Paola Benadusi Marzocca
Viaggio nella vita dello scrittore danese

Il principe Andersen

Anche l’esistenza dell’autore della “Sirenetta” e di molte altre celebri fiabe sembra una delle sue storie. Nato povero, conquistò la gloria. Anche per una dote speciale: saper percepire il ritorno delle rondini e delle cicogne e ascoltare il muto messaggio dei fiori

Non è un caso che la grande letteratura per ragazzi abbia le sue radici nel Nord Europa. Nella solitudine e nel silenzio dei boschi, nello scintillio delle acque gelate dei laghi, nelle atmosfere brumose sotto cieli percorsi da nuvole grigie, è più facile lasciarsi trascinare da fantasie ai confini del sogno. Heinz Janich e Maja […]

continua »
Marta Morazzoni
“La Sicilia e noi” con sei foto di Scianna

Nello sguardo di Hofmannsthal

In viaggio con Burckhardt, suggestionato dalle parole di Goethe e dagli scatti di Hommel, lo scrittore austriaco affida alla pagina le sue impressioni sull’isola «dalla lunga storia e dai tanti popoli». Pubblicate ora, nella traduzione di Renata Colorni, dalle preziose edizioni Henry Beyle

Nel 1924, insieme allo svizzero Carl Jacob Burckhardt, Hugo von Hofmannsthal fece un viaggio in Sicilia; aveva una certa confidenza con l’Italia e i suoi paesaggi; in gioventù era andato a Varese in bicicletta: partito da Vienna in compagnia di Schnitzler che all’approccio delle Alpi aveva demorso, aveva pedalato da solo fino in Lombardia, terra […]

continua »
Roberto Mussapi
Every beat of my heart

Sconfiggere il Nulla

L’atleta ancora una volta celebrato da Pindaro nelle “Olimpiche”. Non si lotta per avere la meglio sull’avversario, ma per restare nella memoria. Per «gli inni di fama perenne, dolci e lapidei garanti delle imprese». Come Achille, per vivere in eterno

Dai miei Lirici greci di prossima uscita per Ponte alle Grazie, anche Pindaro, non incluso finora nei Lirici in quanto non appartenente al genere in senso ortodosso.Per me la lirica non è solo un genere, ma il combustibile di tutta la poesia.Qui nelle Olimpiche la celebrazione della gloria, che è il valore assoluto dei Greci: […]

continua »
Lidia Lombardi
“La leggenda di Elena Ferrante”

Dentro l’anima dell’Amica geniale

Una ricognizione della misteriosa scrittrice e della sua celebre quadrilogia tracciata da Annamaria Guadagni in un libro emozionante e documentato che entra nel cuore di Napoli e della letteratura che l’avvolge. Diventando indagine, reportage, cronaca di costume, ricostruzione storica, riflessione antropologica

Dieci anni fa, nell’ottobre 2011, usciva L’amica geniale, primo volume di una tetralogia diventata un successo globale, reiterato anche dalla serie televisiva di Saverio Costanzo. Un miracolo letterario, intercettato dalla casa editrice e/o – fieramente indipendente – che si deve alla penna di Elena Ferrante, un nome, ma finora non una faccia. Perché l’autrice della saga […]

continua »
Roberto Mussapi
Every beat of my heart

Consegnato alla Luna

Anche Byron ha mirabilmente cantato il crepuscolo, l’istante magico che svanisce, l’ultima luce del giorno che si immerge nella luce notturna di Selene. «… l’ora in cui odi tra i rami la nota acuta dell’usignolo» e «una lieve rugiada ha bagnato ogni fiore…»

Byron coglie l’incanto. Molti gli autori di versi sull’ora topica dl crepuscolo. Pochi i poeti di quel magico e non attinico istante. Tanto per iniziare escludiamo dalla poesia del crepuscolo i crepuscolari, per cui quella parola è una debole ideologia e una non nobile malattia.Il crepuscolo è magico, in Tasso, in Campana, in Shelley, tutti […]

continua »
Luigi Saitta
“Papershow”, un libro a fumetti

Dal nostro inviato Vincenzo Paperica

Agli Oscar, a Cannes, a Sanremo, a Venezia, a Stoccolma… Con il giornalista Vincenzo Mollica trasformato in un cittadino di Paperopoli da Giorgio Cavazzano, il disegnatore con il quale firma dodici storie che sono un omaggio al cinema e alla letteratura, alla musica

Per chi ama i fumetti, e in particolare quelli di Walt Disney, Papershow (Giunti 2021, 9,90 euro) è un libro imperdibile. Il fumetto è un mezzo di comunicazione di massa che Umberto Eco, nel suo Apocalittici e integrati (Bompiani 1965) aveva, per così dire, “sdoganato” agli occhi dei sociologi e dei semiologi che riguardo questo fenomeno culturale […]

continua »
Roberto Mussapi
Every beat of my life

La memoria che salva

I versi di Simonide di Ceo sui morti alle Termopili sono nella linea poetica di Roberto Mussapi, alle prese con la traduzione dei lirici greci per farne un’opera che testimoni, in se stessa, il concetto di poesia

Si avvicina il momento dei miei Lirici greci. Ne esistono più traduzioni, tutte serie e utili, ma il mio intento è diverso: voglio realizzare qualcosa di simile a quanto fece nel secolo scorso Salvatore Quasimodo: un’opera che tramuti i vertici dei lirici greci in un libro fondante della poesia italiana e di una concezione della poesia.Che […]

continua »
Roberto Mussapi
Every beat of my heart

L’Uno e noi tutti

«Non siamo l’infinito, ma lo annuvoliamo, e ne siamo particella a lui necessaria» spiega Roberto Mussapi nel commentare i versi del grande poeta sufi Jalàl Al-Din Rumi. Una poesia di mistero la sua, ma tutt’altro che misteriosa, al contrario, «evidente, come il respiro e il mare…»

Il grande poeta sufi Rumi è spesso presente in questa rubrica. Qui l’amore assoluto è portato al suo zenit e al suo cuore: flauto di canna, la fortuna, non il fato cieco dei Greci, un soffio divino che intona una nuova melodia. La vita è chiamata a battere il suo tempo, come una danza. Il mondo […]

continua »
Luigi Saitta
“La carezza della memoria”

Essere Carlo Verdone

Il libro autobiografico dell’attore e regista è pieno di pregi. Intrattiene il lettore, diverte e commuove, mai scontato, né retorico. Oltre a mettere in luce episodi inediti, rivela aspetti profondi e poetici. Come il capitolo su Siena, la città dov’è cresciuto il padre Mario

I libri autobiografici sono un genere letterario insidioso di cui generalmente diffido. Siano opere di scrittori, artisti, cantanti, giornalisti, uomini o donne famosi, sono spesso un insieme di noiose memorie familiari, di ricordi sovente gonfiati (o, peggio, inventati), di episodi pieni di banale retorica che sembrano affidati alla pagina bianca solo per accrescere (o rinverdire) […]

continua »
Marco Vitale
“All’altro capo” di Roberto Deidier

Orizzonte rotto

Fa pensare a «una conradiana linea d’ombra» la nuova raccolta del poeta romano dove la bellezza appare «incrinata dalla fuga del tempo». Un libro che «muove dalle soglie dell’elegia per incamminarsi nei luoghi di un attraversamento doloroso». Un «atto d'amore e di rispetto» il suo per la poesia

Una calma meridiana superficie marina è a congiungersi, lievemente increspata dalla luce, con una linea d’orizzonte che sfuma e sembra perdersi in lontananza. Non sappiamo cosa vi siaall’altro capodi quella linea, e la stessa calma si colora di inevitabile inquietudine. La suggestiva immagine di Giulia Napoleone (un particolare è riprodotto nell’immagine vicino al titolo, ndr) ci […]

continua »