ha un carattere ambivalente e molti napoletani, stufi di questa straordinarietà, farebbero volentieri a meno, per esempio, di un nuovo ritrovamento archeologico se questo finisce per rallentare i tempi di apertura di una fermata della metropolitana il […]

continua »
Danilo Maestosi
Alle Scuderie del Quirinale di Roma

La luce di Raffaello

La mostra appena aperta in occasione dei cinquecento anni dalla morte di Raffaello è da non perdere assolutamente. Per cogliere il percorso umano e creativo di un grandissimo che riscoprì la luce nelle ombre della Roma corrotta del primo Cinquecento

Sarà il clima cupo e contagioso di quest’Italia minacciata e imprigionata dal timore dell’epidemia, che imprime, come un velo, dazio allo sguardo: all’anteprima per la stampa una signora sviene per un malore e per oltre un’ora il primo piano delle Scuderie del Quirinale viene evacuato e sbarrato al pubblico; nei prossimi giorni l’afflusso dei visitatori […]

continua »
Luca Fortis
Intervista al grande fotografo iraniano

Il prisma Iran

Aslon Arfa: «L'Iran è un paese controverso per le sue tradizioni, l'influenza della religione sulla vita quotidiana delle persone, le numerose leggi che regolano la società... Per combinare armoniosamente tutto ciò, gli iraniani possono essere abbastanza creativi»

Aslon Arfa è uno dei più importanti fotoreporter iraniani. Ha lavorato oltre che in Persia, in Afghanistan e Iraq, in moltissimi altri paesi. Ha fatto degli splendidi reportage su temi molto complessi da raccontare, come la pedofilia, la droga e la guerra. Nato il 25 settembre 1970 a Teheran, Aslon ha iniziato a fotografare con l’aiuto […]

continua »