21
agosto
2018

arti

Ennio Calabria e Danilo Maestosi
In margine a una mostra romana

Dialogo sull’arte

Due artisti, Ennio Calabria e Danilo Maestosi si confrontano, con le loro opere e con un breve saggio, sull'idea di arte e interpretazione del mondo. Due modi diversi di esprimere passioni, idee e disagi

Lunedì prossimo, alla AOCF58-Galleria BRUNO LISI, via Flaminia 58 si aprirà una “mostra incontro” centrata – per la cura di Ida Mitrano – sul rapporto tra due artisti affatto diversi: Ennio Calabria e Danilo Maestosi.  Il confronto sarà sull’idea stessa di arte e sulla sua rappresentazione. Che cosa vuol dire essere artisti? A questa domanda, […]

continua »
Danilo Maestosi
Una mostra al Pastificio Cerere di Roma

Memorie di Polonia

Dagli orrori nazisti all'illusione comunista, dalla lotta per la democrazia alla rinascita: la storia di un Paese (e delle sue città) vista attraverso la lente dell'arte conemporanea

Nell’iconografia dell’arte contemporanea la città è un punto di riferimento privilegiato. Perché prima ancora di uno spazio fisico rappresenta uno spazio mentale: una sponda perfetta per una creatività che tende a confrontarsi con la realtà usando un sillabario prevalentemente concettuale. Perché è un concentrato di segnali, facilmente tramutabili in segni. Di umanità in transito. Di […]

continua »
Erminia Pellecchia
Una mostra itinerante

A Oriente di Pasolini

Alla Milano Art Gallery sono esposte quaranta fotografie realizzate da Roberto Villa sui set del film del grande poeta e regista. A cominciare da quelle per le location del "Fiore delle MIlle e una notte"

«Ero lì di fronte con le fotocamere. Lo chiamo e, mentre gli porgo il ciak, gli dico “Pier Paolo… tieni un momento il ciak, faccio una foto”. Lui perplesso: “Ma è una finzione”. Io di rimando: “Beh, anche il cinema è finzione”. Allora mi guarda e sorride». Roberto Villa e Pier Paolo Pasolini, il fotografo […]

continua »
Tina Pane
Un appello ai "visitatori"

Salvate Capodimonte!

Lo scrigno meraviglioso dei tesori dei Borbone vive una stagione difficile: è quasi snobbato da napoletani e turisti. E il nuovo direttore Sylvain Bellenger lancia la sua sfida

«Capo de Monte, la reggia nuova de tata nostro»: con queste parole – messe in bocca al postiglione che conduce nella sua vettura la famiglia Pimentel Fonseca al suo arrivo a Napoli nel 1762 – viene presentata nel romanzo Il resto di niente di Enzo Striano la Reggia di Capodimonte. Voluta da Carlo di Borbone […]

continua »
Teresa Maresca
Introduzione al pittore inglese

Inghiottiti da Hockney

Un po' come Picasso, un po' come Caravaggio. Il processo evolutivo dell'artista è inarrestabile. Dalla Los Angeles della pop-art è riapprodato al nativo Yorkshire dove ora dà sfogo alla sua passione per il paesaggio, allestendo veri e propri set en plein air per opere di grandi dimensioni pronte a incorporare lo spettatore. Sfruttando le tecnologie più avanzate ma ribadendo l'eternità di lunghi pennelli e colori mischiati all'antica. Lo spiega bene un libro-intervista

David Hockney è forse la più emblematica figura di pittore del nostro secolo, dopo Picasso. Un libro-intervista (A bigger message, conversazioni con David Hockney, di Martin Gayford, Einaudi) ci consente di comprendere lo studio e la complessità del suo ultimo lavoro, ora che non è più l’artista dalle visioni facili o fumettistiche cui ci hanno […]

continua »
Danilo Maestosi
Al museo in Trastevere di Roma

L’arte alienata

Una mostra riscopre il genio di Roberto Sambonet che i suoi strumenti di pittore entrò nei manicomi per cogliere il senso profondo del dolore e del disagio

Pochi giorni fa, il 31 marzo, dopo tanti rinvii, è entrata in vigore una legge che abolisce per sempre i manicomi criminali, sopravvissuti all’onda della riforma Basaglia, consegnati alla gestione del ministero di giustizia e ribattezzati alla fine degli anni Settanta ospedali giudiziari psichiatrici, con un ipocrita eufemismo che si trascinava appresso il peggio di due […]

continua »
Elisa Campana
Lettera da Londra

L’ultimo Pasquino

Banksy, il re della street art, ha colpito ancora. A Bristol è comparsa una sua nuova opera: due ragazzi che hanno solo uno smartphone per comunicare

Banksy ha colpito ancora! Uno dei maggiori esponenti di street art, universalmente noto per il suo pennello graffiante e anti-conformista, ha lasciato anche questa volta la sua firma inconfondibile: una nuova opera è comparsa a Bristol, dove, si vocifera, Banksy è cresciuto e ha mosso i primi passi nel sottobosco underground della città, negli anni […]

continua »
Stefano Bianchi
Due mostre a Parigi

Haring politico

Oltre la superficie degli “ideogrammi pop” che hanno reso universali i graffiti del pittore americano, un grumo di battaglie sociali e civili combattute con rabbia e senso di giustizia. Fino a quella finale contro l'Aids...

A Parigi, fino al 18 agosto, Keith Haring combatterà contro il razzismo, il capitalismo, il consumismo, l’Aids (che lo uccise il 16 febbraio 1990, a 32 anni). Ciò che dovete fare è spingervi oltre la superficie degli “ideogrammi pop” che hanno reso universali i suoi graffiti e scavare sotto le sue icone da arte-in-gadget riprodotte […]

continua »
Danilo Maestosi
«Open museum, open city» a Roma

Suoni da museo

Dallo scroscio dell'acqua a Fontana di Trevi all'armonia del Cosmo: Hou Hanru ha invaso il Maxxi con una mostra che espone l'immaterialità dell'arte. Una scommessa difficile da vincere...

Immergersi per sei settimane, fino al 30 novembre, nelle suggestioni pure del suono e arricchirne con la propria sensibilità e la propria fantasia le tracce emotive. È la nuova anomala sfida lanciata dal Maxxi con la manifestazione intitolata Open museum, open city. Un azzardo fuori copione ideato dal direttore Hou Hanru che si prefigge quattro […]

continua »
Erminia Pellecchia
Una bella mostra al Maschio Angioino

Il sindaco pittore

Con “Da Guttuso a Matta. La collezione Valenzi per Napoli”, la città rende omaggio a un politico atipico: intellettuale ma vicino alla gente come pochi dopo di lui. L'inventore della "primavera" napoletana

C’è un presente che è appena ieri, cancellato dalla fuga ineluttabile del tempo. Ci sono personaggi straordinari la cui storia, sia pur recente, resta patrimonio di chi l’ha condivisa, vissuta, assaporata. C’è un luogo di luci e ombre, addormentato ma pronto a risvegliarsi come il vulcano che lo domina. C’è una capitale della cultura che […]

continua »