21
gennaio
2020

arti

Erminia Pellecchia
«Metamorfosi del segno» a Vietri sul mare

Una Costiera d’arte

Positano, Minori, Amalfi, Ravello: la loro luce e i loro miraggi si ritrovano in una bella mostra che racconta come intellettuali e artisti, nel corso del Novecento, hanno dipinto questo paradiso

«Quant’è bello guardare, come Ulisse, in un giorno chiaro il Golfo di Salerno verso sud-est, con sullo sfondo la ripida costa afosa e le montagne cristalline. Si abbandonano gli dei di oggi e si scopre il nuovo, un se stesso perduto, mediterraneo, anteriore». Capri, 1920,  David Herbert Lawrence ferma in una lettera «l’ansa di azzurro», […]

continua »
Erminia Pellecchia
A Palazzo Reale di Milano

Ulisse e il Tuffatore

La ricchissima mostra milanese “Il Mito e la Natura” racconta il rapporto tra paesaggio e divinità nel mondo antico. Fin quasi alle origini dell'ambientalismo...

Ricordate Fantasia di Disney? La bucolica vendemmia ai piedi dell’Olimpo col sottofondo della Pastorale di Beethoven? Nella raffinata mostra Il Mito e la Natura (fino 10 gennaio 2016 a Palazzo Reale di Milano), troviamo la scena che ha ispirato quella sequenza cult. È racchiusa, in poco più di 30 centimetri, sulla superficie del Vaso blu, […]

continua »
Danilo Maestosi
Nuove nomine culturali

Contro Bernabé

Franco Bernabè, banchiere e manager prestato (o scaricato?) alla cultura, è diventato presidente della morente Quadriennale. Perché? Per fare "squadra" con il Palaexpo che già dirige? O perché tutta la cultura, a Roma, deve rimanere nelle stesse mani?

Franco Bernabè è stato scelto dal ministro dei Beni Culturali Dario Franceschini come nuovo presidente della Quadriennale di Roma. Prenderà il posto occupato per qualche anno dal giornalista Jas Gawronski, insediato dal governo Berlusconi nella speranza che un personaggio senza forti coloriture politiche e senza titoli di conoscenze specifiche nel campo dell’arte contemporanea, ma ben […]

continua »
Ella Baffoni
Tra burocrazia e ignoranza

Oriente sotto sfratto

In nome di una spending review alla rovescia, lo Stato vuole trasferire il Museo di arte Orientale di Roma dall'Esquilino all'Eur. Con una previsione di spesa molto, molto maggiore

Cosa ci sia nel Museo nazionale di arte orientale è presto scoperto: basta entrarci, percorrere i saloni dedicati all’archeologia, alle ciotole di legno dei nomadi, ai tappeti, alle icone, ai mandala… l’Oriente è lì, come testimoniano quei reperti preziosi, come lo studiano archeologi e storici. L’Oriente è lì con la sua musica, i suoi strumenti, […]

continua »
Danilo Maestosi
Alla Galleria Silber di Roma

Pitture per ridere

Le opere di Giuseppe Brunetti richiamano alla mente la leggerezza e lo sberleffo dei grandi pittori "comici", da Arcimboldo a Depero. Ma è un'arte a due dimensioni

Chi ha detto che la pittura debba essere sempre così trattenuta, austera, prendersi sempre sul serio? Chi ha detto che debba rinunciare a farci ridere o almeno sorridere? Se il teatro ci ha consegnato lo sfogo dello sberleffo, il varietà la liberazione della pernacchia, se il cinema ci ha deliziato e dato egualmente da pensare […]

continua »
Danilo Maestosi
Alle Scuderie e a Villa Medici

La gabbia di Balthus

Roma rende omaggio con due mostre a Balthus, il "re dei gatti", prigioniero, come le sue creature, in un universo parallelo di aria, penombra stagnante, geometrie stranianti, che col tempo diventano una gabbia di maniera

Che stanza assegnare a Balthus (Balthazar Klossowski, 1904-2001) nel Grand Hotel Belle Arti del Novecento? Torna a riproporci questa domanda una doppia mostra in cartellone fino al 31 gennaio a Roma. Divisa in due sedi: le scuderie del Quirinale e l’Accademia di Villa Medici sul Pincio. La prima tappa al Quirinale è una ricca antologica, […]

continua »
Loretto Rafanelli
Un inedito Festival a Porretta Terme

Eternità dell’acqua

L'Alta Valle del Reno celebra la sua ricchezza in una quattro giorni di incontri tra ambiente, economia, storia, arte e spettacolo ai quali partecipano, tra gli altri, Guccini, Staino, Corona, Mussapi, Rotelli, Ontani, Galaverni, Piumini, Tozzi, Marescotti, Facchini, Corelli, Mucciarelli. E così il prezioso bene comune diventa “pensiero”...

Si apre oggi a Porretta Terme “Il Festival nazionale dell’Acqua” che si articola in quattro giorni (fino al 21 settembre) di incontri tra storici, letterati, scienziati, tecnici, poeti, musicisti, artisti, cuochi, politici, economisti, legislatori, attori, giornalisti e antropologi. Tutti intenti, come ci spiega Loretto Rafanelli, direttore del festival, nell’articolo che pubblichiamo, a comporre una fenomenologia […]

continua »
Danilo Maestosi
Una mostra curata da Hou Hanru

L’arte Transformers

Choi Jeung-hwa, Martino Gamper, Didier Fluza Faustino, Pedro Reyes: il Maxxi punta sull'arte dei Transformers. Ma la nuova frontiera di questa ricerca non è poi così avanzata...

Transformers. Promette troppo la mostra che con questo titolo va in scena al Maxxi. Promette divertimento, ammiccando esplicitamente ai giocattoli giapponesi capaci di assumere qualsiasi forma, che hanno ispirato un ciclo di film di fantasy molto gettonato. Promette addirittura felicità, a leggere il saggio con cui il direttore del museo, Hou Hanru, che l’ha curata, […]

continua »
Teresa Maresca
La città degli affari e della moda

Kiefer, l’arte e l’evento

Visita a sorpresa ai “Sette Palazzi Celesti” di Anselm Kiefer stravolti all'Hangar Bicocca per adattarli agli "eventi" dello sponsor. Cene e sfilate comprese...

Sono andata la settimana scorsa all’Hangar Bicocca, a Milano, per due installazioni d’arte contemporanea, di cui non vale la pena di parlare. Ma siccome si trovavano nello stesso spazio espositivo dove sono contenuti anche I Sette Palazzi Celesti di Anselm Kiefer, uno dei massimi artista internazionali, sono tornata a rivederli. L’installazione site-specific, come si dice […]

continua »
Danilo Maestosi
Alla galleria Puls arte puls di Roma

Mutazioni d’arte

Franco Ferrari, Giovanbattista Cuocolo e Stefania Lubrani sono i protagonisti di una bella mostra a tema dedicata all'analisi dell'«Essere in mutazione»

Il mondo cambia a velocità vertiginosa. E cambia anche noi con la stessa accelerazione. Il timore è che ci stia imponendo una mutazione irreversibile, recidendo il filo che governa la condizione umana e lega ognuno di noi alla sua essenza più profonda. La speranza è che l’arte, che vive la stessa ansia di spaesamento ma […]

continua »