Vincenzo Nuzzo
Dopo l'orrore di Giugliano

Il Male sovrano

Bullismo, violenza, depravazione, degrado morale: sembrano parole o formule astratte. E invece nascondono vite concrete che hanno perso ogni senso del limite nella ricerca del potere illimitato

Dopo ciò che è accaduto in questi giorni, a chi non è del luogo (giustamente) il nome Giugliano apparirà altrettanto raccapricciante quanto il nome Scampia o il nome Villa Literno. Ed è effettivamente così. È innegabile. Io che però sono di qui, vorrei partire dal significato antico che ha per me il nome Giugliano; e cioè quello della leggiadra distesa a perdita d’occhio dei rigogliosi frutteti che nei primi giorni caldi di maggio attraversavo in Autobianchi decappottabile con mio padre per andare al mare a Licola. Lungo la cosiddetta «strada degli Americani» (detta anche «doppio senso»). Giugliano era allora una distesa di immacolata natura addomesticata dalla mano dell’uomo. E Licola era un luogo marino paradisiaco, fatto di immense spiagge bianche e di un mare cristallino in cui nuotavano gli ippocampi.

Ecco ora cosa ne è stato di tutto questo. E non ho bisogno di raccontarlo io, visto che lo hanno fatto già benissimo La Capria (Viaggi nell’Italia perduta) e Silvio Perrella (tra gli altri). Ma si dà il caso che io ho speso una buona parte della mia vita di medico a fare il pediatra in una zona periferica di Napoli che, urbanisticamente e sociologicamente, ha le stesse identiche caratteristiche dell’immenso oceano di orrore in cui sono stati ingoiati luoghi come Giugliano. E cosa io ho toccato con mano in questi lunghi anni? Ho toccato con mano l’insidioso, inesorabile e minaccioso insorgere del male del «bullismo». Avevo iniziato a fare il pediatra all’inizio degli anni ’80, e per un po’ ebbi a che fare solo con le premesse del fenomeno. E cioè soprattutto con il suo versante ossessivo-alimentare: bambini che già dall’età di un anno venivano inseguiti da mamme e nonne con il piatto di pasta in mano perché si lasciassero rimpinzare e infloridissero come gonfie mele rosse, allontanando così (dall’anima spaurita dei genitori) gli atavici spettri della fame, del rachitismo e della tbc. Questo era già il nucleo di un addestramento efficientissimo al capriccio per ottenere il totale asservimento degli altri all’affluenza vitale egocentrica verso se stessi. Ed in questo modo si coltivavano già quei «fuchi» (pigri, neghittosi, tronfi e gonfi di umori malsani) che Platone aveva condannato nella Repubblica. Ma era ancora solo il nucleo, e cioè ancora nulla a paragone di ora. In fondo era solo un male tutto sommato ancora antico.

bullismo

Tuttavia un nucleo è un nucleo. E così da esso poco a poco è sprigionato un progressivo crescere e deflagrare sempre più impetuoso e vertiginoso. Che intanto, all’esterno, si manifestava nell’affastellarsi di «belle palazzine»: le quali, sostituendo le così belle muschiose case e masserie di tufo di una volta, andavano a poco a poco divorando e infetentendo la campagna. E con essa sparivano intanto ogni bellezza, ogni dimessa umiltà e ragionevolezza. Così il nucleo andava crescendo come un fetido, ripugnante e mostruoso tessuto canceroso – fuori e dentro le case, ma soprattutto dentro le anime, le menti ed i cuori. Esso cancellava minuto per minuto ora per ora giorno per giorno tutto quanto ci poteva essere di bello e di sano. Ed il parto teratologico di questa aberrante iperplasia ipertrofizzante è stato esattamente «il bullo». Un bambino cresciuto nell’assenza di qualunque limite formante, addestrato efficientissimamente alla manipolazione totale dell’altro per mezzo dell’esercizio infallibilmente efficace dell’ebbrezza orgasmica del potere illimitato. Un bambino educato con efficienza mostruosa a godere (come un tossicodipendente) di un autentico eros pervasivo del potere che ignora l’altro e lo asservisce a se stesso come un morto oggetto. Un bambino cresciuto in un autentico culto ipertofico di sé.

Ebbene, era così lontano il limite estremo ancora da raggiungere, e cioè quello della depravazione, della perversione, del sadismo e dell’odiosa infamia? Non lo era! Ed eccolo infatti ora davanti a noi in tutto il raccapriccio che esso sa evocare nelle nostre coscienze spaurite. E a che serve dichiarare ai tg che «ci è sfuggito un fenomeno gravissimo…!»? Non è stato di certo ora che ciò ci è sfuggito. Non è stato in questi anni in cui quei dieci infami seviziavano come se nulla fosse un innocente incapace di difendersi. Ciò che ci è sfuggito iniziava molto prima, e fioriva sotto i nostri occhi come un fiore malvagio con un’evidenza lampante che a nessuno sarebbe dovuta sfuggire. Cresceva tutto intorno a noi, nell’aspetto e negli atti delle persone, delle strade, delle case, dei campi, dei corsi d’acqua, del cielo, del mare.

E dove eravamo tutti noi?

Io personalmente allora sono stato in trincea, ed ho cercato di lottare contro questo mostro nemico. Ho cercato di additarlo ai genitori, ai colleghi, alle istituzioni medico-culturali, agli insegnanti. Ho fatto quello che potevo. E forse nemmeno io ho fatto abbastanza. Ma dov’eravamo intanto tutti noi: medici, insegnanti, politici, psicologi, sociologi, giornalisti, scrittori, uomini di cultura? Dove? Parlavamo, scrivevamo, facevamo, pontificavamo, impreziosivamo elzeviri. Ma ci siamo mai davvero misurati corpo a corpo con il mostro? Ed ora eccolo davanti a noi il Nemico, con l’impositività di una mostruosità ormai normale. «Ce ne sono tanti di casi di bullismo», diceva chissà perché ridendo una madre di Giugliano intervistata al tg.

Ma intanto dobbiamo gettare su tutto ciò anche uno sguardo ben più ampio. Il bullismo di certo non è solo fenomeno di Napoli e circondario. È espressione, amici miei – e diciamolo con parole chiarissime – del totale prevalere del Male sul Bene nel nostro mondo. È questo in sintesi, e non ci nascondiamo dietro i paroloni, le parolette e le formulette! Il Male regna sovrano. Il Male è ormai molto più di moda del Bene. Il Male è eccitante. Il Male gratifica.

Ma questo, ancora una volta, non assolve affatto noi napoletani e para-napoletani. Perché qui tutto questo assume un volto ancora più significativo nella sua malvagità mostruosa. Lo leggi nel ghigno dei ragazzacci arroganti e malefici che incontri per strada, specie nelle periferie tipo Giugliano; e che senza il minimo dubbio hanno già fatto o faranno cose come quelle che hanno fatto quei dieci disgraziati. Il male qui si mescola con la feroce protervia del lazzaro, approdata ormai alla modernità ed esplosa. Corredata ormai di potenti mezzi e di orgogli vari – di abiti di griffe, ultra-telefonini, aggressivi tagli di capello alla Savastano. E confortata e nutrita ogni giorno dagli esempi atroci dei bulli di periferia più di moda, e cioè quelli delle metropoli americane e nordeuropee – i lubrichi danzanti e ghignanti, dai gestacci e mano sul pisello, mentre intorno ondeggiano e tremolano femminili culi nudi. Ma qui tutto questo si mescola con la cancerosa degenerazione urbana, con la sfacciata sfida camorrista, con la dissoluzione totale di una società discreta e solidale, con lo svanire completo di qualunque forma di costruttività. Che cosa dobbiamo fare? Piangere senz’altro. Ma anche finalmente svegliarci e guardare in faccia alla vera causa dei mali. Ne saremo mai davvero capaci?

Download PDF