Lidia Lombardi
Addio all’intellettuale editore

L’assoluto Calasso

La Mitteleuropa, l’Oriente, l’esoterismo e la fisica, Simenon e Richler, Nietzsche e Kundera… Anelava a un catalogo che fosse un unico infinito libro, una biblioteca esaustiva e assoluta. Da lettore, da scrittore e da editore ha percorso liberamente i sentieri della riflessione sull’essere

Quel libriccino – la copertina senza fronzoli color acquamarina, al centro solo titolo e autore – ha illuminato la mia giovinezza. E quella di tanti ragazzi, da quarantacinque anni a questa parte. Si intitola Siddharta, l’ha scritto Hermann Hesse. La sua pubblicazione – e con essa il rilancio e per molti giovani la scoperta in Italia […]

continua »
Roberto Mussapi
Every beat of my heart

La soglia necessaria

“… a turbarci il sangue / è solo il suo anelito alla tomba”. Questi versi di Yeats indicano un passaggio drammatico che tuttavia non è desiderio di morte ma desiderio di nuovo inizio in cui la vita si rimette in gioco

Non s’inganni il lettore del grande Yeats: la nostra vita non è un desiderio di morte. L’anelito alla tomba, che io traduco nella stessa voce del poeta, non è desiderio di morte ma necessità della soglia. Del punto in cui un’esperienza finisce e ne inizia un’altra. Un passaggio, non sfumato, ma drammatico. L’anelito alla tomba […]

continua »
Paola Benadusi Marzocca
Un libro di Simon Garfield

Amico uomo

Nel pieno della stagione più a rischio per il numero di abbandoni, “Il miglior amico del cane”, divulgando caratteristiche non sempre così note, aiuta a comprendere comportamenti e ad apprezzare meglio le risorse di una relazione preziosa

Non c’è animale domestico più vicino all’uomo del cane e si può aggiungere che esistono cani indimenticabili per i loro padroni. Leggendo il libro del divulgatore inglese Simon Garfield, Il miglior amico del cane – breve storia di un legame indissolubile (Ponte alle Grazie, trad. Alessandro Peroni, 322 pagine, 18 euro) si capisce che il rapporto […]

continua »
Luigi Saitta
Un saggio di Ruggero Marino

Poeti e navigatori

È possibile che una comune conoscenza iniziatica unisca il viaggio poetico di Dante a quello terreno e avventuroso di Cristoforo Colombo? Un nuovo studio dell’autore che da oltre trent’anni sta sfatando in modo ardito e documentato la “vulgata” imperante su Cristoforo Colombo e la scoperta dell’America

Libri, saggi, romanzi, per non parlare di documentari televisivi, film, fiction. Sulla scoperta dell’America e su Cristoforo Colombo si sono cimentati miriadi di studiosi, storici, etnografi. Ma il nuovo saggio di Ruggero Marino Dante, Colombo e la fine del mondo (Publishing 2021), proietta una luce ancora più convincente sulle ricerche che lo studioso conduce sulla figura […]

continua »
Roberto Mussapi
Every beat of my heart

Afferrare la luna

Tre poesie di Li Po per vedere brillare il filo della sua tessitura. Tre poesie “assolute” che insieme sono parte di “un canto cosmico”. Versi proposti nella versione di Roberto Mussapi che faranno parte di un suo libro dedicato al grande poeta cinese

Tre incanti. Del grande Li Po, massimo poeta cinese, i lettori conoscono già alcune mie versioni, in un libro che ora ha preso forma definitiva.Queste tre liriche sono assolute, scritte separatamente, ognuna a sé stante, ognuna perfetta e piena come una poesia di Saffo o un sonetto di Foscolo.Ma è parte del mio libro, è […]

continua »
Lucia Dell’Aia
“Cronaca di una vita abitante (1806-1843)”

Il Signor Hölderlin

Giorgio Agamben ricostruisce gli ultimi anni di esistenza del poeta. Posto ai margini della società, i suoi gesti, i suoi modi, la sua idea filosofica dell’Io sembrano «pretendere una dimensione pubblica il cui significato politico Agamben prova a mettere in luce»

Per chi fosse andato a far visita a Hölderlin nella torre affacciata sul Neckar a Tubinga sarebbe stato possibile, secondo la testimonianza di C. T. Schwab, ascoltarlo suonare il fortepiano e cantare, fra le altre possibilità, un’aria tratta dall’opera buffa di Giovanni Paisiello, L’amore contrastato o La bella molinara, tradotta in tedesco: Mich fliehen alle Freuden (Nel cor più […]

continua »
Roberto Mussapi
Every beat of my heart

Attraversare la morte

Essere Nessuno, come Ulisse con Polifemo, sapere di esserlo di fronte a realtà che sgomentano, esserlo «per iniziarsi alla poesia» che si consegue in piena vita, affrontando le prove. Così Salvatore Quasimodo in questi versi…

Assume il nome falso, ma profondamente vero, con cui Ulisse si salva da Polifemo, non solo si salva, lo farà fuori, accecandolo e rendendolo ridicolo. Inventando per se stesso un nome falso, Nessuno, non quello autentico, Ulisse. Ma dicendo il vero: di fronte alla sgomentante realtà dell’ominide Polifemo, del preumano, come agli incanti delle sirene […]

continua »
Marta Morazzoni
La “Saga della vipera” di Daniela Pizzagalli

L’epopea dei Visconti

Con «la puntigliosità tutta femminile di chi osserva il dettaglio dentro la campitura della storia» l’autrice ricostruisce in tre volumi le battaglie, il potere, i soprusi e gli intrighi dei signori che vollero grande Milano segnandone la fisionomia oltreché il destino

La storia vista dalla parte dei potenti, osservata con una lente di ingrandimento che, direbbe Foscolo misinterpretando Machiavelli, «alle genti svela di che lacrime grondi e di che sangue»: mi sembra che in questa chiave si possa leggere il complesso lavoro di Daniela Pizzagalli dedicato ai Visconti, una trilogia che si raccoglie sotto la definizione […]

continua »
Tommaso Debenedetti
“L’ultimo sorriso di Beatrice”

La meta perfetta

I “viaggi” letterari di Sabino Caronia nei territori della poesia e della prosa (da D'Annunzio ai contemporanei) non solo riservano illuminanti sorprese sugli autori indagati nella loro essenza e narrati con pacata eleganza, ma ci rivelano qualcosa di prezioso di noi stessi

Secondo alcuni maestri del Chassidismo, quando qualcuno sente il desiderio di viaggiare in un luogo, anche lontanissimo, vuol dire che una parte della sua anima si trova in quel punto del mondo. Il viaggio è dunque una sorta di tentativo di ricomporre almeno in parte il proprio io frammentato. La critica è, a suo modo, […]

continua »
Marco Vitale
“Eppure osarono” di Maria Rosaria Valentini

Tra arte e vita

Con sorvegliata eleganza, piena di invenzioni e metafore, l’autrice mette a punto un racconto in cui si mischiano favola e dramma, storia, etnologia e pittura. Immaginando la vita di due donne ciociare dell’800 uscite da un dipinto di Ernest Hébert

Due ragazze nelle vesti tradizionali di una valle della Ciociaria, a metà dell’Ottocento dipinte dal pittore romantico Ernest Hébert, cugino di Stendhal, Prix de Rome e futuro direttore, sempre a Roma, dell’Académie de France, sono all’origine di questa nuova prova narrativa di Maria Rosaria Valentini. Scrittrice e poetessa che in quella stessa Valle Comino è […]

continua »