29
ottobre
2020

arti

Raffaella Resch
La mostra al Palazzo Reale di Milano

Le introspezioni di Toulouse-Lautrec

Da non perdere l’esposizione milanese che chiuderà i battenti il 18 febbraio. Un’occasione per ammirare oltre 200 opere del celebre conte pittore, tra dipinti, gouaches, disegni, litografie, acqueforti e affiches che raccontano il suo talento e le sue audaci sperimentazioni artistiche. E che spiegano la sua grandezza

Ultimo mese per ammirare a Milano il rutilante e gaudente mondo di Toulouse-Lautrec, ospitato nelle sale di Palazzo Reale (Il mondo fuggevole di Toulouse-Lautrec, fino al 18 febbraio), la sede espositiva che più si addice al millenario titolo nobiliare dell’artista, dopo ben sedici anni dall’ultima mostra (che si tenne presso la Fondazione Antonio Mazzotta nel […]

continua »
Raoul Precht
Periscopio (globale)

Il senso di Arcimboldo

Ultimi giorni per vedere la bellissima mostra dedicata ad Arcimboldo. Il modo migliore per entrare nel labirinto iconografico costruito da un grande maestro/alchimista alla corte dell’Imperatore

C’è tempo ancora fino all’11 febbraio per visitare la pregevolissima mostra a Palazzo Barberini che la Galleria nazionale d’arte antica di Roma dedica alla figura di Giuseppe Arcimboldo. Curata da una delle massime specialiste del pittore lombardo, Sylvia Ferino-Pagden, la mostra si snoda lungo un percorso coinvolgente e convincente, mostrando finalmente l’artista e le sue […]

continua »
Nicola Fano
Al teatro di Villa Torlonia a Roma

Pirandello pittore

Per i centocinquanta anni dalla nascita, due mostre raccontano il Pirandello che non ti aspetti: da un lato i suoi quadri (sospesi tra Casorati e il Capogrossi realista) dall'altro il teatrante metafisico

Cinquant’anni fa, quando Giorgio De Lullo rivoluzionò l’interpretazione pirandelliana mettendo in scena “Il giuoco delle parti” con Romolo Valli e Rossella Falk, ambientò la storia di Leone Gala in un universo metafisico, citando espressamente il pittore Felice Casorati. La pittura post cubista del grande artista italiano disponeva sulle tele solitudini senza proporzioni, individui soli perduti […]

continua »
Danilo Maestosi
Il cinema che fa discutere

Consumare è arte?

Il film svedese “The Square” riflette sul rapporto tra arte e consumo, tra arte e comunicazione. La metafora è amara: siamo tutti merce a cui è destinata altra merce

Dopo il premio a Cannes, l’inserimento nella rosa delle candidature all’Oscar. Per il film svedese The Square un traguardo che trascinerebbe Oltreoceano, palcoscenico cardine del contemporaneo, il dibattito sull’arte di oggi che ha sollevato e gli restituirebbe, forse, echi ben più incisivi. Perché preso di mira e messo alla berlina da un copione di corrosiva […]

continua »
Danilo Maestosi
Al Museo del Vittoriale di Roma

Le favole futuriste

Omaggio a Lina Passalacqua, artista che lungo un arco creativo di più di mezzo secolo ha messo in relazione il futurismo e il gioco, per rielaborare l’immaginario infantile

Superata la soglia degli ottanta, più di mezzo secolo di solida carriera alle spalle, Lina Passalacqua è un’artista che crede ancora alle favole. La fede visionaria di chi è convinto che nell’universo delle fiabe ogni essere umano ritrovi le proprie radici segrete e una capacità di narrare e narrarsi che non conosce limiti di età. […]

continua »
Marco Ferrari
Quando la cultura è un investimento

Ginori da vedere

Il ministero ha comprato il Museo Richard Ginori, una preziosa collezione di oggetti in maiolica, porcellana e terraglia, realizzati dall'antica Manifattura fin dal 1737

Lo Stato è in crisi? La cultura non è un investimento? Niente affatto. Almeno a giudicare la vicenda dell’acquisto del Museo Richard Ginori della Manifattura di Doccia di Sesto Fiorentino da parte del Ministero per i Beni Culturali e Turismo. Il più antico museo di impresa in Europa diventa così patrimonio statale, al pari degli […]

continua »
Giuseppe Grattacaso
Al Museo Civico di Crema e del Cremasco

Orizzonti astratti

Una nella mostra per Angelo Noce, la cui arte è astratta e insieme ci avvicina al disegno dell’oggetto, a tratti ci fa sentire lo spessore e la consistenza della materia

Il percorso artistico di Angelo Noce, iniziato con piena consapevolezza già negli anni Settanta, approda felicemente ad una nuova significativa tappa con la mostra Controcielo, allestita nella preziosa cornice delle Sale Espositive “Francesco Agello” del Museo Civico di Crema e del Cremasco (visitabile fino al 17 dicembre). Gli Orizzonti diurni e gli Orizzonti notturni, che […]

continua »
Roberto Gramiccia
A proposito di “Nella pittura la vita”

Tra Marx e Calabria

Ida Mitrano dedica un intenso saggio all'arte di Ennio Calabria, un “pittore della Storia" che ha ritratto prima una società ribelle e poi un mondo senza Padre

Si deve essere riconoscenti a Ida Mitrano di aver scritto un libro per molti aspetti imperdibile. Parlo di Ennio Calabria. Nella pittura la vita (Edizioni Bordeaux, pag. 182). Si tratta di un tentativo, riuscito, di rendere (relativamente) semplice e sicuramente affascinante la narrazione della parabola di uno degli artisti più grandi della nostra storia recente, […]

continua »
Anna Camaiti Hostert
Da oggi, nel cuore di Roma

La vocazione di Musia

Dalle arti visive al laboratorio culturale sino all’enogastronomia: è un polo polifunzionale di 1000 metri quadrati quello realizzato da Ovidio Jacorossi, nuovo punto di riferimento per l’arte del Novecento con mostre permanenti, esposizioni temporanee e altri piaceri come le “Enozioni” promesse dalla start up del vino “Winedo”

Roma non finisce mai di meravigliarci, a dispetto del fatto che al momento mala tempora currunt. È davvero una città di tesori nascosti e di continue, piacevoli sorprese. Questa volta è il caso di “Musia” il nuovo spazio di arte contemporanea – ideato da Ovidio Jacorossi, grande collezionista di opere d’arte – che si è […]

continua »
Danilo Maestosi
Al Maxxi di Roma

Einstein o Duchamp?

“Gravity” è una mostra insolita mette una accanto all'altro il mondo di Duchamp e quello di Einstein, l'arte e la scienza: un confronto eccita la fantasia ma non sempre appaga gli occhi

Strano il copione della mostra Gravity ospitata dal Maxxi per analizzare i punti di convergenza tra arte e scienza a oltre un secolo di distanza dalle teoria di Einstein che ha rivoluzionato il nostro modo di interrogare e immaginare l’Universo e i suoi misteri. Un confronto che segna da secoli la storia della cultura occidentale […]

continua »