19
aprile
2019

arti

Danilo Maestosi
Al Palazzo delle Esposizioni di Roma

L’arte è uno slogan

Julian Rosefeldt, con un'installazione composta da tredici filmati interpretati magistralmente da Cate Blanchett, gioca con l'enigma delle avanguardie. Quando l'arte si esprimeva per parole chiave concetti complessi...

Che cosa resta e che valore assegnare ai proclami con cui a partire dal primo Novecento molti artisti di punta hanno preceduto e accompagnato le loro opere? Un flusso di slogan, invettive, sfide al buon senso, dichiarazioni d’intenti e profezie che si è in gran parte interrotto nell’ultimo scorcio del secolo e nel trapasso al […]

continua »
Raffaella Resch
L’autoritratto alle Gallerie degli Uffizi

Galliani tra Io e Sé

Prende origine dal nero assoluto la cifra simbolica del maestro emiliano, e in questo nero risiede la visione più autentica. Se ne trova conferma nell’opera destinata al Corridoio Vasariano in cui l’artista è irradiato da punti di luce che traforano il nero. E che evocano costellazioni

«È il cielo che mi guarda o sono io ad essere guardato dal cielo?» è la domanda che Omar Galliani si è posto durante la presentazione dell’opera che l’artista ha voluto donare lo scorso ottobre 2018 alla straordinaria collezione di autoritratti delle Gallerie degli Uffizi, la più grande del mondo nel suo genere. La raccolta, […]

continua »
Danilo Maestosi
Mentre il ministero taglia il Maxxi

Quale arte a Roma?

La nomina di Maria Vittoria Marini Clarelli alla Soprintendenza Capitolina riapre il dibattito sulla gestione dell'arte (non solo quella contemporanea) a Roma. Tra Macro, Maxxi e Galleria Nazionale di Valle Giulia

La salute dell’arte contemporanea a Roma? Altalenante come la valutazione di queste notizie che recuperiamo dal relativo silenzio nel quale sono scivolate via. Notizie che aprono più di un interrogativo sulla gestione complessiva della cultura nella nostra città, che più di altre per la su storia sconta un costante conflitto tra fughe verso il futuro […]

continua »
Danilo Maestosi
Alla Galleria d’arte moderna di Roma

Arte Donna

Angelica, desiderata, conquista, sedotta, ridotta a oggetto: è la parabola della donna nell'arte raccontata da una bella mostra che dimostra come l'iconografia del corpo femminile sia stata sempre e solo appannaggio degli uomini

Corpi. E immagini di corpi, impresse sulla tela o sbalzate a tre dimensioni nella pietra e nel bronzo. Nudi per lo più. Sulle quasi cento opere esposte più della metà sono composizioni di corpi femminili ritratti senza veli. Ed esplorati o messi in posa da sguardi quasi esclusivamente maschili. Una dittatura che perdura da secoli […]

continua »
Raffaella Resch
In mostra a Milano

L’arte inquieta di Franco Cardinali

L'esposizione a Palazzo dei Giureconsulti è un'occasione per riscoprire la figura e l'opera di un artista irregolare, prototipo dell'autonomia e dell'indipendenza artistica. Sostenuto da Prevért e da Cocteau, a contatto con i più grandi pittori del '900, il suo percorso è un inseguimento della forma per dare configurazione al caos

Un caso curioso nel panorama dell’arte contemporanea è quello di Franco Cardinali (Rapallo, 1926 – Saint Paul de Vence, 1985) a cui il Palazzo dei Giureconsulti di Milano dedica una mostra fino al 14 febbraio 2019 (Franco Cardinali. Inquietudine necessaria). Artista pressoché autoditta e spirito brillante, Cardinali, pur partecipando ai più importanti circoli artistici del […]

continua »
Luca Fortis
Tra arte, passione e mercato

Collezionare è un’arte

Incontro con Elvira Cattaneo, celebre antiquaria. "Il rapporto tra chi vende e chi compra è quasi una danza, un rapporto del tutto particolare. Oggi, invece, spesso si compra più che altro pensando all'investimento"

Il collezionismo, il rapporto tra collezionista e oggetto collezionato e con l’antiquario è qualcosa di molto complesso, a volte quasi misterioso. Ne parliamo con Elvira Cattaneo, storica antiquaria e figlia dell’antiquario che per primo lanciò la moda delle ceramiche meridionali a Milano. Allora, Elvira Cattaneo, cominciamo dall’inizio: che cos’è il collezionismo? Parlerò soprattutto di cos’era […]

continua »
Danilo Maestosi
Al Museo etrusco di Villa Giulia di Roma

Lo Schifano etrusco

Una piccola mostra recupera due cicli di pitture (del 1991 e del 1995) di Mario Schifano, dedicati al suo rapporto con la classicità. Quasi un omaggio al suo passato di "impiegato" del celebre museo etrusco

A venti anni dalla morte, una mostra torna a celebrare il talento di Mario Schifano (1934-1998), il più geniale e poliedrico interprete dell’arte pop all’italiana. E aggiunge un capitolo quasi inedito alla sua biografia, quel decennio di gestazione della sua vocazione creativa, consumato tra le austere pareti affrescate e i preziosi cimeli etruschi di villa […]

continua »
Marco Ferrari
Al Museo Civico di Sansepolcro

Il Piero risanato

Una bella mostra sul rapporto tra pittura e architettura nelle teorie sulla prospettiva di Piero della Franscesca festeggia il restauro della "Resurrezione", capolavoro del Rinascimento plastico

Dalla Toscana a Londra, tutti a omaggiare il talento eterno di Piero della Francesca (Borgo Sansepolcro, 12 settembre 1416/1417 circa – Borgo Sansepolcro, 12 ottobre 1492), diventato sempre più la vera star del Rinascimento italiano, capace di mettere insieme calcoli matematici, misticismo e talento artistico. Piero della Francesca nacque dopo la morte del padre, ragion […]

continua »
Danilo Maestosi
Alla Galleria nazionale d’arte moderna di Roma

L’arte inorganica

La complessità della vita non si presta al pensiero debole. Se ne volete una dimostrazione, andate a visitare la (furba) mostra intitolata "Ilmondoinfine": non bastano semplici intuizioni per capire le cose

Ilmondoinfine. È il titolo intrigante che battezza la mostra appena inaugurata alla Galleria nazionale d’arte moderna di Roma e in cartellone fino al 23 gennaio. Un testacoda verbale a doppio senso, di quelli che piacciono tanto ai curatori d’ultima generazione cresciuti nella placenta del pensiero debole (qui si presentano in cinque: Ilaria Bussoni, Simone Ferrari, […]

continua »
Loretto Rafanelli
Presto alla Biennale Arte

La poesia del vetro

L'artista Marco Nereo Rotelli è al lavoro per la Biennale Arte di Venezia 2019 con un progetto che fonde arte e artigianato, arte e poesia: libri di vetro in "Poetry: a Glass Garden"

Le fiamme che fondono il vetro sono volute fantastiche di mille colori che si inseguono e incantano. Le fiamme rendono malleabile il pesante materiale che lavorato lentamente dai maestri vetrai prende la forma di un libro. E io guardo rapito questo mutarsi della materia. La mia è una partecipazione sentita e piena di ammirazione verso […]

continua »